BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 100, quota 41 novità reali sui cui si muovono e ambiscono minoranza, opposizione

Assetti politici, richieste di novità per le pensioni da parte di opposizione e minoranza e sistemi su cui si torna a puntare ma ancora tanta incertezza




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:32): E la posizione di Bersani, sembra davvero quella di un punto di non ritorno, simile a quella del M5S e di Di Maio solo delle ultime notizie e ultimissime di uno o due giorni fa che accusava di lavorare solo per le lobby e anche le novità per le pensioni un favore agli isituti di credito. In questo contesto, la trattativa per le novità epr le pensioni con la minoranza diventa sempre più difficile anche se l'esecutivo potrebbe cercare di riavvicinarsi anche con le novità per le pensioni per evitare problemi al voto. O altrimeti staccarsi completamente e fare affidamento ad altri voti, come vedremo, che significherebbero novità per le pensioni negative

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:12) E facendo riferimento a quanto scritto sotto sempre legato alle novità per le pensioni, nelle ultime notizie e ultimissime vi è una rinnova richiesta per raggiunere le 50mila firme che potrebbero essere portate a giorni ai Ministri per quota 100 e una ulteriore presa di posizione durissima di Bersani che attacca la maggioranza affermando di fare novità solo per i 10-15 che contano del capitalismo italiano.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:17): Da una parte, dunque, Bersani e Cuperlo, ma non solo, cercano di ritornare ad avere un peso importante nelle decisioni come opposizione interna e la stessa minoranza forte anche di questo impegno cerca di ritornare sul tema delle novità per le pensioni in modo particolare attraverso le novità del Comitato Ristretto per le pensioni che si sta occupando sempre (divisi in due) di:

- novità per le pensioni quota 100 cercando ci creare un testo unico e forte dalla raccolta di oltre 30mila firme
- novità per le pensioni quota 41
- novità per le pensioni con ricongiunzioni gratis e semplificate

Senza dimenticare il Fondo Indigenza che stanno portando avanti che contiene novità per le pensioni e ne potrebbe contenere anche di più importanti (stanno sviluppo il testo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:02): Non c'è solo Palazzo Chigi a lavorare sulle novità per le pensioni. Se l'esecutivo sta ragionando sull'opportunità di introdurre le mini pensioni con penalità per un numero ristretto di beneficiari, il gruppo Pensioni a Montecitorio, come ci ricordano le ultime e ultimissime notizie, sta lavorando su soluzioni alternative, anche se economicamente più costose, mentre la sinistra dem continua a invocare misure socialmente più accettabili per lavoratori e pensionati.

Il leader della sinistra Dem, Gianni Cuperlo, non è recentemente intervenuto sulla questione delle novità per le pensioni ma negli ultimissimi giorni, come confermano le ultime notizie, ha chiaramente messo in evidenza un malcontento politico, causato dalle forti divisioni con l’opposizione interna e la minoranza e dalle polemiche sul prossimo referendum costituzionale di ottobre, che contribuiscono a rendere le condizioni di lavoro tra tutti sempre più difficili, mettendo a rischio la soluzione di questioni fondamentali che avrebbero la necessità di essere risolte attraverso la definizione di soluzioni comuni e condivise, comprese le novità per le pensioni. Cuperlo appoggia quota 100 e quota 41, ma anche l’ipotesi di aumentare le pensioni più basse e di ricalcolare le pensioni più alte. Nulla sulla mini pensione.

L’ex segretario del Pd Bersani, nelle ultime settimane, se non negli ultimi mesi, è prepotentemente tornato sul palcoscenico della politica, cercando di crescere e tornare ad avere maggiore peso e più volte attaccando il premier, chiedendo anche di rivedere quella legge costituzionale che si vuole portare al referendum, introducendo al posto del ballottaggio nazionale per l’assegnazione del premio di maggioranza il doppio turno nei singoli collegi, modifica che potrebbe anche far comodo all’esecutivo, considerando che, secondo le ultime notizie, con l’attuale legge il M5S potrebbe battere il Pd al secondo turno. Con questa novità proposta da Bersani, invece, le cose potrebbero cambiare, come potrebbe cambiare anche la sua posizione e avere effetti su eventuali novità per le pensioni.

Mentre l’opposizione cerca di riconquistare peso e importanza, il Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio non si arrende e torna a rilanciare su novità per le pensioni con quota 100 e novità per le pensioni con quota 41, con 41 anni di età, cioè, indipendentemente dalla soglia anagrafica e senza penalizzazioni, sostenuto anche dalle forze sociali, ma anche sull’uscita per tutti, compresi gli impiegati del pubblico impiego e gli stessi lavoratori privati che in quella data risultavano disoccupati, a 64 anni di età e sette mesi ora valida solo per i lavoratori del settore privato che abbiano maturato tali requisiti entro il 31 dicembre 2012.

Per quanto riguarda la quota 41 si tratterebbe di un sistema che, come ripetuto da tempo sarebbe particolarmente vantaggioso per chi è impegnato in lavori faticosi o chi è entrato giovanissimo nel mondo occupazione e avrebbe già, magari, potuto raggiungere la pensione finale se non fosse in vigore un requisito anagrafico particolarmente rigido per queste categorie di lavoratori. La cancellazione delle penalità è stata chiesta proprio alla luce del fatto che si tratta di persone che sono già state fortemente penalizzate dalle norme pensionistiche oggi in vigore.

Per la quota 100, invece, come da sempre si ripete, sarebbe la proposta più conveniente di uscita prima perché lascerebbe al lavoratore davvero la libertà di scegliere quando lasciare il lavoro, sempre a fronte di penalità, con possibilità di prepensionamento a partire da 62 anni e 38 anni di contributi. L’altra proposta da tempo proposta dal Comitato ristretto è quella di uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalità del 2% per ogni anno di anticipo in cui si lascia il lavoro prima rispetto alla soglia dei 66 anni,e fino ad un massimo dell’8% per chi decide di andare in pensione fino a quattro anni prima.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il