BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Ballottaggio risultati ufficiali aggiornamento tempo reale spoglio schede Torino, Milano, Bologna,Napoli,Roma chi vince exit poll

A Torino, Roma, Milano, Napoli e Bologna si vota per l'elezione dei nuovi sindaci. Situazione incerta in molte città.




AGGIORNAMENTO: Oltre ad Affaritaliani altre fonti danno Appendino vincente a Torino contro Fassino con una forchetta che progressivamente aumenta. A Milano Parisi e Sala in testa a testa con Sala al 51,8% e Parisi al 48,2% (repubblica), mentre Sala 51,84% e 48,16 Parisi (Corriere)

 

AGGIORNAMENTO:  Secondo Affaraitaliani a Roma e Napoli è sttato vinto rispettivamente dalla Raggi e De Magistris con più del 60% al 90%.

A Torino l'Apppendino è leggermente in testa con il 52% rispetto al 48% di Fassino. Vi è il 55% di probabilità che vince lei.

A Milano Sala è al 50,5% contro il 49,5 di Parisi. Finale ancora incerto al 50% per ciascuno

A Bologna Merola ha il 55% contro il 45% della Borgonzoni e il 75% di essere sindaco.


AGGIORNAMENTO: Ecco le primissime previsioni ed exit poll sui risultati ufficiali del ballottaggio a Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli e Trieste (in arrivo). Seguiremo l'evolversi delle previsioni e degli exit poll e lo spoglio ufficiale delle schede con aggiornamenti in tempo reale DA PIUì FONTI:

Napoli

De Magistris 61-65
Lettieri 35-39

Roma

Raggi al 64-68
Giachetti al 32-36

Torino

Appendino 50-54
Fassino 46-50

Milano

Sala al 49-53
parisi al 47-51

Bologna

Merola al 54-58
Borgonzoni al 42-46

AGGIORNAMENTO: L'affluenza alla 19 è in netto calo, molto forte al 38% di media. Ecco le singole città:

Torino è al 39,15%
Napoli è al 25,27%
Milano è al 39,97
Roma è al 34,9%
Bologna è al 43,98

AGGIORNAMENTO: Le ultime rilevazioni sono soprattutto delle indiscrezioni che arrivano dall'interno dei partiti di queste ultime ore di attesa. Ecco quanto si dice parlando con alcuni esponenti (sottolineiamo che siamo apolitici)

- Roma sembra vinta dal M5S, poche speranze nutre il Pd se i voti di Fassina e di Marchini. Ma il divario dovrebbe essere 60-40 o almeno 50-40. Quindi Raggi data come sicura vincitrice contro Giachetti.

- Milano è la sfida più difficile da capire. Sia il Pd che il centro-Destra sono convinti di poter vincere seppur tutti per pochi punti. L'idea che se l'affluenza sarà bassa avrebbe pèiù possibilità Sala. Il Movimento 5 Stelle potrebbe cambiare tutto votando Sala anche solo il 3-4%

- Napoli è il pronostico più semplice secondo tutti, De Magistris dovrebbe vincere.

- Torino è una altra grande sfida. Fassino parte con 11 punti di distacco, ma se il voto della destra e del centro e di alcune liste cicihe come sembra andrà all'Appendino vista come simbolo del cambiamento e Fassino non riuscisse a intercettare nulla di queste forze il Movimento 5 Stelle potrebbe vincere.

- Bologna c'è ottimismo, seppur cauto, per Merola nel Pd. E anche gli altri partiti pensano sia difficile il recupero, anche se Merola non vincerà con grandissimo distacco secondo alcuni rispetto Lucia Borgonzoni

AGGIORNAMENTO: Come ragionare sull'astensione? Prima di tutto è molto meno del previsto o di quella che storicamente vi è tra un primo e secondo turno. C' anche bel tempo in molte regioni e tante gente al mare e non sono considerazioni dette a caso, ma sono importanti per i più importanti centri di sondaggio. Gli stessi che indicano come l'astensione non dovrebbe essere un punto favorevole nè per M5S nè per il Pd o il centro-destra. E' difficile che l'astensionismo sposti l'esito del voto finale. Detto questo, come sempre, invitiamo al voto tutti, un diritto fondamentale.

Aggiornamento: Dati completi e ufficiali:

Torino: 14,82%
Milano: 15,50%
Trieste: 17,26%
Roma: 13,49%
Napoli: 12,12%
Bologna 16,89%

Aggiornamento: La media dell'affluenza è stata del 15% su 30 comuni dei 133 rilevati. Alle ore 12 precedenti era stata del 16,57%. Roma 13,28%, Milano al 15,89%, Trieste 17,26%, Torino 14,8%. I dati non sono ancora finali in quanto in fase di aggiornamento del VIMINALE

Domenica di ballottaggi quella del 19 giugno 2016 per molti capoluoghi italiani:, tra cui Torino, Roma, Milano, Napoli e Bologna. Gli elettori dovranno scegliere i rispettivi primi cittadini visto che al primo turno nessuno tra gli sfidanti ha raggiunto la metà più uno dei voti espressi. Si tratta di un nuovo test per i vari Partito Democratico, Lega, Forza Italia, Movimento 5 Stelle alla continua ricerca di consenso. Per sapere chi vince ovvero per aggiornamenti in tempo reale sull'andamento dello spoglio, consigliamo di seguire questo stesso sito poiché forniremo aggiornamenti in tempo reale in vista della proclamazioni dei nuovi primi cittadini.

La sfida più seguita è quella di Roma tra Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle), favorita secondo gli ultimi sondaggi, e Roberto Giachetti (Partito democratico, Italia dei Valori, Verdi, Radicali, Socialisti, Democratici e Popolari, Lista civica Giachetti sindaco, Più Roma-Popolari e democratici, altri). Far tornare alla normalità e all'efficienza la macchina amministrativa del Campidoglio, un esercito di 23mila dipendenti che diventano oltre 60mila se si conteggiano anche i dipendenti delle partecipate del Comune. È la priorità su cui dovrà impegnarsi il prossimo sindaco di Roma. A pesare sulle inefficienze romane l'assenteismo record, le numerose inchieste aperte dalla procura di Roma sulla corruzione di molti funzionari del Comune.

A Milano tra Giuseppe Sala (Partito democratico, Lista Beppe Sala-Noi Milano, Sinistra x Milano, Italia dei Valori, altri) e Stefano Parisi (Lista civica Parisi - io corro per Milano, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Milano popolare, Pensionati, altri) e tutti gli ultimi sondaggi aggiornati riferiscono di sorpassi e controsorpassi sempre al di sopra e al di sotto della soglia del 50-51%. Negli ultimi anni sono stati fatti tagli alla macchina burocratica per circa 20 milioni.

A Torino, Piero Fassino (Partito democratico, Lista civica per Fassino, altri) viene dato davanti a una Chiara Appendino (Movimento 5 Stelle) che sta tentando una clamorosa rimonta. Dal 2011 al 2015 il Comune ha avviato un piano di contenimento delle spese correnti e di dismissioni di quote in partecipate o controllate per recuperare risorse e ridurre l'esposizione finanziaria. Il sistema dei servizi ha una buona base, ma alcune criticità si registrano sui flussi di pagamento verso Amiat (raccolta rifiuti), difficoltà gestita con un piano di rientro, e su servizi base come l'edilizia pubblica..

Situazione relativamente più tranquilla a Bologna dove Virginio Merola (Partito democratico, Cittadini per Bologna, Città comune con Amelia, altri) è sempre costantemente davanti a Lucia Borgonzoni (Lega Nord, Uniti si vince, Forza Italia, Fratelli d'Italia, altri), ma soprattutto a Napoli dove il sindaco uscente Luigi De Magistris va verso una riconferma ai danni di Gianni Lettieri (Forza Italia, Prima Napoli, Fare Città, Giovani in Corsa, Rivoluzione Cristiana, Napoli Capitale, Pensionati d'Europa, Italia 20.50 Napoli Concreta, Impresa Comune, Camminiamo Insieme, Costruzione e Stato).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il