BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni al via presidi, manifestazioni Francia con Governo Renzi-Forze Sociali

Non solo nuova riunione esecutivo forze sociali domani 14 giugno ma anche nuove manifestazioni e presidi per novità per le pensioni: l’esempio della Francia




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:57) A Torino vi sono i primi presidi, con tanto di foto che potete trovare sui gruppi Facebook visto sotto in fondo all'articolo, mentre alle 13,30 si ricorda inzierà anche a Bari sotto la sede Rai come confermano le ultime notizie e ultimissime che riportano anche le prime persone verso la sede del Governo a Roma per la riunione tra Forze Sociali e Governo Renzi per cui c'è molta attesa per le novità per le pensioni. Vi terremo informati man mano ovviamente

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:33): Sono le ultime e ultimissime notizie a confermare come l'incontro di domani tra le forze sociali e il Ministero del Lavoro sulle novità per le pensioni sia molto atteso. Le ultime notizie riferiscono infatti come sia in corso l'organizzazione di presidi e manifestazioni in varie città d'Italia per protestare contro le politiche adottate (o non adottate) da questo governo. Niente comunque di paragonabili alle iniziative in Francia.

Continuano i confronti sulle questioni delle novità per le pensioni e tra governo e forze sociali si torna a dialogare, dopo mesi di silenzio, alla ricerca di soluzioni comuni e condivise che siano vantaggiose per i lavoratori, sostenibili da un punto di vista economico e che siano appoggiate da tutti. Nonostante le resistenze dei tecnici del Tesoro, che continuano ad essere particolarmente ai conti pubblici, spiegando che i vincoli di bilancio per ulteriori margini di intervento sono decisamente ristretti, le ultime notizie confermano le intenzioni, di alcuni, di voler continuare a lavorare sulla strada della realizzazione di novità per le pensioni, mentre altri ritengono sia meglio partire da piani alternativi come la riduzione delle imposte.

E mentre i dibattiti continuano a vertere principalmente su novità per le pensioni di quota 100, novità per le pensioni di quota 41 e novità per le pensioni con mini pensione,che però, continua a creare non pochi dissensi tra tanti, sopratutto a causa delle forti limitazioni imposte, sia da un punto di vista di beneficiari, sia da un punto di vista di penalità economiche finali, in Italia, esattamente come sta accadendo in Francia, ci si prepara a nuove iniziative d protesta in diverse città italiane. Domani, martedì 14 giugno, in concomitanza con la nuova riunione tra governo e forze sociali, si terranno le manifestazioni 'No Loi ravail, No Jobs Act' e per dire 'No alle leggi sul lavoro dell'Unione Europea' e saranno organizzati presidi, da Pisa a Firenze, per protestare contro l'aumento dell'età pensionabile e dell'orario di lavoro settimanale, norme che sono in via di approvazione in una Francia che da settimane è scenari di guerriglia dei cittadini contro le decisioni del governo, mentre in Italia, di fronte a certe ingiustizie ed errori, ci si continua a lamentare senza far mai nulla di concreto. Ed ora forse è arrivato il momento della svolta.  (per il calendario vedere il link, sotto con gli orarie  come aderire così come il calendario dei presidi sotto il Governo e le sedi Rai dei Gruppi Facebook e Comitati Online)

A dare l’esempio i cittadini d’Oltralpe che, sin da quando sono state rese note, si sono opposti alle nuove regole che l’esecutivo vorrebbe approvare su pensioni e occupazione. I francesi hanno, infatti, deciso di scendere in piazza contro la nuova riforma dell’occupazione e, dallo scorso mese di maggio, si sono blocco delle raffinerie che ha poi spinto gli automobilisti a prendere d’assalto i benzinai, costringendo il governo a mettere mano alle riserve strategiche di carburante; sciopero dei ferrovieri; quindi dei lavoratori impegnati nel settore dell’energia nucleare, tanto che 16 delle 19 centrali francesi per un giorno hanno rallentato la loro produzione di elettricità; e cortei e blocchi di strade in diverse città.

La nuova riforma occupazionale in Francia prevede allungamento dell'orario lavorativo, licenziamenti più facili, indennità,in caso di licenziamento irregolare, limitate in base a criteri fissi, modulati sulla base dell’anzianità di servizio del lavoratore. La discussione di queste nuove norme occupazionali inizia oggi in Senato francese, mentre domani si terrà una manifestazione nazionale che la CGT, il principale sindacato dei lavoratori, ha già dichiarato sarà di grandissima portata. La discussione del progetto di legge resterà in Senato fino al prossimo 24 giugno e finora non  prevista alcuna modifica a nessuna delle regole proposte e tanto contestate, segno che probabilmente si continuerà, esattamente come vuole la stessa Europa, a lavora nel segno dell’austerità, proseguono anche le trattativa per migliorare le condizioni relative alle pensioni in Francia dove è stato in realtà proposto un abbassamento dell’età pensionabile.   

Tuttavia, ci si chiede quanto la politica di austerità finora abbia elettivamente portato alla crescita dei Paesi. E’ già stato spiegato, proprio qualche settimana fa, e probabilmente la linea di austerità perseguita da Bruxelles, come confermano le ultime notizie su andamento della disoccupazione, non sia stata la migliore strategia, anche alla luce di ipotesi, da sempre ribadite, di novità per le pensioni in Italia che potrebbero proprio a rilanciare quell’occupazione giovanile al momento bloccata nonchè risparmi, seppur nel lungo periodo, derivanti dalle penalità a carico del lavoratore che ogni piano di uscita prima prevede.

La Francia, del resto, non è la sola a protestare contro le novità per le pensioni e l’occupazione in questo particolare momento, perché scontri sociali si susseguono da Belgio a Portogallo e Grecia, senza dimenticare che nel nostro Paese qualcosa, come detto sopra, sembra muoversi e ci si prepara a per domani 14 giugno a nuove manifestazioni indette dai Comiati per chiedere novità per le pensioni sotto tutte le sedi della Rai, da Torino a Bari, mentre a Roma è stato organizzato un presidio presso la sede del Ministero dell'Occupazione proprio per far sentire la presenza di tutti coloro, e sono tantissimi, che hanno urgenza e necessità di vedere finalmente approvate novità per le pensioni che siano in grado di correggere tutti quegli errori creatisi  seguito dell'entrata in vigore della legge attuale, restituendo a tutti coloro che sono stati penalizzati dignità e rinnovate possibilità di una vita migliore.

Dove, quando e come partecipare:

Manifestazione sotto sede Rai e Governo:
https://www.facebook.com/groups/lavprcoc/

Manifestazioni "francesi" quando, come e dove si possono trovare qui una serie di link:
http://dirittoallapensione.blogspot.it/2016/06/no-loi-travail-no-jobs-actil-14-giugno.html

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il