Imu e Tasi 2016: calcolo e compilazione F24 automatica prima casa, affitto,seconda casa,terreni agricoli e non con codici tributi

Tempo di pagamento di Imu e Tasi 2016. Sono tanti gli aspetti di cui bisogna tenere conto in vista della scadenza del 16 giugno.

Imu e Tasi 2016: calcolo e compilazione


Ci sono meno di 15 giorni di tempo per pagare l'acconto 2016 di Imu e Tasi. L'ultimo giorno per mettersi in regola senza incorrere in sanzioni è il 16 giugno. Alla luce del cambiamento di normativa, tra prima e seconda casa, abitazioni in affitto e terreni agricoli, il suggerimento è di stare molto attenti ai calcoli per i quali è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online. Il software permette il calcolo per abitazione principale, casa di lusso o storica, cooperative edilizie, altri immobili, fabbricati generici, uffici e studi privati, immobili industriali e commerciali, negozi e botteghe, terreni agricoli, terreni incolti, terreni agricoli con requisito previdenza agricola, aree fabbricabili, istituti di credito, fabbricati rurali strumentali all'attività agricola.

Accanto a quello delle aliquote, occorre non sottovalutare il capitolo delle detrazioni: molte amministrazioni comunali le hanno riviste al rialzo o al ribasso. Ad esempio, non è più in vigore la detrazione fissa di 200 euro prevista in passato dalla legge nazionale per l'Imu sulla prima casa. Per venire a conoscenza di cambiamenti, basta informarsi al proprio comune, anche per via telematica, o consultare il sito del dipartimento delle Finanze. In ogni caso, altre calcolatrici utilizzabili sono quelle del sito AmministrazioniComunali (amministrazionicomunali.it/tasi/calcolo_tasi.php) o del sito Riscotel).

Come si calcola la base imponibile dell'Imu, escluse abitazione principale e pertinenze? I moltiplicatori (gli stessi della Tasi) vanno applicati alla rendita catastale maggiorata del 5%. Per le abitazioni (categorie catastali A, tranne A10) e pertinenze ovvero cantine e soffitte (C2), box e autorimesse (C6), tettoie (C7), è pari a 160. Il coefficiente è pari a 140 per immobili a uso collettivo (categoria B) e laboratori artigianali, stabilimenti balneari (C3, C4, C5). Per uffici e studi (A10), banche e assicurazioni (D5) è pari a 80; per immobili a destinazione speciale (categoria D, escluso D5) a 65. Per negozi (C1) è 55, per terreni (agricoli e non) 135.

Il versamento dell'importo può essere effettuato alle Poste via bollettino o in banca con il modello F24. Se la somma è maggiore di 1.000 euro il pagamento va pagato per via telematica. I codici tributo per l'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), solo al Comune, 3914 per terreni, solo al Comune, 3916 per aree fabbricabili, solo al Comune, 3918 per altri fabbricati, solo al Comune, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune. Quelli per il pagamento della Tasi sono 3958 per abitazione principale e pertinenze (tranne quelle per cui è in vigore l'esenzione), 3959 per fabbricati rurali strumentali, 3960 per aree fabbricabili, 3961 per altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il