BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni Milano sondaggi comunali aggiornati, programmi, risultati, chi vince tra Giuseppe Sala, Stefano Parisi e Gianluca Corrado

Chi vincerà a Milano tra Sala e Parisi: attesi risultati ufficiali delle elezioni comunali e programmi dei due principali candidati




Una corsa a tre che, in realtà, è due per la poltrona di sindaco di Milano: i candidati per il ruolo di guida della città meneghina sono Giuseppe Sala per il centrosinistra, Stefano Parisi per il centrodestra e Gianluca Corrado del Movimento 5 Stelle. Gli ultimi sondaggi aggiornati, clandestini visto che quelli ufficiali si sono chiusi già la scorsa settimana, danno ancora un quasi testa a testa tra Giuseppe Sala e Stefano Parisi in una aspettata sfida che già da settimana sta appassionando e che lascia effettivamente nell’incertezza. Difficile dire infatti chi tra i due riuscirà a vincere per la successione a Giuliano Pisapia. C’è comunque da aspettarsi che qualsiasi sia il vincitore, lo sarà per una minima differenza. Differenza che potrebbe essere giocata dalle misure dei rispettivi programmi che puntano entrambe ad un miglioramenti di una Milano ormai già di dimensioni e carattere europeo ma che punta sempre più in alto.
 
Riqualificazione delle periferie e sviluppo di nuove aree verdi, semplificazione, più sicurezza e rispetto delle regole in città, migliorare i servizi e abbassare la pressione fiscale, ulteriore sviluppo della mobilità sono i capisaldi del programma di Stefano Parisi. La semplificazione di cui Parisi parla è innanzitutto tecnologica, importante e fondamentale per accelerare i processi in Comune ma non solo, ma anche in riferimento ai regolamenti da rivedere per sostenere i commercianti e tornare ad investire nel commercio, fortemente colpito dalla crisi come dimostrano, ha sottolineato più volte Parisi, le tante saracinesche chiuse per strada. Nuovi investimenti anche per la riqualificazione delle periferie che, secondo Parisi, passa anche attraverso sostegni e bonus a chi abita quei quartieri, nonché controlli delle stesse zone, al fine di diminuire fino quasi ad azzerare una microcriminalità dilagante.

Sicurezza e controlli che saranno attuati in ogni zona della città per garantire ai milanesi ottimali condizioni di vita in ogni parte della città e a qualsiasi livello, con particolare attenzione al’immigrazione. Parisi ha più volte sottolineato di essere dalla parte dell’accoglienza, a condizione però che chi viene nel nostro Paese rispetti le nostre regole senza diventare un pericolo per la città. Tra gli obiettivi del candidato sindaco di centrodestra anche quello di abbassare le tasse per i milanesi. Punta invece su valorizzazione di donne e bambini da cui ripartire con crescita e sviluppo Giuseppe Sala che ha spiegato come sia importante creare una città misura di bambino che rappresenta ‘il migliore investimento per il futuro’.

Sala si propone anche di rendere migliore la qualità della vita dei cittadini milanesi investendo in spazi di  partecipazione e in sistemi di integrazione, cercando di superare eventuali barriere ancora esistente di religione, razze e culture, in una Milano che ormai è sempre più multietnica, luogo di convivenza tra tutti; attraverso un sistema di gestione delle case popolari più equo e pulito che potrebbe basarsi su mutui agevolati o formule di acquisto e riscatto. Punta anch’egli ad una riqualificazione delle periferie ma anche alla riapertura dei navigli. Non mancano all'interno del programma elettorale di Sala misure in grado di consolidare l’immagine culturale della città anche con nuove formule di promozione della cultura, sottolineando anche il progetto di un grande museo di arte contemporanea, che manca nel capoluogo lombardo, sempre più attrattivo di un turismo crescente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il