BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Ballottaggio Roma, Milano, Torino risultati, spoglio voti ufficiali aggiornamento Appendino, Fassino, Parisi,Sala,Raggi,Giacchetti

Ci sono i ballottaggi a caratterizzare la giornata di domenica. Urne aperte in decine capoluoghi italiani dalle 7 alle 23.




AGGIORNAMENTO: Confrontiamo le diverse previsioni ed exit poll appena usciti:

Da repubblica:

Roma

Raggi al 64-68
Giachetti al 32-36

Torino

Appendino 50-54
Fassino 46-50

Milano

Sala al 49-53
parisi al 47-51

Bologna

Merola al 54-58
Borgonzoni al 42-46

Napoli

De Magistris 61-65
Lettieri 35-39

Secondo Affarriitaliani che ha fatto molto bene nel primo turno come proiezioni ed exit poll:

A Torino l'Apppendino è leggermente in testa con il 52% rispetto al 48% di Fassino. Vi è il 55% di probabilità che vince lei.

A Milano Sala è al 50,5% contro il 49,5 di Parisi. Finale ancora incerto al 50% per ciascuno

A Bologna Merola ha il 55% contro il 45% della Borgonzoni e il 75% di essere sindaco.

A Roma vittoria al 90% della Raggi, così come pure a Napoli De Magistris

AGGIORNAMENTO: Roma ha una affluenza minore rispetto alle elezioni del primo turno con il 13,28, mentre Milano in crescita al 15,89&. Le media generale è del 15% in calo rispetto al 16,57%

Domenica 19 giugno 2016 elezioni e ballottaggi comunali e sindaco per le città di Roma e Milano. C'è tempo dalle 7 alle 23 per esprimere la propria preferenza al seggio elettorale di appartenenza. Per risultati e aggiornamenti in tempo reale sull'andamento degli scrutini, il sito principale è quello del Ministero dell'Interno e quello dedicato alle elezioni. Le prime proiezioni saranno disponibili sui portali del Corriere della Sera, della Repubblica, del Sole 24 Ore e di Sky TG24, ma naturalmente invitiamo a seguire questo stesso sito. Proponiamo infatti la diretta su quanto accade con gli spogli ovvero i dati aggiornati su andamento degli scrutini, affluenza ed exit poll.

A Roma la contesa è fra la favorita Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) e Roberto Giachetti (Partito democratico, Italia dei Valori, Verdi, Radicali, Socialisti, Democratici e Popolari, Lista civica Giachetti sindaco, Più Roma-Popolari e democratici, altri). Al primo turno Raggi ha ottenuto il 35,25% dei voti, Giachetti il 24,87%.

Dal punto di vista programmatico, per la candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi le municipalizzate devono restare pubbliche. Il primo passo sarà quello di attingere alle risorse interne tagliando consulenze e nomine esterne. Previsto anche un assessore a tempo dedicato. Per Roberto Giachetti (centrosinistra) va rivoluzionata la macchina amministrativa, introducendo competenze e nuove tecnologie.Ci sarà un city manager e un chief technology officer. Dismissioni delle partecipate non strategiche come Assicurazioni Roma e Farmacap. Il contratto con Acea non sarà rivisto.

A Milano la sfida a due è fra il candidato del centrosinistra Giuseppe Sala (Partito democratico, Lista Beppe Sala-Noi Milano, Sinistra x Milano, Italia dei Valori, altri) e quello del centrodestra Stefano Parisi (Lista civica Parisi - io corro per Milano, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Milano popolare, Pensionati, altri). I rapporti di forza, sulla base dei risultati delle elezioni di due settimane fa, sono del 41,69% e del 40,77% dei voti espressi. Potrebbero essere decisivi i voti che al primo turno sono stati assegnati a Gianluca Corrado (Movimento 5 Stelle), Basilio Rizzo (Milano in Comune - Sinistra e Costituzione), Marco Cappato (Radicali), Nicolò Mardegan (Noi per Milano), Luigi Santambrogio (Alternativa Municipale), Maria Teresa Baldini Fuxia People), Natale Azzaretto (Partito comunista dei lavoratori).

Dando uno sguardo alle differenze programmatiche, per il candidato del centrodestra Stefano Parisi è possibile procedere subito alla vendita di A2a, mentre per Sea va aspettato il momento migliore del mercato. Contrario invece all'ingrandimento subito da Metropolitana milanese: l'idrico ad esempio non ha senso che venga mantenuto. Per il candidato del centrosinistra Giuseppe Sala, il dossier Sea può essere riaperto con più passaggi: fusione con la società di Bergamo (Sacbo) e poi cessione di quote, lasciando al Comune il 30% per garantire l'indirizzo pubblico. Su Mm, Sala intende proseguire con il rafforzamento, per garantirne la razionalizzazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il