BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 mercoledý questa mattina e stasera e giovedý domani

Sempre pi¨ vivace il dibattito previdenziale ma ci si chiede ancora quali saranno le novitÓ per le pension che diventeranno realtÓ: le prospettive della settimana




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:44):  Giornata intensa questa di mercoledì, dove al mattino arriveranno le note ufficiali della Comnunità, ma che in realtà dovrebbe essere già state riferite tutte nelle ultime notizie e ultimissime che da indiscrezioni si sono traformate in notizie ufficiali vere e proprie con ripercussioni anche per le novità per le pensioni partendod a un -10 di bilancio e risorse in più da trovare. Nella serata, invece, ci sarà MatteoRsiponde la prima volta che si farà di sera sui social network. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:47): Nel pomeriggio odierno vi è la solita riunione del Comitato Ristretto a Montecitorio per le novità per le pensioni e questa volta ci si occuperà del Fondo Indigenza comne riportano le ultime notizie e ultimissime che offrono anche una anteprima del benestare ai conti che l'Ue ci dovrebbe aver dato con chiare conseguenze sulle novità per le pensioni, imposte, investimenti e che ufficialmente arriverà domani altro giornata molto intensa sotto vari aspetti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:12):  Vi sono una serie di incontri e riunioni importanti nei prossimi giorni a partire da domani martedì del Gruppo che si dedica alle novità per le pensioni a Montecitorio anche se i giorni davvero più importanti saranno mecoledì e giovedì con novità per le pensioni che arriveranno ufficialmente e altre che saranno probabili stando alle ultime notizie e ultimissime

La questione pensioni continua ad essere di grande discussione e attualità, si susseguono ancora proposte, dibattiti, scambi di idee e opinioni su quale sia la migliore novità per le pensioni da mettere in atto, su quando poterlo fare per soddisfare finalmente le richieste di cambiamento di cittadini, forze politiche e sociali e cercare di rimettere a posto una situazione sociale che sembra ormai sfuggire di mano. E le ultime notizie non fanno che confermare questo quadro negativo, tra pensionandi che si lamentano di allontanarsi sempre più dal loro meritato riposo, lavoratori stanchi di dover continuamente illudersi che la situazione migliori quando poi si prospettano all’orizzonte solo e sempre peggioramenti, e le nuove buste arancione che arrivate già ai primi contribuenti hanno fatto infuriare e non poco. Ma, come ben sappiamo ormai, cambiare l’attuale legge pensioni, con piani come quota 100, quota 41, mini pensione o anche introduzione dell’assegno universale, non è facile: mancano soldi, manca una soluzione condivisa da tutti e universale e manca l’appoggio dalla Comunità.

Tuttavia, mercoledì 18 maggio potrebbe essere una data cruciale, considerando che finalmente si potrebbe sapere qualcosa sulla volontà europea di concedere o meno l’extra deficit all’Italia. E’ il giorno in cui, infatti, stando alle ultime notizie, dovrebbero arrivare le raccomandazioni di Bruxelles ai singoli Stati e sarà l’occasione in cui capire se l’Italia potrà avere ulteriori soldi e se sì quanti saranno e quanti potranno essere impiegati per le novità per le pensioni. Solo con la concessione dell’extra deficit da parte della Comunità si potrebbe rimettere mano al documento economico già steso in vista della prossima Manovra 2017, con alcuni ritocchi. Bisogna, tuttavia, sempre considerare che ci sono circa 14 miliardi di clausole di salvaguardia dello scorso anno da coprire anche se in teoria si potrebbero coprire con l'extra deficit e definirne altre per l’anno prossimo, con la speranza che il Pil torni a salire costantemente.

Entro la metà della prossima settimana è inoltre attesa la presentazione del doppio piano di lavoro che la maggioranza intende seguire, vale a dire Fondo Indigenza e novità per le pensioni vere e proprie che, in vista delle elezioni comunali di giugno, potrebbero rappresentare una svolta. Per quanto riguarda il Fondo Indigenza dovrebbe prevedere una serie di peggioramenti, tra tagli alle agevolazioni fiscali e revisione di alcune tipologie di pensioni, da cui però dovrebbero ricavarsi ulteriori soldi da investire in successive novità per le pensioni per tutti e ovviamente positive; per quanto riguarda invece ulteriori novità per le pensioni, si attendono i dettagli degli ultimi sistemi che sarebbero sul tavolo della maggioranza, in modo da chiarire a tutti le idee su cosa potrebbe portare di nuovo sulle pensioni la nuova Manovra e quanto convenienti possano essere le eventuali novità.

Proprio considerando che le elezioni si avvicinano e che ottobre prossimo sarà il mese in cui si terrà l’atteso referendum costituzionale che se dovesse concludersi negativamente con la maggioranza metterebbe a rischio l’intera tenuta dell’esecutivo, considerando che lo stesso premier tempo fa aveva dichiarato che se avesse perso si sarebbe ritirato dalla scena politica, puntare su novità per le pensioni e fornire ulteriori chiarimenti e indicazioni sulle modifiche che sono al vaglio dell’esecutivo stesso potrebbe rivelarsi decisamente fondamentale. E’ noto, infatti, come il tema delle pensioni, insieme solo a quello di lavoro e tasse, sia l’unico particolarmente sentito dai cittadini, motivo per il quale potrebbe portare, se ben sviluppato, a recuperare nuovi voti ed elettori. Ancora in settimana proseguiranno gli incontri dei Comitati ristretti per le pensioni a Montecitorio e, se venisse dato il via libera all’Extra deficit, inizierebbero anche le nuove riunioni per la revisione del Def.

Giovedì 19 maggio, invece, sono in programma le nuove manifestazioni sindacali per nuove richieste su pensioni e rivalutazioni. E' stato organizzato un corteo che partirà da Piazza dell'Esquilino a Roma che ancora una volta torna a chiedere cambiamenti dell'attuale legge pensioni ma anche nuovi provvedimenti sulla rivalutazione degli assegni per i pensionati. E’ l’ennesima manifestazione che esprime il malcontento di tutti nei confronti di ciò che l’esecutivo ancora non ha fatto sulle pensioni, una situazione che sta diventando sempre più pesante e che finalmente merita che qualcosa venga concretamente fatto. E questa necessità è stata proprio ciò che ha portato il presidente della Repubblica Mattarella, nei giorni scorsi, ad aprire a novità per le pensioni.

Mattarella ha, infatti, spiegato come le pensioni non debbano essere sottoposte a continui cambiamenti che destabilizzano tutti, lavoratori, pensionandi e soprattutto i più giovani che non sanno cosa aspettarsi e che sembrano ora brancolare nel buio nell’attesa di chiarimenti. Bisognerebbe, dunque, pensare a novità per le pensioni che possano assicurare a tutti sia la possibilità di andare in pensione prima rispetto ai 66 anni di oggi sia un adeguato trattamento economico finale.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il