BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Tfa terzo ciclo 2016 nuovo: attivazione, inizio, quando, come e per chi e assunzioni. Ulteriori indicazioni ufficiali

Continua a tenere banco la questione dell'attivazione del nuovo Tirocinio formativo attivo in ottica concorso.




Ci sono diverse ragioni per cui si continua a parlare senza soste del Tfa ordinario. Le incertezze e le perplessità non sono solo in riferimento all'attivazione del terzo ciclo ovvero alla pubblicazione del bando. Ma anche al rapporto tra lo stesso Tirocinio formativo attivo e il concorso scuola, quello in corso e quello futuro. Sono infatti in tanti a contestare le regole attuali, secondo cui gli abilitati all'insegnamento devono sostenere le prove concorsuali per diventare docenti di ruolo nella scuola italiana. Sulla questione è tra l'altro intervenuta Elena Centemero, deputato di Forza Italia, in occasione di una conversazione via Facebook.

La sua posizione è molto chiara e lascia poco spazio ai dubbi: "Non si va contro la legge. Mi dispiace io voglio essere onesta rispetto a chi vi ha illuso. Il Tfa è una abilitazione: per essere assunti dovrete superare il concorso!". Ma naturalmente occorre fare i conti con la recente presa di posizione dei giudici amministrativi che hanno ammesso con riserva al concorso candidati non abilitati. E in questo caso appaiono interessanti le motivazioni: "La normativa primaria di riferimento del tutto legittimamente richieda (oltre al titolo di studio previsto per ciascuna classe di concorso) il possesso dell'abilitazione all'insegnamento quale ulteriore requisito necessario per essere ammessi ai concorsi di cui all'art. 400 del cit. D.Lgs. n. 297/1994".

Di conseguenza, "anche a quello di cui qui trattasi, bandito il 26 febbraio 2016 ai sensi del comma 114 della legge n. 107/2015 e che possa prescindersi da tale requisito solo nel caso in cui per quella specifica classe, non sia stato attivato e compiuto almeno un percorso abilitativo “ordinario” (nei sensi, sopra chiariti, di percorso aperto a tutti i soggetti muniti del titolo di studio richiesto)". In buona sostanza significa che si può fare a meno dell'abilitazione nel caso di mancata attivazione di un percorso abilitante ordinario.

Il tutto mentre si resta in attesa di ulteriori novità sul nuovo Tfa 2016 terzo ciclo, rispetto a cui i posti sono circa 16.000 posti, di cui 11.328 per posto comune e 5.128 su sostegno. Più precisamente, per quanto riguarda il posto comune, sono 3.270 per la scuola secondaria di primo grado, 8.058 per quella secondaria di secondo grado. In merito ai posti sul sostegno, 392 all'infanzia, 1.749 alla primaria, 1.932 alla scuola secondaria di primo grado, 1.035 per quella secondaria di secondo grado. Non è poco considerando che fino a qualche giorno fa, la sola certezza era rappresentata dalla sola attivazione del terzo ciclo del Tirocinio formativo attivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il