BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Borsa italiana, Usa, Europa estate 2016 da esperti e analisti economici. Consigli, cosa comprare, tendenze

Non Ŕ certamente facile riuscire orientarsi su cosa comprare e sulle tendenze di Borsa. Ecco alcuni suggerimenti di esperti e analisti.




Fari puntati sulle migliori strategie da adottare per investimenti in Borsa italiana, Usa, Europa. Un portafogli a rischio medio-alto passa da azioni Eurozona Value e azioni Usa Value. In entrambi in casi il paniere è composto da azioni di alta qualità selezionate in base a quattro criteri fondamentali: prezzo/utili, prezzo/valore di libro, prezzo/vendite (P/S), prezzo/cash earnings. E poi, azioni globali (titoli dei Paesi sviluppati ed emergenti con un dividendo stabile e crescente da almeno 10 anni), aristocratici del dividendo, obbligazioni governative Paesi sviluppati ad alto rating, obbligazioni governative emergenti denominate in USD (rating non inferiore a CCC), obbligazioni societarie globali investment grade.

Per chi invece preferisce limitare il rischio, il portafogli potrebbe comporsi di azioni globali, azioni emergenti, obbligazioni Euro inv. Grade, obbligazioni Usa inv. Grade, obbligazioni Usa high yield, obbligazioni Euro high yield, obbligazioni Emergenti Usd Corporate, obbligazioni governative Emergenti Usd, obbligazioni governative Emergenti valute locali, obbligazioni inflation linked, real estate globale, oro, materie prime. Sono in tanti tra gli esperiti a suggerire di puntare sul comparto moda, come LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton, Hermes International SCA, Compagnie Financiere Richemont, Kering, Swatch Group, Prada, Burberry Group, Hugo Boss, Moncler, Ferragamo, Tod's, Brunello Cucinelli.

La stretta attualità passa poi dalla nuova maxi-distribuzione di liquidità in arrivo per i Fossati. Findim, la finanziaria lussemburghese che fa capo alla famiglia ex proprietaria della Star, ha deciso di abbattere il capitale di 200 milioni di euro e di distribuirli ai soci. Come emerge dai documenti depositati in Lussemburgo e consultati da Radiocor Plus, l’assemblea della holding che si è tenuta lo scorso 18 maggio aveva all’ordine del giorno l’abbattimento del capitale da 624 milioni a 424 milioni, con l’annullamento di 200 mila azioni del valore nominale di 1.000 euro l’una e la distribuzione entro 30 giorni dalla pubblicazione della relazione di 200 milioni di euro, proporzionalmente al numero delle azioni detenute da ciascun socio.

L'annullamento riguarda un totale di otto pacchetti di titoli, di cui vengono precisati i numeri, ma non gli azionisti cui fanno capo. Findim ha effettuato anche lo scorso anno un’operazione analoga. La decisione di abbattere il capitale - precisano i documenti depositati in Lussemburgo - è stata presa dopo avere esaminato i conti del 2015, che tuttavia non sono stati ancora resi pubblici.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il