BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni ultime notizie preferenze e richieste espressa dai Gruppi e cittadini online su quota 100, quota 41, mini pensioni

Il confronto sulle novità per le pensioni viene alimentato anche dagli interventi espressi via web.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:47): Il dibattito online ès empre più vivo e non potrebbe che essere così visto le ultime notizie e ultimissime sulle pensioni. Facendo una analisi sulle reazioni delle potenziali novità per le pensioni si può affermare come:

- novità per le pensioni con il mini prestito non convicano nessuno per numerosi motivi e avrebbero pochissimi aderenti
- novità per le pensioni quota 100 e quota 41 sono le più gettonate, ancora di più che le detrazioni fiscali
- novità per le pensioni sono trasversali richiederebbero l'impegno anche dei giovani che sono, però, poco presenti in questi gruppi.
- novità per le pensioni, riallaciandosi, al punto precedente con inziative forti di piazza e c'è un sostanziale ammirazione per i francesi, ad esempio, e quello che stanno facendo
- novità per le pensioni ma senza forze sociali che non fanno nulla per il punto precedente, ma soprattutto non sono appaionio così intenzionati a centrare con forza gli obiettivi.E tra l'altro, non è un caso, che non si parla mai oquasi, della loro piattaforma ma solo di quota 100 e quota 41.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:42): Continua a essere alimentato anche dai contributi che arrivano dalla Rete il dibattito sulle novità per le pensioni. D'altronde basta consultare i siti specializzati o i tanti gruppi creati su Facebook per avere conferma di quanto si apprende dalle ultime e ultimissime notizie ovvero che le novità sulle pensioni stanno a cuore di pensionati e lavoratori italiani.

Un intervento di aiuto per gli assegni più bassi, la possibilità di uscire un po' prima rispetto ai requisiti adesso in vigore per accedere al trattamento previdenziale, una minor costo sia della ricongiunzione dei contributi e sia del riscatto della laurea. Si tratta di alcune delle misure allo studio dell'esecutivo nell'ambito del piano per introdurre novità sulle pensioni. Nelle sue linee generali, ovvero prescindendo dalla platea dei beneficiari delle mini pensioni, dalle penalizzazioni applicate e dai costi generali, si tratta di provvedimenti che riscuotono un consenso generale, come dimostrato dai pareri e dai commenti che si leggono sul web.

Proprio la Rete rappresenta un punto di riferimento interessate per conoscere altri punti di vista ovvero per arricchire il dibattito. Basta fare un giro sulle principali piattaforme di social network, come Facebook, per rendersi conto come le novità per le pensioni siano sempre al centro dell'attenzione e come non manchino pagine e gruppi creati ad hoc. Qualche esempio concreto? Quello dei "Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti" ovvero coloro che hanno iniziato a lavorare in giovane età e che chiedono l'applicazione di 40 o 41 anni di contributi minimi per accedere al trattamento previdenziale, che hanno creato un gruppo Facebook. Oppure c'è "Diritti negati lavoratori", anch'esso molto vivace sul fronte pensioni.

Si scopre allora come l'interesse e le preferenze vanno anche in altre direzioni, su tutte l'applicazione di quota 100 quale somma di età anagrafica e anni di contribuzione per andare in pensione. Ma anche l'apertura della porte dell'accesso al trattamento previdenziale anche a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni del 2% all'anno fino a un massimo dell'8%. Naturalmente chi ha iniziato a lavorare in giovane età spinge per l'introduzione di quota 41 anni, quali anno di contribuzione da maturare, senza limiti anagrafici e senza penalizzazioni. Non accettato e comunque non applicabile il piano che prevede il ricalcolo degli assegni per tutti con il contributivo.

In questo contesto ci sono alcuni segnali che lasciano immaginare anche novità sulle pensioni di segno negativo. Quali?

- Novità per le pensioni indicate nelle ultime affermazioni da viceministri e sottosegretari come molto limitate.

- Novità per le pensioni che lo stesso presidente del Consiglio afferma come possibili, ma da conciliare con il taglio delle imposte.

- Novità per le pensioni dagli stessi e da altri esponenti condivise solo per la riduzione delle imposte e aumento pensioni più basse.

- Novità per le pensioni che non hanno le risorse necessarie nel caso di intervento sulle imposte per tutti i contribuenti.
- Novità per le pensioni limitate dalle indicazioni di troppi enti sovranazionali.

Insomma, l'impressione è che la macchina delle pensioni sia sì stata messa in moto con una direzione ben precisa, quella di facilitare l'uscita un po' prima rispetto a quanto adesso previsto, ma con molti dettagli ancora da chiarire.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il