BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola infanzia a primaria prova scritta 2016. Consigli, domande e risposte, tracce. Come prepararsi

Questa volta è il turno delle prove scritte per i gli insegnanti della scuola primaria e dell'infanzia. Poi si passa agli orali.




Ultimi due giorni di concorso scuola per insegnanti. A essere coinvolti nelle giornate del 30 e del 31 maggio sono i docenti della scuola primaria e dell'infanzia. Sulla base di questo primo mese di prove scritte che hanno coinvolto gli aspiranti insegnati di ruolo nelle scuole superiori, possiamo dire che le tre variabili che fanno differenza sono la preparazione teorica, la capacità di sintesi, l'impegno e la concentrazione che passano anche dalla sapiente gestione del tempo a disposizione. All’interno dei gruppi di Facebook dedicati al mondo della scuola e in particolare al concorso scuola 2016 è possibile trovare tanti quesiti. Le domande e i dubbi continuano comunque a essere numerosi.

Può essere utile ricordare che all'ultimo concorso per la scuola dell'infanzia, ai candidati erano stati proposti i seguenti quesiti: a partire dalla routine merenda/colazione, quali abilità è possibile suscitare nei bambini? A un gruppo di bambini viene presentata un'attività secondo la quale possono scrivere a modo loro il nome di un oggetto conosciuto: quale sarebbe lo scopo dell'insegnante nell'assegnare un'attività del genere? Il ruolo delle tecnologie come ausilio con i bambini disabili. Le condizioni didattiche e organizzative da costruirsi in sezione per lavorare con piccoli gruppi di bambini.

Altrettanto dettagliate le domande per i candidati alla scuola primaria: come sostenere il progetto di vita di ogni alunno individuando modi e strategie didattiche volte all'orientamento; come utilizzare le tecnologie dell'informazione e della comunicazione per sviluppare il potenziale cognitivo connesso all'interazione sociale; gli strumenti metodologici e valutativi dell'apprendimento per gestire una didattica personalizzata e coltivare l'eterogeneità del gruppo classe.

Delle otto domande, poi, due di queste sono in una lingua da scegliere tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. In questo caso sono necessarie due precisazioni. La prima è che ciascuno dei due quesiti è articolato in cinque quesiti a risposta chiusa. La seconda è che occorre dimostrare una competenza ad almeno il livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. I livelli sono 3: A Base, B Autonomia e C Padronanza. Il livello B si divide in B1 intermedio o di soglia e B2 intermedio superiore. Quest'ultimo, stando a quanto ufficialmente comunicato, include le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprende le discussioni tecniche sul proprio campo di specializzazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il