BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni sondaggi sono falsi e sbagliati Napoli, Roma, Torino, Bologna, Milano su Pd, M5S, Lega, Forza Italia secondo alcuni

Si vota il 5 giugno in alcune delle grandi città italiane: candidati in testa avviati alla vittoria. Ma confusione e accuse sui falsi sondaggi




Manca poco più di una settimana alle elezioni comunali che si terranno in alcune delle grandi città italiane: Il prossimo 5 giugno, infatti, si vota in ventisei comuni capoluogo di provincia, fra cui Bologna, Cagliari, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste che sono anche capoluogo di regione. Andranno a votare, nella sola giornata di domenica come precisato qualche giorno fa, complessivamente 1.363 comuni, di cui 1.175 appartenenti a regioni ordinarie e 188 a regioni a statuto speciale. Intanto, da Milano, a Torino, Bologna, Roma e Napoli e continuano, chiaramente, a susseguirsi sondaggi e rilevazioni tra le intenzioni di voto dei cittadini e tendenze che potrebbero anticipare come si chiuderanno queste nuove votazioni.

Tuttavia, ancora una volta, il meccanismo dei sondaggi è finito nel mirino di critiche e attacchi che questa volta sono arrivati direttamente dal deputato Pd Giacomo Portas e pubblicati su infosannio.wordpress.com. Portas, dopo gli ultimi risultati sui sondaggi a Roma, arrivati poco dopo alcune affermazioni e dichiarazioni da parte di alcuni candidati, ha chiaramente parlato si risultati falsi e sbagliati, distorti, a suo dire, dal fatto che sono stati effettuati subito dopo aver udito parole, promesse, buoni propositi che chiaramente influenzano le intenzioni dei cittadini elettori. Inoltre, molti dei risultati vengano falsati spendendo qualcosa in più per ‘comprare’ le rilevazioni, cosa che invece non dovrebbe assolutamente essere così.

Il risultato è che, secondo il tecnico, non bisognerebbe credere ai risultati. Intanto, proprio dagli ultimi sondaggi aggiornati, se a Torino e a Bologna sembrano ormai pronti a mantenere la poltrona da sindaco, rispettivamente, Piero Fassino, della sinistra Dem, al 42,5%, e Virginio Merola del Partito Democratico al 49,8%, a Milano è sfida aperta tra il candidato di centrosinistra Giuseppe Sala, al 39,2%, e il candidato di centrodestra Stefano Parisi, al 35,8%.

Se il distacco rimanesse questo, seppur minimo, e si andasse al ballottaggio, sarebbe sempre Sala a vincere. Non dovrebbe esserci alcuna storia nella Capitale, dove gli ultimi sondaggi danno nettamente  in vantaggio la candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi al 30,5%, ben lontana da Roberto Giachetti (Dem) con il 24,5% e da Giorgia Meloni sostenuta da Fdi e Lega, al 23,1%. A Napoli, invece, potrebbe rincofermarsi alla guida della città il sindaco uscente Luigi De Magistris, al momento al il 42,1%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il