BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Canone Rai 2016 si può fare ancora autocertificazione esenzioni o detrazioni per non pagare o pagare meno. Come funziona

Per tutta la settimana sono arrivati nuovi chiarimenti sul pagamento del canone Rai 2016 con la bolletta della luce.




AGGIORNAMENTO: Nonostante la scadenza è passata, si può fare acora l'autocertificazione per le detrazioni e l'esenzione del Canone Rai 2016. Lo abbiamo visto e illustrato come funziona in questo articolo al seguente link diretto

Ci sarà una nuova proroga dei tempi per l'invio dell'autocertificazione per l'esenzione dal canone Rai? A pochi giorni dalla scadenza del 16 maggio 2016, il giorno entro cui trasmettere via posta cartacea o via posta telematica il modello messo a disposizione dall'Agenzia delle entrate, i dubbi continuano a essere ragionevolmente tanti, se non altro per via dei tanti casi particolari su cui per tutta la settimana sono arrivati nuovi chiarimenti. Come per la vecchia normativa, la semplice disponibilità di un apparecchio televisivo comporta l'obbligo del pagamento dell'imposta.

Tra i nodi sciolti c'è quello del figlio: se coabita e risiede ancora con i genitori, appartenendo così alla stessa famiglia anagrafica, il canone va pagato una sola volta dal genitore intestatario dell'utenza elettrica dell'immobile di residenza, al di là del numero di case o apparecchi posseduti. Viceversa, se il figlio ha cambiato la propria residenza a un altro indirizzo, deve pagare un distinto canone, sempre dell'importo di 100 euro all'anno addebitati a rate con la bolletta elettrica. Nel caso di abitazione in affitto, il canone va pagato dall'affittuario che ha trasferito la residenza e al quale sono intestate le fatture.

Per quanto riguarda i coniugi, nel caso di due distinte bollette di energia elettrica per via, ad esempio, del possesso in comproprietà dell'abitazione, con bolletta di energia elettrica intestata al marito, e una seconda casa, con utenza di energia intestata alla moglie, l'importo va versato una sola volta. E ancora: nei casi in cui nessun componente della famiglia anagrafica sia titolare del contratto e di utenti con reti non interconnesse, pagamento entro il 31 ottobre con versamento unitario e codici tributo dell'Agenzia delle entrate. Nel caso in cui il contratto della luce sia intestato a soggetto diverso dall'intestatario del canone, voltura d'ufficio del canone a chi è intestatario della bolletta.

Il punto fermo continua a essere quello delle categorie esentate dal pagamento del canone Rai 2016. Oltre agli over 75 con basso reddito familiare ovvero pari a 6.713,98 euro, che dal prossimo anno potrebbero diventare 8.000 euro, sono esonerati dal pagamento i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il