BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie prospettive e novità dalla nuova Sinistra sono risultate meno credibili del centro-destra

Le battaglie sulle novità per le pensioni del centrodestra sono risultate più convincenti in termini elettorali.




Sono i numeri a dimostrare come nonostante le tante battaglie a favore delle novità per le pensioni, il consenso ottenuto dai candidati della nuova sinistra alle elezioni comunali sia stato piuttosto limitato. Stefano Fassina (Sinistra x Roma, Lista civica per Fassina sindaco) ha dovuto cedere il passo non solo a Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) e Roberto Giachetti (Partito democratico), adesso al ballottaggio, ma anche a Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia, Lega) e Alfio Marchini (liste civiche e Forza Italia). E non è andata meglio nelle altre città. A Milano, Basilio Rizzo (Milano in Comune - Sinistra e Costituzione) è ben lontano sia da Giuseppe Sala del centrosinistra che da Stefano Parisi del centrodestra.

Situazione critica a Torino per Giorgio Airaudo (Torino in Comune - La sinistra, Ambiente Torino per Airaudo sindaco, altri), distantissimo da Piero Fassino (Partito democratico, Lista civica per Fassino, altri) e Chiara Appendino (Movimento 5 Stelle). E l'elenco potrebbe continuare se tiriamo in ballo i vari candidati della sinistra più radicale a Bologna e Napoli. Tutti loro potrebbero adesso cercare un posto al sole con eventuali apparentamenti in vista dei ballottaggi del 19 giugno che sono di fatto incerti nella maggior parte delle grandi città. La loro capacità di incidere, considerati gli scarsi voti che portano in dote, appare piuttosto limitata.

E lo stesso ragionamento può essere applicato a livello nazionale nel contesto nazionale, rispetto al quale e in riferimento alle novità per le pensioni, la proposta cardine è il piano di uscita anche a 62 anni di età con 35 anni di contributi versati e penalità dell'8%. Diverso è il caso dei partiti più a destra, come Fratelli d'Italia. Il caso più evidente è quello di Roma con Giorgia Meloni. Certo, la sua è stata una candidatura forte e credibile, ma le stesse battaglie sulle pensioni, nonostante molti nel suo stesso partito abbiano votato l'attuale legge, basate sulla rivisitazione del sistema e sui tagli agli assegni più alti, hanno lasciato maggiormente il segno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il