BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Tfa terzo ciclo, bonus merito esteso, assunzioni decreto scuola regole ufficiali: tutte le ultime indicazioni

Continuano a essere tanti i fronti aperti nel mondo della scuola e non solo in riferimento all'attivazione del nuovo Tfa.




Continuano inevitabilmente a essere tanti i chiarimenti sulle principali questioni del mondo della scuola, come quello relativo al bonus per insegnanti. Se la norma prevede che il supplemento è destinato a valorizzare il merito del personale docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e ha natura di retribuzione accessoria, l'Ufficio scolastico regionale della Liguria precisa che è coinvolto anche chi ha un contratto part time e chi fa parte dell'organico potenziato, "fatta eccezione per coloro che hanno chiesto il differimento, per i quali l'assunzione in ruolo risulta essere posticipata al 1 luglio 2016. Pertanto, per tale tipologia di personale, l'accesso al bonus, ovviamente subordinato alla conferma in ruolo, decorrerà da tale data".

C'è poi via libera definitivo al nuovo decreto sulla scuola che prevede una serie di sostanziali modifiche in alcuni punti chiave. Ma, come contestato dall'Anief, non prevede alcuna modifica sulle norme relative alla chiamata diretta dei docenti e di fatto rinvia la stabilizzazione del personale precario docente abilitato non inserito nelle GaE: "E come loro, tra i dimenticati, senza prospettive di immissioni in ruolo, vi sono gli Ata, gli educatori e altre tipologie di docenti. Tutte categorie di cui la scuola non può fare a meno, ma che lo Stato continua a condannare alla precarietà e all’incertezza professionale".

Il tutto mentre si cerca di capire qualcosa in più sul Tfa terzo ciclo, rispetto a cui l'Associazione docenti abilitati per merito chiede l'attivazione di procedure concorsuali riservate agli abilitati per l'accesso ai futuri concorsi, incluso l'accesso per soli titoli per gli abilitati TFA. Quali sono le altre misure inserite nel decreto? Il governo ha introdotto quest'anno un assegno di 500 euro per gli acquisti culturali (libri, biglietti e abbonamenti teatrali, dispositivi tecnologici), riservato inizialmente a tutti gli insegnanti italiani. Il contributo è stato poi concesso anche ai giovani che nel 2016 compiono 18 anni. Ora il beneficio spetterà anche ai diciottenni immigrati.

Ecco poi il nuovo meccanismo per misurare l'Isee (il reddito effettivo di un nucleo familiare), modificato quest'anno per renderlo più aderente alla realtà, ma il cambiamento ha avuto l'effetto di togliere sgravi fiscali ed esenzioni anche a famiglie disagiate con figli disabili. Ora queste distorsioni vengono corrette. Per i membri delle commissioni d'esame che in queste settimane tanno valutando i candidati al concorsone della scuola era stata prevista una retribuzione massima non superiore ai 2.051 euro. Una cifra giudicata un po' da tutti troppo contenuta in rapporto alla quantità di lavoro svolto. Il decreto prevede il raddoppio dei compensi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il