BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa terzo ciclo 2016 nuovo, risultati concorso scuola prova scritte conoscere prima, mobilità fasi, problemi: nuove indicazioni

Nuove indicazioni sul mono della scuola, dalle operazioni di mobilità alla correzione delle prove scritte del concorso.




Continua a essere in costante movimento la piattaforma della scuola italiana per le tante questioni che la animano e che sono in attesa di risposte. C'è il Tfa terzo ciclo, ad esempio, di cui ancora non si conoscono i tempi di pubblicazione del bando, i requisiti per la partecipazione e il modo in cui si rapporterà con le nuove classi di concorso. Si ricomincia comunque da quei 16.000 previsti, di cui 11.328 per posto comune e 5.128 su sostegno. Più precisamente, per quanto riguarda il posto comune, sono 3.270 per la scuola secondaria di primo grado, 8.058 per quella secondaria di secondo grado. In merito ai posti sul sostegno, 392 all'infanzia, 1.749 alla primaria, 1.932 alla scuola secondaria di primo grado, 1.035 per quella secondaria di secondo grado.

Poi c'è il capitolo mobilità, rispetto a cui le domande per la seconda fase dei movimenti dei docenti vanno presentate entro il 30 maggio 2016. Come da tempo riformato e comunicato dal Ministero dell'Istruzione, le operazioni di mobilità si articolano in due fasi. Nella prima sono stati effettuati i trasferimenti dei docenti all'interno delle singole province, con la consueta mobilità da scuola a scuola. Nella seconda fase i movimenti dei docenti tra province, con trasferimenti tra ambiti territoriali. Questa è la fase straordinaria di mobilità su tutti i posti vacanti e disponibili e su tutto il territorio nazionale per la scuola italiana.

Dal 19 maggio è poi disponibile la piattaforma per la valutazione delle prove scritte delle procedure concorsuali da parte delle commissioni giudicatrici. Stando alle norme in vigore, prima dell'avvio delle operazioni di correzione, il sistema rimescola tra loro gli elaborati, come avvenuto in passato per le procedure concorsuali tradizionali, in modo da far risultare completamente casuale l'ordine di correzione e attribuendo a ciascun elaborato, un progressivo anonimo, diverso dal codice di controllo contenuto nella busta cartacea internografata. Nell'ipotesi in cui sia necessario, in base al numero dei candidati, istituire sottocommissioni, i presidenti coordinatori hanno a disposizione una funzionalità di distribuzione automatica e casuale degli elaborati tra le sottocommissioni.

La pagina riporta il numero di elaborati assegnati, nonché una proposta di ripartizione bilanciata fra le commissioni, che potrà essere confermata o variata, rispettando il tetto massimo di 500. Una volta confermata da parte del presidente la distribuzione sarà immodificabile. I presidenti hanno a disposizione una schermata di riepilogo che riporta sottocommissione per sottocommissione, se istituite, le anagrafiche dei commissari, il numero di elaborati da correggere, il numero di elaborati già corretti, e, successivamente, i voti della prova pratica registrati, ove prevista.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il