BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Elezioni Torino, Roma, Milano, Napoli, Bologna, Cagliari,Trieste chi vince M5S,Pd,Lega,Fi risultati ufficiali, spoglio, previsioni

Quando e come si vota per le elezioni comunali 2016 a Milano e Roma: chi sono i candidati principali e documenti necessari da presentare




AGGIORNAMENTO: Sopra il 60% i cittadini che sono andati alle urne. In attesa dei risultati ufficiali e dello spoglio delle schede e dei voti ufficiali ( a Trieste da domani mattina alle 8) per cpaire chi ha vinto ufficialmente ecco gli exit polle le previsioni ufficiali:

Napoli

De Magistris: 43-47
Lettieri: 20-24
Valente: 15-19

Bologna:

Merola al 43-47
Borgonozoni: 19-23
Bugani 18-22

Roma

Raggi 34-38
Giacchetti 20-24
Meloni 16-20

Torino

Fassino 39-43
Appendino 28-32
Morando: 7-11

Roma

Raggi 34-38
Giacchetti 20-24
Meloni 16-20

AGGIORNAMENTO: C'è tempo per votare fino alle 23. La media nazionale è poco sopra al 46% allre ore 19, potrebbe raggiungere quella delle ultime tornate del 61%. 

Si vota dalle 7 alle 23 di domenica 5 giugno per le elezioni amministrative di Milano e Roma e daremo in tempo reale risultati di affluenza alle urne, exit poll, previsioni di voto, e risultati dello spoglio, fino a quelli ufficiali seguendo in diretta l’andamento delle votazioni. Tra le principali città in ci si vota per le comunali, insieme a Milano, Roma, Torino, Bologna, e Napoli ci sono anche Cagliari e Trieste, ma i comuni chiamati al voto in tutta Italia sono complessivamente 1.342. A Milano si contendono la poltrona di sindaco del capoluogo meneghino Stefano Parisi, candidato del centrodestra, e Giuseppe Sala, candidato del centrosinistra.

Decisamente distante da loro il candidato del Movimento 5 Stelle Gianluca Corrado. A Roma sono in corsa per la guida della Capitale, Virginia Raggi, candidata del Movimento 5 Stelle, data in testa sugli sfidanti, Roberto Giachetti, candidato del Pd, Giorgia Meloni, candidata di Fratelli di Italia, Alfio Marchini, candidato di Forza Italia. A fare la differenza per la vittoria saranno probabilmente le misure dei diversi programmi elettorali presentati dai candidati: quelli che convincono e piacciono di più ai cittadini sicuramente saranno premiati.

Se a Milano, però, Sala e Parisi, nonostante misure diverse, puntano su alcuni obiettivi comuni come spinta e nuove opportunità di lavoro soprattutto per i giovani, riqualificazione delle periferie e assicurare una maggiore sicurezza in città per tutti; nella Capitale la partita si gioca soprattutto sui temi della gestione dell’emergenza rifiuti, sul ripristino della legalità a tutti i livelli, compreso quello istituzionale, e su novità necessarie di riordino e miglioramento del trasporto pubblico, della mobilità e della viabilità. Chi vincerà dunque? Ricordiamo che per votare bisogna presentarsi al seggio della propria zona, che sarà aperto dalle 7 alle 23, orario delle votazioni, esibendo documento di identità valido e tessera elettorale.

Una volta aperta la scheda elettorale nel riquadro di ciascun simbolo e alla sua destra sono tracciate due righe per permettere all’elettore di esprimere uno o due voti di preferenza per candidati della lista per cui dovrà essere scritto solo il cognome. Nei comuni con più di 15mila abitanti si può esprimere il proprio voto tracciando un segno solo sul candidato sindaco e in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco; o tracciando un segno solo su una delle liste collegate al candidato sindaco e in tal caso il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista di candidati consiglieri; o esprimendo voto disgiunto, cioè tracciando un segno sul candidato sindaco ed un altro segno su una lista non collegata allo stesso candidato.

Concluse le operazioni di voto e di spoglio, viene eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi, almeno il 50% più uno, e se nessun candidato raggiunge tale soglia si andrà al ballottaggio tra i due candidati più votati. Secondo quanto stabilito, se dovessero verificarsi ballottaggi, si tornerà a votare il prossimo 19 giugno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il