Ecco gli spermatozoi on demand

Presto sarà possibile la creazione in laboratorio di spermatozoi e ovociti da impiantare nelle persone sterili



Presto sarà possibile la creazione in laboratorio di spermatozoi e ovociti da impiantare nelle persone sterili. E' quanto sostiene un'equipe di ricercatori britannici della University of Sheffield. Se le ipotesi formulate dagli studiosi si dimostrassero esatte, nei prossimi anni si potrebbe assistere ad una vera e propria rivoluzione nel campo della ricerca biologica e medica.

Dalle cellule staminali degli individui adulti sarebbe possibile creare artificialmente degli embrioni da impiantare nell'utero. Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori inglesi hanno fatto numerose sperimentazioni su embrioni donati da coppie sottoposte a fecondazione assistita. Si è così potuto verificare che aggregati di cellule staminali embrionali, noti come corpi embrioidi, dopo due settimane presentavano una struttura proteica simile a quella delle cellule germinali primordiali.

Questo apre la strada ad una possibile creazione in laboratorio di ovuli e sperma partendo dalle staminali adulte, tecnica utile nei casi di infertilità che hanno necessità di una fecondazione assistita. Secondo Harry Moore, che ha guidato lo studio insieme al professor Behrouz Aflatoonian, prima che il trattamento venga messo a punto passeranno probabilmente una decina di anni.

''Abbiamo ancora molto lavoro da fare, e dobbiamo dimostrare che la tecnica sia sicura'', ha commentato Moore.

Dal punto di vista bioetico, la scoperta presentata dalla University of Sheffield crea comunque una nuova spaccatura nel dibattito sulla ricerca nel campo della procreazione. A spaventare, in questo caso, è la possibilità teorica che si riesca ad ottenere un embrione dalle staminali di un solo soggetto, che automaticamente diventerebbe padre e madre del proprio figlio.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il