BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 sollecitazioni a Governo Renzi da Gnecchi, Baretta, Boeri, Sacconi

Quali sono le nuove proposte di cambiamento e novità per le pensioni avanzate da Sacconi, Gnecchi, Baretta, Boeri: ulteriori modifiche al vaglio




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Tra l'altro vi sono nelle novità per le pensioni che abbiamo inserito sotto delle convergenze importanti tra le varie forze, enti ed esponenti. Ad esempio sull'assegno universale, seppur con differenze, si ritrovano tutti dal Dicastero dell'Occupazione al Tesoro che come sappiamo è sempre molto cauto. Stesso discorso sulle ricongiunzioni. Ad esempio, su quest'ultimo punto si potrebbe fare da subito una norma rendendole semplici e gratuite visto che tutti paiono d'accordo e i costi sono bassi. Sarebbe un buon inizio per mostrare che c'è buona fede  volontà sulle novità per le pensioni con una norma che interessbe davvero migliaia e migliaia di cittadini sia pensionandi che lavoratori e giovani anche all'università

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:44): Nelle ultime righe per quanto riguarda le novità per le pensioni richieste dall'Istituto di Previdenza abbiamo detto che  sono più articolate di quanto si è sottolineato spesso nelle ultime notizie e ultimissime. Andando solo un poco indietro ci si può ricordare anche:

- novità per le pensioni con le ricongiunzioni gratuite e senza oneri
- novità per pensioni con l'assegno universale inizialmente per chi sopra i 55 anni è in difficili situazioni senza occupazione con però l'introduzione del meccanismo di quoziente familiare
- novità per le pensioni per quota 41 che al momento appaiono escluse e che invece nelle intenzioni dell'Istituto c'erano
- novità per le pensioni con cambiamenti sulle diverse tipologie e riordino, comprese detrazioni e agevolazioni con una separazione netta

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:44): Il sistema delle mini pensioni che sembra la novità per le pensioni fondamentale nonostante alcune ulteriori indicazioni delle ultime notizie e ultimissime non sembra convincere ancora. Non solo. E sono in costante aumento le varie autorità anche pro maggioranza che richiedono delle novità per le pensioni sia a migliorare le novità finora presentate dal Governo Renzi sia aggiungerne di nuove come alternative o per sostituirle completamente. In modo sintetico ne iniziamo a vedere alcune:

- pensioni novità con quota 100 e possibilmente una formula per i quota 41 da Baretta che insiste, però, anche sul fatto che o ci sono le penalità sulle mini pensioni o le rate, entrambe non vanno bene

- pensioni novità da Gnecchi sull'ampliamento sempre su quota 100 con penalità e quota 41, ricongiunzioni gratuite e semplificate, pensioni prima per chi si deve prendere cura di disabili o ha situazioni difficoli in famiglia e richiesta ampliamento per l'attuale norma che permette ad alcuni di uscire prima a 64 anni.

- pensioni novità da Sacconi che già aveva criticato la staffetta che in questo momento non sta portando a nulla annullandola e portando l'allungamento della Naspi e/o l'utilizzo di conributi figurativi come spiegato sotto

- pensioni novità da Boeri sia contro le pensioni degli esponeni delle varie forze, ma anche ulteriori atti concreti per recuperare soldi da frodi e truffe che ha sottolineato nelle ultime notizie e ultimissime lui stesso e che poi andremo a vedere nel concreto. Senza dimenticare tutte le varie richieste dei suoi piani originali che poi vedremo e che non vanno dimenticate


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:07): Diverse richieste sono pervenute sulle novità per le pensioni al Governo Renzi da esponenti importanti sia della maggioranza che dalla coalizione che la sostiene e non solo come confermano le ultime notizie e ultimissime. Si tratta di miglioramenti di norme già esistenti o di novità per le pensioni totalmente inedite ma sempre più necessarie. Ne abbiamo viste alcune, le approfondiremo ancora di più e ne vedremo di ulteriori

I piani di intervento sull’attuale legge e le novità per le pensioni al vaglio dell’esecutivo sono tante, diverse e spinte da ogni forza politica e sociale, ma nella loro diversità, sono sostenute da alcuni e criticate da altri. Manca, dunque, una soluzione condivisa e universale che possa, finalmente, traghettare verso la definitiva approvazione di novità per le pensioni. E proprio per metterne a punto una si susseguono proposte e richieste di miglioramenti di piani già presentati da parte di esponenti politici. Partendo da Maurizio Sacconi, proprio in settimana, ha presentato una nuova proposta di uscita prima che potrebbe essere vista come una sorta di modifica dell’attuale staffetta ibrida che, stando alle ultime notizie, non sta poi riscuotendo proprio quel successo che si sperava, considerando che non appare conveniente né per i lavoratori né tantomeno per le imprese.

Al posto della staffetta ibrida, Sacconi ha proposto la possibilità di pensione anticipata per i lavoratori cui mancano tre anni al raggiungimento della pensione, con la certezza di continuare a percepire il proprio reddito, che si baserebbe sull’importo dell’ultimo percepito, ma probabilmente non per intero, ma anche i regolari contributi previdenziali fino al momento del raggiungimento della normale pensioni. In questo sistema verrebbero coinvolti lo Stato, che erogherebbe la Naspi per sostenere l’anticipo di uscita del lavoratore, e il datore di lavoro per le restanti spese.

Il sottosegretario all’Economia Baretta, ben d’accordo con il presidente del Comitato ristretto per le pensioni a Motecitorio, è tornato a rilanciare sul suo piano iniziale di novità per le pensioni, vale a dire di uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni del 2% per ogni anno in cui si decide di andare in pensione prima, che ritiene sia molto più conveniente del nuovo sistema basato sulla mini pensione annunciato la scorsa settimana dal premier, senza dimenticare la quota 41, che sarebbe, come ormai ben noto, particolarmente conveniente per chi ha iniziato a lavorare sin da giovanissimo.

Il presidente dell’Istituto di Previdenza Boeri, in settimana, è tornato invece a rilanciare su taglio dei vitalizi d’oro e ricalcolo delle pensioni più elevate per finanziare ulteriori novità per le pensioni per tutti. Per Boeri, i vitalizi dovrebbero essere ricalcolati con quel metodo contributivo, in base cioè ai contributi realmente versati nel tempo lavorativo, con cui ad oggi vengono calcolate tutte le pensioni, sistema che servirebbe per recuperare fondi da investire poi sempre in novità per le pensioni ma per tutti, cercando di limare anche le diseguaglianze sociali che squilibrano, ed anche fortemente, il nostro sistema previdenziale.

Maria Luisa Gnecchi, insieme alla interrogazione per la richiesta di estensione a tutti della possibilità di uscita dal lavoro a 64 anni e sette mesi oggi solo per i lavoratori del settore privato che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2012, anche ai privati che entro la data indicata erano disoccupati e ai lavoratori del pubblico impiego, ha chiesto in settimana, dal Comitato ristretto per le pensioni di Montecitorio, la cancellazione delle ricongiunzioni onerose, che sosterrebbero alcune categorie di lavoratori e lavoratrici ad andare in pensione prima, così come ulteriori novità per le pensioni per coloro che svolgono lavori faticosi, partendo dalla quota 41 che, come ormai ben noto, permetterebbe a tutti di andare in pensione prima con 41 anni di contributi e indipendentemente dall’età anagrafica, con la possibile cancellazione delle penalizzazioni attualmente previste dal piano. Quest’ultima richiesta di cancellazione delle penalità per la quota 41 è sostenuta anche da tutte le forze sociali, secondo cui queste categorie di lavoratori sono già stati fortemente penalizzazioni dalle norme previdenziali in vigore e non dovrebbero esserlo ulteriormente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il