BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Indulto e amnistia: novità questa settimana più rilevanti

Nonostante la situazione delle carceri in Italia non si lavora a sufficienza sui fronti di indulto e amnistia.




Ancora una settimana interlocutoria sul fronte del dibattito su indulto e amnistia. Eppure si rimane piuttosto interdetti considerando la situazione delle carceri in Italia. I detenuti sono 53.725 a fronte di un capienza consentita di 49.545 posti. Sono fuori limite, a livello regionali, Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Veneto. Eppure non si sta prendendo in considerazione la soluzione di lavorare su amnistia e indulto ovvero sembra per ora messa da parte.

I posti sono calcolati sulla base del criterio di 9 metri quadrati per singolo detenuto, a cui sono aggiunti 5 metri quadrati per gli altri, lo stesso per cui in Italia viene concessa l'abitabilità alle abitazioni, più favorevole rispetto ai 6 metri quadrati più metri quadrati stabiliti dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti più servizi sanitari. A ogni modo,questi numeri non tengono conto di eventuali situazioni transitorie che comportano scostamenti temporanei. I dati, si ricorda, sono forniti dalla sezione Statistica dell'Ufficio per lo sviluppo e la gestione del sistema informativo automatizzato statistica e automazione di supporto dipartimentale dl Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria.

A onor di cronaca occorre fare presente come questa sia stata la settimana della morte di Marco Pannella, combattente per l'approvazione di misure su amnistia e indulto. Il protagonista di mille battaglie dell'Italia del Novecento, il simbolo della lotta non violenta per i diritti civili e politici si è spento a 86 anni. Lo storico leader radicale era malato da tempo e, dopo aver trascorso le ultime settimane nella sua casa di via della Panetteria, a pochi passi dal Quirinale, mercoledì pomeriggio ha subito un ultimo, fatale, peggioramento. È stato ricoverato nella clinica Nostra Signora della Mercede e lì poco prima delle 14, si è spento mentre lo assistevano i vecchi compagni di un tempo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il