BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 Governo Renzi in difficoltà come sanità attaccato da Ministri

Governo Renzi sempre più in difficoltà, da sanità a novità per le pensioni: quali sono le posizioni e cosa aspettarsi




Sono sempre meno gli italiani che si curano a causa della crisi economica per visite e cure troppo costose che non tutti si possono permettere: stando alle ultime notizie, infatti, ben 11 milioni di italiani avrebbero rinunciato alle cure in questi primi mesi del 2016, situazione che mette chiaramente a rischio le fasce più deboli, anziani in prima fila. Si tratta di un’ennesima notizia che dimostra come il governo Renzi sia in difficoltà, e sempre di più, e continua ad attirare critiche da ogni fronte. Non solo infatti sulla sanità, che dovrebbe essere il settore maggiormente tutelato e assicurato a tutti perché non si può assolutamente scherzare con la salute delle pensioni, ma anche per novità per le pensioni, per cui ancora non si riesce a fare nulla di concreto.

Regna, infatti, il malcontento generale: per quanto riguarda novità per le pensioni, mentre il sottosegretario alla presidenza del Consiglio e il presidente dell’Istituto di Previdenza Boeri continuano ad insistere sulla necessità di introdurre di novità per le pensioni, il ministro del Lavoro, pur aprendo a possibilità di inserire novità per le pensioni nella prossima Manovra 2017, resta ancora nel mezzo. A favore delle novità per le pensioni si era espressa qualche tempo fa il ministro della Salute Lorenzin insieme alla necessità di introdurre sostegni per la natalità, altrimenti, secondo quanto ha dichiarato, tra dieci anni nel nostro Paese nasceranno meno di 350 mila bambini all'anno, il 40% in meno del 2010, numeri che contribuiranno ad affossare anche l’economia e la possibilità stessa di ricambio generazionale a lavoro.

Decisamente diversa la posizione del ministro dell’Economia, che piuttosto che puntare a novità per le pensioni, contro cui si è sempre detto contrario, da novità per le pensioni di quota 100 a novità per le pensioni di quota 41 a mini pensione, perché si tratta ancora dell’unica legge che riesce a garantire sostenibilità finanziaria, ritiene prioritario la riduzione delle tasse, con anticipo di taglio di Irpef e Ires sempre a condizione che i vincoli di bilancio, stretti, possano permetterlo. E ha fatto u passo indietro anche sull’assegno universale che era l’unica novità per le pensioni cui aveva aperto tempo fa e che aveva proposto a livello comunitario, appoggiato dalla presidente della Camera.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il