BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi 2016 Roma, Firenze, Genova, Palermo e tutte le città seconda casa, affitto, prima casa. Calcolo e casi particolari

Quanto costeranno acconti Imu e Tasi 2016 a Palermo, Firenze, Roma, Genova, modalità di calcolo e come verificare aliquote per pagamenti




Esenti, da quest'anno, dal pagamento della Tasi, oltre che al pagamento Imu, prime case e relative pertinenze, esclusi dal pagamento anche i terreni agricoli e incolti e non pagano più la tassa sui servizi indivisibili comunali anche gli inquilini. Da quest'anno, infatti, il pagamento della Tasi nel caso di immobili in affitto sarà totalmente a carico dei proprietario. Passando, invece, all'Imu, da quest'anno non si paga più su terreni agricoli, tutti i terreni agricoli anche quelli situati in pianura, e sugli imbullonati; esenti da Imu e Tasi anche gli ex coniugi che lasciano la casa a moglie e figli in seguito a decisioni di annullamento e scioglimento degli effetti civili del matrimonio.

Per calcolare le imposte sugli immobili, non cambiano le modalità di calcolo rispetto allo scorso anno, per cui si parte dalla rendita catastale che deve essere rivalutata del 5%, al risultato devono essere moltiplicati i coefficienti degli immobili per cui si paga e che sono 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A (esclusi A10) e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7; 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5; 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10 e D/5; 65 per i fabbricati nel gruppo catastale D, esclusi quelli classificati nella categoria D5; 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C1 (negozi e botteghe).

Alla cifra ottenuta dovranno essere applicate le singole aliquote di Imu e Tasi decise dai propri Comuni di residenza e sottratte le detrazioni, sempre se deliberate dal Comune.  Una volta effettuato correttamente il calcolo di entrambe le imposte, si paga o con bollettino postale, che è sempre disponibili in ogni ufficio postale, o tramite compilazione del modello F24. Per consultarle basta accedere al sito del Ministero delle Finanze o ai siti istituzionali dei propri Comuni.

Nessuna novità 2016 a Palermo, dove resta l’aliquota pari a 0 per abitazione principale di categoria catastale A/1, A/8  e  A/9 e relative  pertinenze (una  sola  per ciascuna categoria C/2, C/6 e C/7), per altri fabbricati e altre aree fabbricabili. Per quanto riguarda l'Imu, è prevista un'aliquota dello 0,48% per abitazioni principali e relative pertinenze appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; dell'1,06% per tutti gli altri immobili e per le aree fabbricabili. A Firenze, quest’anno le aliquote Imu sono dello 0,46% per immobili appartenenti a categorie diverse dalla categoria  catastale D di nuova costruzione, destinati ad insediamenti produttivi di tipo artigianale, commerciale,  industriale o di servizi; dello 0,60% per immobili classificati nelle categorie  catastali A/1, A/8 e A/9 adibiti  ad abitazione principale e relative pertinenze.

Diversa la situazione a Roma, dove sono state confermate le aliquote Imu e Tasi dello scorso anno ma ci sono anche novità, a partire da quelle che riguardano il pagamento dell’80% a carico del proprietario nel caso di immobili in affitto; lo sconto del 50% della base imponibile Imu e Tasi per immobili concessi in comodato d’uso gratuito a figli; lo sconto del 75% per gli immobili affittati a canone concordato; aliquota Tasi ridotta per i fabbricati merce che sono esenti dall’Imu; esenzione Imu per per i terreni agricoli che sono posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola e per immobili di cooperative edilizie a proprietà indivisa destinati ad alloggio per studenti universitari soci assegnatari. Anche a Genova sono state modificate alcune aliquote e quella Imuè stata ridotta dallo 0,58% allo 0,29% per gli immobili di categoria A1 adibiti ad abitazione principale, e dallo 0,85% allo 0,58% per gli immobili a canone concordato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il