BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Conti correnti zero spese Giugno 2016 migliori offerte più convenienti, bollo, spese, condizioni, tassi di interesse

Come funzionano i conti correnti a zero spese e le migliori proposte disponibili per questo mese di giugno 2016: quale scegliere




Continuano ad essere rese disponibili  nuove proposte di conti correnti a zero spese, prodotti che le banche mettono a punto in quantità sere maggiori per cercare di soddisfare le più disparate esigenze dei clienti. I conti correnti a zero spese sono, del resto, quelli che maggiormente negli ultimi periodo sono preferiti dagli italiani, innanzitutto perché, come ben si capisce, non richiedono alcuna spesa di canone annuo,apertura, gestione ed eventuale chiusura del conto, in alcuni casi è previsto solo il pagamento dell’imposta di bollo che, però, talvolta è carico della stessa banca. I conti a zero spese solitamente sono conti correnti online che possono essere comodamente richiesti e aperti direttamente da casa propria via web. Recandosi, però, nella filiale della banca che si sceglie, si riceveranno tutte le informazioni necessarie. Vediamo, dunque, di analizzarle principali offerte di conti correnti zero spese disponibili e più convenienti di questo mese di giugno2016.

Si parte dalla proposta di Ubi Banca Zero zero UBI, conto corrente a zero spese che può essere aperto anche da chi non è ancora cliente della banca, che può essere gestito sia comodamente via web sia in filiale, non prevede il pagamento di alcun canone, nessuna spesa di gestione, di prelevamenti, domiciliazioni utenze, Internet banking, polizza infortuni, ed eventuali spese per estinzione del rapporto, imposta di bollo. Per quanto riguarda, invece, la capitalizzazione degli interessi è trimestrale e prevede un tasso al creditore dello 0,01%. A seguire troviamo Conto bancadinamica di Banca Dinamica, conto corrente zero spese online che garntisce un tasso lordo annuo a regime dell’1% per i primi 3 mesi e dal quarto mese in poi 1% solo con l’accredito dello stipendio o della pensione. Non prevede il pagamento di canone e prelievi, versamenti, V/pay sono gratuiti in tutta Europa, nessuna spesa per carta bancomat e domiciliazione di utenze e non è previsto nemmeno il pagamento dell’imposta di bollo che è a carico della banca.

Bpm propone invece Conto Webank, conto a zero spese senza canone e spese fisse annue che prevede un tasso annuo lordo dello 0,10%, ma che prevede il pagamento dell’imposta di bollo di 34,20 euro l’anno che però non si paga quando il valore medio di giacenza annuo non supera 5.000 euro; c’è poi l’offerta Conto corrente Che Banca! Opzione Filiale di Mediobanca, che n prevede il pagamento di alcun solito costo fisso, niente canone e imposta di bollo che anche in questo caso è a carico ella banca. L’unico costo richiesto nel caso in cui si scelga l’Opzione Filiale è di 2 euro ogni due mesi. Scegliendo, però, la sola operatività online non si dovrà pagare nulla.

Resiste ancora per questo mese di giugno l’offerta di Intesa SanPaolo Zerotondo, conto corrente che non prevede alcuna spesa per canone, carta Bancomat e carta di credito, servizi via internet, cellulare e telefono, rendiconti e altre comunicazioni della banca se in formato elettronico, accredito di stipendio o pensione, domiciliazione bollette, bonifici ordinari Italia e BEU (bonifico europeo unico) effettuati tramite internet e telefono, libretto assegni. Per operazioni effettuate allo sportello il costo, invece, è di appena un euro.    

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il