BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Imu e Tasi 2016: differenza in vigore da quest'anno. Cosa cambia conteggi e calcolo seconda casa, box, terreni, prima casa

Ci sono ancora poco più di 15 giorni di tempo per procedere con il pagamento della prima rata di Imu e Tasi 2016.




Tutte le città italiane, tra cui i capoluoghi Milano, Roma, Torino, Napoli, Firenze, Palermo, Bologna, Venezia, Genova, Bari, sono coinvolte dal pagamento di Imu e Tasi 2016. La data entro la quale passare alla cassa per il pagamento della prima rata è il 16 giugno. A differenza dello scorso anno, tuttavia, i proprietari di prima casa, purché non sia di lusso ovvero accatastata come A1, A8 e A9, non dovranno versare la Tasi. Confermata l'abolizione dell'Imu, ma solo sulla prima casa. I proprietari di seconda casa, dovranno comunque versare entrambe le imposte. In merito alla Tasi, la tassa sui servizi indivisibili, anche l'affittuario è chiamato a contribuire nella misura fra il 10 e il 30% della somma totale.

Tra le novità di quest'anno c'è anche il dimezzamento di Imu e Tasi per gli immobili concessi in comodato d'uso gratuito ai parenti di primo grado. Non a qualunque condizione: l'abitazione deve essere adibita a principale del comodante; non deve trattarsi di una casa di lusso ovvero non deve appartenere alle categorie catastali A1, A8 e A9; il comodato d'uso deve essere registrato tramite contratto presso l'Agenzia delle entrate; il comodante deve possedere un solo immobile in Italia oltre alla prima casa non di lusso concessa in comodato d'uso; il comodante deve avere la residenza e il domicilio nello stesso Comune in cui l'immobile è concesso in comodato.

Stessa cosa per usufruire dell'esenzione del versamento dell'Imu 2016 sui terreni agricoli ovvero devono rispettare alcuni requisiti ben precisi. In particolare, possono non passare alla cassa i proprietari di terreni destinati all'agricoltura, alla silvicoltura e all'allevamento di animali, con proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile; di terreni agricoli che rientrano nell'elenco del Ministero dell'Economia e i comuni montani esenti Imu; dei terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti del fondo e imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola, a prescindere dalla sua posizione geografica; di terreni siti nelle isole minori cioè Isole Tremiti, Pantelleria, Isole Pelagie, Isole Egadi, Isole Eolie, Isole Suscitane, Isole del Nord di Sardegna, Isole Partenopee, Isole Ponziane, Isole Toscane, Isole del Mar Ligure, Isola del Lago d'Iseo.

Per il pagamento è possibile utilizzare il modello F24 o il bollettino postale. I codici tributo da utilizzare sono 3958 per la Tasi su abitazione principale e pertinenze; 3959 per la Tasi su fabbricati rurali strumentali; 3960 per la Tasi su aree fabbricabili; 3961 per la Tasi su altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il