BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni,quota 41 interrogazione ufficiale su criteri e resoconto riunioni Fondo Indigenza

Nuova spinta su iter Fondo Indigenza, obiettivi ultimi incontri e conseguenze per novità per le pensioni:




Martedì e ieri, mercoledì 25 maggio, si sono tenute due nuove riunioni  per il Fondo Indigenza presso il Gruppo  Occupazione di Montecitorio con l’obiettivo dichiarato di accelerare sulla definizione del testo. Si tratta di un testo che potrebbe avere effetti anche sulle novità per le pensioni e che, secondo le ultime notizie, come riportato dal presidente del Gruppo, potrebbe essere collegato alla prossima Manovra. Secondo Simonetti, intervenuto durante gli incontri, si tratta di un testo importante soprattutto di contrasto all'indigenza che è una situazione importantissima da risolvere nel nostro Paese, ma ne sottolinea l'aspetto negativo della revisione di alcune tipologie di pensioni. E su quest'ultimo punto si è detto d'accordo anche la Ciprini del M5S.

Anna Giacobbe del Pd, dopo aver spiegato che il testo di propone di estendere a allargare gli aiuti sociali e che il piano di riordino di agevolazioni sociali e tipi di pensioni dovrebbe fornire sostegno al reddito solo a chi si ritrova in situazioni di gravi difficoltà, ha ritenuto essenziale anche continuare le prossime discussioni sulla necessaria divisione tra spesa assistenziale e spesa prettamente pensionistica. Diversi, dunque, gli obiettivi del testo secondo la Giacobbe, da revisione delle detrazioni, riordino per una maggiore equità sociale, divisione di assistenza e previdenza, cercando di accelerare sull’iter del Fondo.

E’ la stessa Giacobbe ad aver presentato un’interrogazione, per cui è attesa ancora risposta, sulla richiesta di aggiornamento dei criteri che riguardano i coefficienti di trasformazione del montante contributivo e adeguamento all'aspettativa di vita dei requisiti anagrafici e contributivi per andare in pensione. Dopo le richieste di accelerazione sul provvedimento, intenzione già emersa nei giorni scorsi, il piano sarebbe quello di concludere l’esame del testo nei Gruppi a giorni, in modo da portare il testo ufficiale alle Camere introno al 10 giugno. Tra i provvedimenti contenuti al momento, nulla su novità per le pensioni di uscita prima, come novità pensioni con quota 100, quota 41, o novità pensioni con mini pensione, ma sostegni sociali a chi si è ritrovato in condizioni di forti difficoltà economiche e senza lavoro; piano di revisione si spesa assistenziale e spesa pensionistica, con tagli e riordino di detrazioni e agevolazioni fiscali, nonché di alcune tipologie di pensioni, misure che permetterebbero di ristabilire un equilibrio sociale ma anche di recuperare nuovi fondi; e novità per quanto riguarda i servizi sociali, per cui è prevista anche l’istituzione di un organismo partecipato da regioni, province ed enti locali, nonché dall’Istituto di Previdenza per controllarne il corretto funzionamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il