BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Ballottaggio sondaggi, previsioni aggiornati Torino, Napoli, Roma, Milano chi vince elezioni comunali Pd, M5S, Lega, Fi

I Cinquestelle sono l'ago della bilancia a Milano ma anche in altre città le previsioni aggiornate raccontano di molta incertezza.




La posta in gioco con i ballottaggi do domenica 19 giugno 2016 poiché i vari Movimento 5 Stelle, Lega, Partito democratico, Forza Italia si contendono la guida delle importanti città di Torino, Milano, Napoli, Napoli, Bologna. E i sondaggi aggiornati, sempre in corso anche se non pubblicati, riferiscono di molta incertezza. Tutte le previsioni di coto confrontate confermano che a Roma Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) è in vantaggio sul canidato sindaco Roberto Giachetti (Partito democratico, Italia dei Valori, Verdi, Radicali, Socialisti, Democratici e Popolari, Lista civica Giachetti sindaco, Più Roma-Popolari e democratici, altri).

Il Movimento 5 Stella confida nel colpaccio a Torino, dove Chiara Appendino deve recuperare 10 punti sul sindaco uscente del Pd Piero Fassino: farebbero comodo i 9 punti conquistati da Alberto Morano (Lega-Fdi) al primo turno. A Bologna la situazione si ribalta. La leghista Lucia Borgonzoni, arrivata al 22% al primo turno, non può fare a meno del 17% conquistato dal grillino Max Bugani, se vuole recuperare sul sindaco uscente (Pd) Virginio Merola.

I Cinquestelle sono l'ago della bilancia a Milano, dove Stefano Parisi di centrodestra e Giuseppe Sala del centrosinistra sono testa a testa. Salvini chiarisce la posizione della Lega: "Con M5S nessun accordo, né sopra il banco né sotto il banco. È un ragionamento che faccio da mesi: ci sono città male amministrate dalla sinistra. Laddove non ci fosse la Lega al ballottaggio, indicherò di votare per tutti tranne che per il Pd". Sia nel Carroccio che nel Movimento c’è la speranza che i propri elettorati si uniscano nella battaglia comune contro Renzi.

E sottotraccia si studiano i movimenti nel centrodestra. Giovanni Toti, braccio destro di Berlusconi, ha confermato l'indicazione di scheda bianca o non voto ai ballottaggi dove non ci sono candidati del centrodestra. Non escludendo però qualsiasi formula "contraria all'appoggio a candidati del Pd e del governo". La partita sembra chiusa a Napoli dove il vantaggio di Luigi De Magistris (Luigi de Magistris, DemA, Mo! Unione Mediterranea, Verdi, Repubblicani Democratici, Napoli in Comune, Napoli Bene Comune, Italia dei Valori, Ce Simme Sfasteriati, Partito del Sud, Meridionalisti Napoli Capitale) nei confronti di Gianni Lettieri (Forza Italia, Prima Napoli, Fare Città, Giovani in Corsa, Rivoluzione Cristiana, Napoli Capitale, Pensionati d'Europa, Italia 20.50 Napoli Concreta, Impresa Comune, Camminiamo Insieme, Costruzione e Stato) sembra incolmabile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il