BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 e le prospettive prima e dopo il Congresso ufficiale

Tutta da giocare la partita delle novità pensioni che passa anche dal futuro del Partito democratico. Quali sono le prospettive?




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:12): A spingere in avanti le novità pensioni potrebbero essere ragioni non propriamente sociali, come raccontato dalle ultime e ultimissime notizie che invitano a guardare con attenzione alle elezioni amministrative in cui sono interessate anche le città di Roma, Torino, Milano, Napoli e Bologna, e al congresso del Partito democratico dopo. Per ragioni differenti il premier e segretario dell'attuale maggioranza potrebbe giocare la carta delle novità per le pensioni per cercare consenso tra gli elettori e accattivarsi le simpatie dell'ala sinistra del partito. Senza dimenticare i candidati a nuovo segretario che sembrano avere idee molto chiare sulle stesse pensioni

L'accelerazione sulle novità pensioni potrebbe arrivare con i prossimi appuntamenti elettorali prima e con il congresso del Partito democratico dopo. Non si tratta di uno scenario nuovo. In fin dei conti, la storia recente dimostra come proprio in vista delle chiamate degli elettori alle urne, i governi sono più propensi a mettere le mani sulle pensioni che, insieme ai temi delle tasse e del lavoro, rappresentano da sempre questioni che catalizzano consensi. E la musica non sembra destinata a cambiare questa volta quando, uno dopo l'altro, sono in calendario prima le elezioni comunali del 5 giugno anche nelle importanti città di Milano, Roma, Napoli, Bologna e Torino, poi il referendum costituzionale di ottobre a cui il premier ha legato la prosecuzione della sua carriera politica.

Non sembra quindi un caso che a circa due settimane dal voto sia tornata d'attualità l'ipotesi delle mini pensioni ovvero la possibilità di concedere ai lavoratori a cui mancano pochi anni dal congedo, la somma necessaria per accedere al trattamento previdenziale. A non convincere fino in fondo è la definizione della platea dei beneficiari, per ora limitata a coloro che sono nati tra il 1951 e il 1953, l'entità delle penalizzazioni applicate all'assegno, che restano ancora da decidere, e gli eventuali interessi da corrispondere alla banche e alle assicurazioni che anticipano la somma. Insomma, la partita resta ancora tutta da giocare.

E se c'è un appuntamento da seguire da vicino è quello del prossimo congresso del Partito democratico che il segretario e presidente del Consiglio è disponibile ad anticipare a subito dopo il referendum costituzionale d'autunno. Si tratta di un passaggio importante perché si fronteggiano l'ala che fa riferimento al premier, naturalmente maggioritaria, e quella più a sinistra, notoriamente più sensibile sulle pensioni, come dimostrato dalle tante proposte avanzate negli ultimi mesi, dall'applicazione di quota 100 quale somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per andare in pensione a quota 41 per chi ha iniziato a lavorare in giovane età, fino ad arrivare all'ipotesi di permettere il ritiro anche a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazione dell'assegno fino all'8%.

La novità è rappresentata dal fatto che per vincere la battaglia lunga sei mesi del referendum, il presidente del Consiglio chiede unità dentro il Partito democratico. Dopo la direzione, il premier lancia un nuovo appello alla tregua interna prima ai segretari regionali e poi all'assemblea dei parlamentari. "Occorre parlare al Paese a testa alta, io farò solo questo e non altro", chiede, assicurando che sull'elezione dei nuovi senatori terrà fede alla promessa di approvare una legge ad hoc. Cosa comporta? Una freccia in meno all'arco della sinistra interna, proprio mentre in televisione Pier Luigi Bersani, già segretario del partito e adesso esponente di quell'ala di sinistra, dice di "volerci vedere chiaro" sul referendum e definisce "legittimo" che nel Partito democratico ci si schieri con il no.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il