BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Surroga Mutui Maggio 2016 migliori offerte per cambiare banca.Tassi e condizioni migliori tra Unicredit,Intesa San Paolo,Ubi Banca

Come funziona la surroga, chi può chiederla e come valutare le condizioni migliori: le proposte attuali di Unicredit, Intesa San Paolo, Ubi Banca




Sono diverse le richieste di surroga che continuano ad arrivare in questi primi mesi del 2016 da parte di mutuatari che desiderano cambiare il proprio mutuo e scegliere una tipologia più conveniente. La surroga o di cambiare mutuo, spostandolo da una banca ad un’altra, per concedere al mutuatario un nuovo mutuo per l’esatto ammontare del capitale residuo; prevede la stipula di un nuovo contratto di mutuo con un secondo istituto di credito, che subentra al primo, concedendo al mutuatario condizioni migliori, in termini di tasso, importo della rata, periodo di ammortamento, fermo restando che l’importo finanziato è uguale al capitale residuo.

La scelta della surroga deve chiaramente prevede condizioni migliori per il mutuatario, a partire dall’abbassamento dell’importo della rata mensile, per arrivare ad un tasso più basso. Tra le migliori offerte di surroga di questo mese di maggio 2016 ci sono le proposte Trasloca Mutuo Valore Italia di Unicredit, tra cui scegliere tra Mutuo Valore Italia, Mutuo Valore Italia Più, Mutuo Valore Italia Super e Mutuo Valore Italia Top, che permettono di controllare sempre l'andamento delle proprie rate con il tagliando che sarà inviato ogni anno in regime di tasso variabile oppure 90 giorni prima della scadenza pattuita per il regime a tasso fisso, di adeguare il piano dei pagamenti in base alle proprie esigenze, di avere maggiore flessibilità per adeguarsi all'andamento dei mercati e tutelarti da eventuali cambiamenti dei tassi, e finanziare fino 100% del valore dell’immobile.

Intesa Sanpaolo propone Mutuo Domus Variabile con finalità Abitativa e Surroga, mutuo ipotecario che permette di acquistare, costruire ma anche ristrutturare la propria casa e permette di trasferire il propria mutuo presso un'altra banca, con costi notarili ed eventuale nuova perizia a carico della banca. Con Mutuo Domus Variabile il tasso di interesse e la rata mensile variano in base all'andamento dei tassi di mercato e si può scegliere di modulare la variabilità della rata, con piani di rimborso diversi. Infine, Ubi Banca propone diverse possibilità di surroga, da Mutuo regolare surroga, che prevede un tasso d’interesse che cambia periodicamente in base all’evoluzione del parametro d’indicizzazione specificato nel contratto di mutuo e prevede la possibilità di finanziare fino all’80% nel caso di ipoteca sulla prima casa; Mutuo Fix Surroga, per chi vuole sostituire il proprio mutuo e ottenere un finanziamento calcolato in base al tasso IRS; Mutuo Flex- Fix Surroga 2X, che permette di ottenere il tasso fisso per il primo biennio e di decidere per i bienni successivi se continuare con il tasso fisso o trasformarlo in variabile; Mutuo Var Aperto Surroga, che prevede per il periodo iniziale rate calcolate con tasso variabile, ma a partire da 7 mesi dopo l’erogazione, il cliente può richiedere il passaggio al tasso di interesse fisso per un periodo di 2,3 o 5 anni.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il