BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Sondaggi vietati clandestini elezioni comunali 2016 sindaci Milano, Roma, Bologna, Napoli, Torino, Bologna. Dove trovare, siti web

Occorre fare riferimento al mondo dei sondaggi clandestini per capire come stanno andando la caccia al voto a Milano, Napoli, Roma, Bologna, Torino.




Anche se la pubblicazione di nuovi sondaggi è di fatto vietata nei 15 giorni che precede la chiamata alle urne, società specializzata e gli stessi partiti stanno portando avanti le rilevazioni del voto in vista delle elezioni comunali del 5 giugno 2016, in cui sono coinvolte anche le città di Milano, Napoli, Roma, Bologna, Torino. Succede però che ci sono alcuni siti, come interessante AffariItaliani, che propone l'analisi del sentiment. Altri, come scenaripolitici.com, li mascherano con previsioni di vendita di auto. E altri ancora sotto forma di corse clandestine di cavalli, come The Right Nation, il blog di Andrea Mancia e Simone Bressan.

Come abbiamo visto in questa pagina e pensando al mondo di cavalli e fantini, a Milano, Parisiènne ovvero Stefano Parisi (Lista civica Parisi - io corro per Milano, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Milano popolare, altri) taglierebbe il traguardo con 38", Fan Salle ovvero Giuseppe Sala (Partito democratico, Lista Beppe Sala-Noi Milano, Sinistra x Milano, altri) anche a 38", Combat de Taureau ovvero Gianluca Corrado (Movimento 5 Stelle) con 16", Basilic Bouclés ovvero Basilio Rizzo (Milano in Comune - Sinistra e Costituzione) con 5".

A Napoli, lo abbiamo visto in questo articolo, e spostandoci al mondo delle vendite di vetture, Demarcedes ovvero Luigi De Magistris (Napoli in comune a sinistra, Lista Dema, La Città con De Magistris, altri) ha messo in conto di piazzare 41 mila auto; Silfiat ovvero Gianni Lettieri (Forza Italia, Prima Napoli, altri) 22 mila auto; Renzault ovvero Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) 18 mila auto; Bugrilli ovvero Valeria Valente (Partito democratico, Valeria Valente sindaco, Napoli popolare, altri) 15 mila auto. Più staccato Marcello Taglialatela (Fratelli d'Italia, altri).

Rimanendo in questa scia, a Roma inizierebbero a delinersi i rapporti di formza con Bugrilli Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) con 29 mila auto; Renzault Roberto Giachetti (Partito democratico, Lista civica Giachetti sindaco, Più Roma-Popolari e democratici, altri) con 25 mila auto; George Rover ovvero Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia, Lega Nord-Noi con Salvini, altri) con 20 mila auto; Markuki ovvero Alfio Marchini (Lista Alfio Marchini sindaco, Forza Italia, Roma popolare, Lista Storace) con 18 mila auto; Fordina ovvero Stefano Fassina (Sinistra x Roma, Lista civica per Fassina sindaco) con 5 mila auto. Stessa cosa a Bologna in cui Renzault ovvero Virginio Merola (Partito democratico, Cittadini per Bologna, Città comune con Amelia, altri) venderebbe 49 mila auto e Torino in cui Renzault ovvero Piero Fassino (Partito democratico, Lista civica per Fassino, altri) immagina di pizzare 42 mila auto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il