BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 e cosa cambia con risultati, sondaggi, statistiche differenti

L'introduzione di novità sulle pensioni è condizionata dai prossimi appuntamenti elettorali, tra cui le comunali a giugno.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:45) Vi potrebbero essere novità sulle pensioni sia che i sondaggi e le statistiche andassero bene oppure male per l'attuale maggioranza e coalizione. E non è un controsenso. Se dovessero andare bene, significherebbe ballottaggio e a qual punto si potrebbero avere novità per le pensioni positive per cercare di vincere. Se le cose dovessero andare male, ma molto, e non si perderebbe solo 2 città tra quelle più importanti ci potrebbe essere una mossa sempre per le novità per le pensioni per cercare di recuperare. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:47): Sono arrivati i sondaggi finali ufficiali, poi fino al voto, per le norme vigenti, non potranno essere più condotti, anche se potrebbero comunque filtrare indiscrezioni come nelle occasioni più recenti come da ultime notizie e ultimissime. Sondaggi, numeri e statistiche che fanno pensare e che potrebbero dare degli input anche per le novità per le pensioni oppure anche no. E molto dipende appunto da quetsi numeri e dalle decisioni che in base a questi si vorranno intraprendere.

Sembra quasi inevitabile che la partita delle novità per le pensioni debba essere legata a quella delle elezioni. E solo in questo 2016 ci sono due appuntamenti molto importanti dai quali per ragioni differenti il premier non potrà prescindere. Il primo è quello con le elezioni comunali del 5 giugno in cui saranno interessate anche le strategiche città di Milano, Roma, Bologna, Torino e Napoli. Ebbene, i sondaggi più recenti riferiscono di un Partito democratico in forte difficoltà. A parte Torino, dove il candidato Piero Fassino, già segretario dello stesso Pd, viene dato per favorito, con o senza ballottaggio, e Bologna, altrove la situazione è molto incerta.

Volendo entrare nei dettaglio, a Milano, secondo il sondaggio Demos & Pi realizzato a maggio 2016 (base 1.028 casi) pubblicato dal quotidiano la Repubblica, Giuseppe Sala (Partito democratico, Lista Beppe Sala-Noi Milano, Sinistra x Milano, altri) è al 39,2% e dunque in vantaggio su Stefano Parisi (Lista civica Parisi - io corro per Milano, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Milano popolare, altri) e dunque la sfida si concluderà al ballottaggio due settimane dopo. A Roma Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) è davanti con il 30,5% a Roberto Giachetti (Partito democratico, Lista civica Giachetti sindaco, Più Roma-Popolari e democratici, altri) fermo al 24,5% e soprattutto favorita al ballottaggio.

A Napoli Luigi De Magistris (Napoli in comune a sinistra, Lista Dema, La Città con De Magistris, altri) è davanti a tutti con il 42,1%. Alle sue spalle Gianni Lettieri (Forza Italia, Prima Napoli, altri) e Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle). Solo quarta Valeria Valente (Partito democratico, Valeria Valente sindaco, Napoli popolare, altri). A Bologna il favorito con il 49,8% sarebbe Virginio Merola (Partito democratico, Cittadini per Bologna, Città comune con Amelia, altri), seguito da Lucia Borgonzoni (Lega Nord, Uniti si vince, Forza Italia, Fratelli d'Italia, altri) con il 17,7% dei consensi.

Il tutto mentre il premier ha inaugurato il primo dei comitati per il sì al referendum. Sarà composto da semplici cittadini: obiettivo è puntare sui contenuti della riforma e sempre meno sulla persona del premier stesso. Resta l'incognita dei Radicali italiani, che hanno presentato in Cassazione la richiesta di uno spacchettamento dei referendum sulla riforma, con più quesiti sulle diverse parti della riforma. Il voto sul referendum confermativo dovrebbe tenersi ad ottobre, probabilmente domenica 16. In una sola data, dopo la decisione del governo di accantonare l'ipotesi di votare anche lunedì mattina. Ed è soprattutto in vista di questo secondo appuntamento elettorale che la carte delle pensioni potrebbe essere tirata fuori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il