BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 i parametri Governi Renzi che si stanno definendo

Non rappresenta affatto una novitÓ che le novitÓ per le pensioni passano da diverse strade, alternative o parallele.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Vi sono numerosi parametri che si stanno studiando ancora per le novità per le pensioni sia per come migliorare le mini pensioni che per allargare gli strumenti e i metodi. Non vi è ancora chiarezza, anzi nelle ultime notizie e ultimissime si va da novità molto positive a smentite che addirittura si faccia qualcosa. E siamo proprio alle basi se si pensa che si deve decidere ancora per chi queste novità per le pensioni dovranno essere. Il come è ancora più lontano.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01):  Si continua a pensare e a studiare le novità per le pensioni più fattibili almeno stando alle ultime notizie e ultimissime, anche se le stesse parlano di come il fisco dovrbbe avere la priorità su tutto. Detto questo, vi sono diverse conferme che si continuano ad analizzare diversi parametri per ognuno delle novità per le pensioni per riuscire a definire con esattezza, finalmente, per chi, quando e come potrebbero essere, sempre che si decida di attuarle.

Non c'è dubbio che l'operazione di formulazione delle mini pensioni con penalizzazioni ovvero la novità che sta predisponendo Palazzo Chigi per migliorare il sistema previdenziale sia ancora alle sue battute iniziali. Tutti i punti chiave sono di fatto in discussione, tranne la volontà di rendere meno rigide le condizioni per uscire un po' prima rispetto ai requisti adesso in vigore. In prima battuta c'è da definire l'esatta platea dei beneficiari. Stando a quanto immaginato, questo sistema è pensato a chi ha più di 63 anni. In una prima fase, probabilmente a iniziare dal 2017, l'uscita un po' prima è riservata a chi è nato negli anni 1951, 1952 e 1953.

Ecco allora che l'aspetto da chiarire è se sarà possibile rendere strutturale e dunque durevole nel tempo questo meccanismo. Si accennava alla penalizzazione, forse il principale nodo da sciogliere. Stando alla versione base, potrebbe essere dall'1 al 3% con tetto massimo del 4% a secondo del numero di anni di anticipo rispetto all'età pensionabile. Tanto per essere precisi, tre anni prima significa un taglio complessivo del 9%. L'entità della penalizzazione annua si baserà sul reddito per cui chi ha una pensione più alta subirà una riduzione maggiore. Al contrario, chi ha un assegno più basso andrà incontro a una penalizzazione inferiore.

Lo Stato dovrà prevedere un impegno di spesa che si aggirerebbe intorno al miliardo di euro. Questo perché la maggior parte del finanziamento sarà garantito da banche e assicurazioni che, attraverso l'Istituto nazionale della previdenza sociale, verseranno le pensioni anticipando la somma che sarà poi restituita dal pensionato a rate nell'ambito di un percorso pluriennale. Altro aspetto di cui tenere conto è il Trattamento di fine rapporto di ogni lavoratore dipendente che potrebbe rappresentare la garanzia per lo Stato nel caso di morte improvvisa del lavoratore che è quindi impossibilitato a restituire la somma che gli era stata anticipata. In questo contesto non sono però da escludere novità per le pensioni con mini pensioni con una platea di beneficiari ancora più ridotta e diversi dettagli peggiorativi.

Ma ci sono anche altre strade, alternative o parallele percorribili su cui i Ministeri competenti, la presidenza del Consiglio e l'Istituto nazionale della previdenza sociale stanno lavorando da alcune settimane, come

- novità per le pensioni per chi ha iniziato a lavorare in giovane età con l'applicazione di quota 41 come da ultime notizie del responsabile dicastero dell'Economia;

- novità per le pensioni per chi svolge attività prevalentemente faticose o con orari di lavoro notturni come da ultime notizie del presidente del Consiglio e in particolare dal Sottosegretariato;

- novità per le pensioni per chi è alle prese con le ricongiunzioni dei contributi versati in più casse previdenziali;

- novità per le pensioni con detrazioni fiscali e taglio tasse come da convergenti ultime notizie del presidente del Consiglio e del responsabile dicastero dell'Economia.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il