BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni Lega-M5S alleanza ufficiale solo per prima,Pd deciso come sarà riscatto

Conseguenze ed effetti su novità per le pensioni da risultati di elezioni comunali e preferenze partiti politici: situazione e prospettive




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:32): Per il Pd sembra che la decisione sia stata presa con le ultime notizie e ultimissime che arrivano dal Ministero dell'Economia. Nessuna novità per le pensioni, se non forse un taglio fiscale, ma usare tutti i soldi disponibilli per un taglio alle imposte non solo per le aziende e occupazione, ma anche per singoli dipendenti e imprenditori con l'Irpef. L'impegno non è ancora ufficiale, ma è stato dichiarato pubblicamente dal Ministro stesso.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:12):  Si incominciano muovere le pedine più importanti per cercare di conquistare i ballottaggi che iniziano ad essere fortemente in bilico anche a Torino, oltre Milano, e forse, da alcuni sondaggi, anche a Bologna che arrivanno nelle ultime notizie e ultimissime. La Lega ha deciso ufficialmente e lo ha comunicato sempre ufficialmente di appoggiare a Torino e Roma il Movimento 5 Stelle come avevamo già annunciato ieri. Il Movimento 5 Stelle al momento va avanti per la sua strada e non commenta almeno ufficialmente. Sulle novità per le pensioni M5S e Lega continueranno a battersi da subito sull'assegno universale anche locale, mentre il Pd sembra preferire la strada dl taglio delle imposte per tutti sia Irpef che Ires per pensionati, dipendenti e aziende. Nulla al momento sulle pensioni, neppure le novità minori che si erano paventate.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:34): Un voto inaspettato con un risultato che mette in crisi fortemente alcuni punti fermi come Milano e delle convinzioni che sembravano certe, ma probabilmente erano assai errate come hanno dimostratio, poi, le ultime notizie e ultimissime.
Lega e M5S hanno vinto sui temi come imposte, occupazione e novità per le pensioni dove il Pd si è diviso, ha usato tante parole ma sempre caraterizzate da confusione, conferme e smentite. Quota 100, quota 41, assegno universale per alzare le pensioni, queste sono state le novità per le pensioni dove M5S e Lega hanno battuto forte insieme alla lotta contro la povertà e le imposte. E ora continua e continueranno come già dalle ultime notizie e ultimissime di ieri e odierne. E non solo, tanto è vero che la Lega, per esempio, a Roma è disponibile all'alleanza come detto pubblicamente. Una alleanza che la la Lega e alcuni parti del centro destra vorrebbero anche nazionale con il Movimento 5 Stelle proprio per i temi sopra indicati vista la convergenza. Ma il Movimento 5 Stelle ripete il suo NO sia locale che nazionale. E nella confusione c'è il Governo Renzi che sugli stessi argomenti è chiamato al rilancio in chiave nazionale per cercare di recuperare a livello locale. Perchè se Roma è persa, un'altra sconfitta a sorpresa a Torino o a Milano, sarebbe gravissima per l'equilibrio stesso della maggioranza.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Tra 15 giorni potrebbero arrivare novità per le pensioni. L'esito dei ballottaggi riferirà infatti dell'umore del Paese e le ultime e ultimissime notizie raccontano come non sia affatto così scontato che si respiri aria pro governativa. Ecco allora che anche in riferimento alle novità per le pensioni e tenendo sempre ben presenti le disponibilità economiche, qualcosa potrebbe cambiare e il gioco delle alleanze, adesso in corso, gettarne le basi.

Le elezioni comunali, come riportano le ultime notizie, dovrebbero ormai giocarsi  ballottaggi ma ciò che è ormai certo è la perdita di consensi conclamata del Pd, anche lì dove sembrava essere ormai avviato alla vittoria, come a Torino con Piero Fassino e a Bologna con Virginio Merola, dove la Borgonzoni della Lega sfiderà proprio Merola al ballottaggio. E non sembra essere bastata nemmeno l'alleanza tra Verdini e Pd nè a Napoli nè a Cosenza, dove il comune candidato sindaco non ha per niente raggiunto risultati positivi. A Napoli la Valente si è, infatti, fermata al terzo posto per cui al ballottaggio andranno De Magistris e il candidato sindaco di centrodestra Lettieri.

A Cosenza, invece, nettamente dietro Guccione, candidato Pd e Ala. Vola invece Virginia Raggi del M5S a Roma, nonostante andrà al ballottaggio con il candidato del Pd Roberto Giachetti. Particolarmente attesi gli esiti definitivi delle elezioni a Milano dove il candido del Pd Giuseppe Sala, inzialmente favorito, è stato in breve tempo raggiun dal candidato di centrodestra Stefano Parisi e ora è sfida aperta tra i due. I risultati d Milano e Roma saranno decisamente importanti per l'esecutivo.

E’ facile intendere il significato di questi risultati: la maggioranza sta perdendo consensi e questa non è una situazione certo nuova, considerando che è da mesi che si dice che per riconquistare voti ed elettori, l’esecutivo avrebbe dovuto fare qualcosa di concreto, partendo da novità per le pensioni per arrivare a taglio delle tasse, ma nulla di tutto questo è stato concretamente fatto ed è probabile che tutto venga rimandato per il prossimo referendum costituzionale, occasione cruciale per la tenuta dell’esecutivo stesso, considerando che lo stesso premier ha dichiarato che se perderà lascerà la politica. Ma ci si chiede allora quale potrebbe essere la strada da seguire per cambiare effettivamente le cose, riconquistare la fiducia dgli elettori e attuare concrete novità per le pensioni.

Al momento la situazione è ancora decisamente confusa: le idee e le ipotesi di lavoro sono diverse e mentre, per esempio, il ministro del Lavoro è tornato ad annunciare novità per le pensioni entro la fine dell’anno con la prossima Manovra, il ministro dell’Economia continua ad essere contrario alla loro attuazione nel breve periodo; intanto, il nuovo sistema basato sulla mini pensione, che interesserebbe solo i nati tra il 1951 e il 1953 con definizione di una platea ulteriormente ridotta a causa della scarsa disponibilità di risorse economiche e che potrebbe partire dai disoccupati per poi allargarsi a comprendere solo in secondo momento tutti gli altri,da chi percepisce redditi più bassi a chi percepisce redditi più alti, con penalizzazioni modulate sulla base degli stessi redditi e comprese tra l’1 e il 4% massimo, continua a non convincere, mentre sembrano ancora in alto mare le novità per le pensioni con quota 100 e novità per le pensioni con quota 41, particolarmente richieste da tutti, tra forze politiche, forze sociali e lavoratori stessi e che sarebbero particolarmente vantaggiose soprattutto rispetto al nuovo piano basato sulla mini pensione.  

Gli scenari che a questo punto potrebbero aprirsi sono diversi: è possibile, infatti, secondo le ultime notizie, che l’esecutivo, per un riscatti dai recenti risultati negativi, punti effettivamente a novità per le pensioni, con possibile introduzione, di nuovo, di sistemi sperimentali; che si decida di lavorare esclusivamente sul piano di taglio delle tasse; o che si lavori sia per novità per le pensioni che per riduzione delle imposte, idea che sarebbe eccellente seppur decisamente difficile da trasformare in realtà. Altra ipotesi potrebbe essere quella di una mossa minima a sorpresa da parte dell’esecutivo, vale a dire la possibile cancellazione del bollo auto nell’immediato, misura ch seppur minore dimostrerebbe che comunque l’esecutivo ha effettivamente intenzione di fare qualcosa per riconquistare fiducia e voti degli italiani. Non esistono, tuttavia, al momento certezze e non si sa nemmeno se davvero il premier abbia intenzione di far qualcosa o aspetterà gli esiti dei ballottaggi per decidere cosa fare realmente solo in vista del referendum d’autunno. Del resto, quello sarà anche il periodo in cui verranno decise le novità da inserire nella Manovra 2017,per cui potrebbe essere il tempo limite per cambiare davvero le cose che oggi non piacciono ai cittadini.    

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il