BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 le tragedie al da là delle cifre da pochi raccontante

Le chiare urgenze di novità per le pensioni per tutti ed effetti negativi e tragedie derivanti dall’attuale legge: i casi e cosa fare




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:12): Ma come abbiamo detto le storie, purtroppo, le brutte storie per colpa di novità per le pensioni sbagliate o che non ci sono arrivano quotidiniamentenelle ultime notizie e ultimissime di ogni parte del nostro Paese. Questa è la prima parte del racconto fatto al'edizione locale di Massa-Carara del Tirreno di Michele Castaldi:

Sono nato a Carrara il 12 dicembre 1959, purtroppo da qualche anno sono disoccupato e invalido civile con il 75 per 100 e in più portatore di handicap secondo l’articolo 3, comma 3, Legge 104/1992; diciamo che non sono messo molto bene. Vorrei capire perché avendo lavorato ininterrottamente per più di 30 anni in una segheria di marmo e granito non posso richiedere ciò che mi spetterebbe, sia come invalido sia come lavoratore, cioè la pensione anticipata; è un diritto che si acquisisce e che nessuno dovrebbe bloccare con leggi assurde come l’età che io non ho, avendo solo 56 anni e la legge dice almeno 63. Oppure non avrei dovuto essere stato disoccupato nel momento del riconoscimento della mia invalidità.

Ora vorrei porgere una domanda: l’icuts dovevo farmelo venire mentre ero al lavoro per usufruire di ciò che ho versato e sudato? O cambiamo questa legge assurda? Io sono una persona ignorante che ha sempre lavorato e studiato poco e quel poco l’ho imparato vivendo ma sono anche tenace e non mi fermerò davanti a nulla. Lotterò con quello che posso e non posso davanti a questa ingiustizia sociale, secondo lo stato italiano io dovrei vivere della pensione di invalidità di 290 euro? In piu ho moglie e due figlie

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:27): Riportiamo una delle storie che ci è stata scritta tanto per far capire quanto sarebbero importanti le novità per le pensioni (e non solo) e come vi sono tantisssime ultime notizie e ultimissime di questo genere dimenticate per lo più che bisogna evidenziare al di laà dei numeri:

Mio Marito dopo 35 anni di lavoro scopre di avere un cancro allo stomaco e all'esofago. Viene operato 2 volte in tre giorni x una diescenza. Contrae la pleure e un virus in sala intensiva. Dimesso si sottopone a sei cicli di chemioterapia. 
Riconosciuto invalido al 100% x sei anni alla terza visita gli tolgono l'invalidità perché guarito dice il medico inps. 
La ditta per la quale lavorava dopo cinque anni risolve il contratto di lavoro in quanto medico della 626 nn lo ritiene più idoneo per il lavoro che svolgeva. 

Ora senza lavoro e senza un sostentamento finanziario ...dimenticavo la chemioterapia gli ha regalato la parestesia agli arti inferiori ...tachicardia e l'intervento effettuato lo costringe in bagno x ben 15/20 volte al giorno . Ipertensione e poca autonomia agli sforzi. E per le panione avrebbe 37 anni di contributi versati e 57 anni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:27): Tanti sono le storie che ci sono arrivate e ne racconteremo sicuramente qualcuna, perchè davvero non è accettabile che nessuno trovi una soluzione a storie e casi così urgenti con novità per le pensioni integrate con l'assistenza (che andrebbe comunque divisa per un miglior funzionamento di entrambi). Ci sono arrivate storie di persone che confermano le ultime notizie e ultimissime che l'occupazione può salire ma come? Lavorando a 500 euro in stage a 50 e passa anni? O con i buoni lavoro? E, ifatti, la maggioranza ha deciso di porre rimedio, ma lo deve fare presto. I 6-7 milioni di italiani non solo numeri e bisogna procedere velocemente con novità per pensioni sostenibili, assegno universale almeno per i non occupati con le varie forze che in fondo hanno le stesse idee che le devono unire Altrimenti rimangono solo parole.

Le tantissime richieste di novità per le pensioni che stanno arrivando all’esecutivo ormai da mesi,se non da anni ormai, sia da parte delle diverse forze politiche che da parte di forze sociali e comuni cittadini, sono giustificate non soltanto dall’inasprimento dei requisiti che hanno innalzato l’età pensionabile per tutti e indistintamente, ma anche per gli effetti negativi che ne sono derivati e di cui molto poco si parla. Le ultime notizie infatti si concentrano sulle quelle conseguenze tragiche e disastrose di cui nessuno, o quasi, parla ma che sono un diretto risultato dell’attuale legge pensioni. Veri e propri errori che meritano di essere corretti, che chiaramente penalizzano alcune persone facendole sprofondare in condizioni talvolta disperata, ma su cui l’esecutivo ancora temporeggia. Le conseguenze negative cui facciamo riferimento partono innanzitutto dall’aumento della povertà che dilaga tra gli italiani, condizione dimostrata innanzitutto dagli importi delle pensioni che per milioni e milioni di pensionati non arrivano nemmeno ai 500 euro mensili, e poi dai recenti dati di ricerche che attestano come il lavoro sia bloccato.

L’aumento dell’età pensionabile ha infatti portato le porte del mondo occupazionale a chiudersi del tutto per i nuovi giovani, penalizzando la produttività di imprese e aziende, costringendo i lavoratori più anziani, e magari stanchi e affaticati, a rimanere sempre più a lavoro, e prospettando seri rischi pensionistici ai giovani di oggi che, in caso di una mancanza concreta di novità per le pensioni, potrebbe non riuscire mai a raggiungere la loro pensione. Per invertire questo sistema, la necessità assoluta è quella di approvare novità per le pensioni che, tra novità per le pensioni con quota 100 o con quota 41 o con mini pensione, potrebbero permettere l’uscita prima a quei lavoratori più anziani oggi bloccati, seppur a fronte di penalizzazioni, e il conseguente ingresso nel mondo del lavoro dei più giovani che darebbero, allo stesso tempo, nuova spinta alla produttività.

Altra vera difficoltà scaturita dall’avvento delle norme previdenziali oggi in vigore è la condizione che vivono coloro che sono impegnati, o lo sono stati, in lavori pesanti e faticosi, o coloro che sono entrati nel mondo occupazionale da giovanissimi, cioè a 14, 15 anni. Si tratta di condizioni che costringono e affaticano i lavoratori che devono comunque continuare a svolgere particolari attività rischiando spesso la vita. E i numeri parlano chiaro: se è vero che sono diminuiti gli infortuni sul lavoro da una parte, è anche vero che, dall'altra, sono aumentate le morti bianche sul lavoro. Sono, infatti, cresciuti del 16% gli incidenti che sono costati la vita a ben 1.172 lavoratori. Dall’inizio dell’anno a fine aprile di quest’anno le morti bianche sono state già 271. Tra questi un muratore della provincia di Lecce, caduto da un ponteggio del cantiere, facendo un volo di 6 metri. Aveva 65 anni, un’età in cui bisognerebbe dedicarsi e famiglia e nipoti tranquillamente a casa. Stessa sorte toccata ad un operaio edile di 63 anni che ha fatto una caduta di ben 8 metri da una impalcatura mentre stava lavorando, come ogni giorni, da sempre.  

O quella di un lavoratore che a 51 anni è rimasto senza occupazione costretto a vivere da clochard in uno Stato che non aiuta chi è rimasto senza lavoro, troppo grande per trovare una nuova occupazione, troppo giovane per andare in pensione, costretto a racimolare soldi da mettere da parte per poter comprare un gelato ai propri figli piccoli a cui nasconda la sua condizione, che vivono in un'altra città e di fronte ai quali si vergogna. Si tratta di numeri e situazioni (solo di questi ultimissimi 10 giorni) decisamente inaccettabili per Stati civili, eppure ancora accadono perché la politica non riesce a dare risposte concrete a situazioni che sono urgenti da risolvere. E le novità per le pensioni da attuare per chiudere queste partite ci sarebbero se sono ci fosse anche la volontà  di approvarle davvero.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il