BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quali novitÓ per nomina segretario e Congresso con novitÓ mini pensioni, quota 41, quota 100

Nel complesso puzzle delle novitÓ per le pensioni sarÓ decisiva la scelta del nuovo segretario alla guida del Partito democratico.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:02): Non risulterebbe sicuramente delle novità per le pensioni sostanziali e immediate, ma sarebbe un passo avanti importanti se venisse nominato un nuovo segretario e venisse convocato un Congresso prima ancora del previsto come vorrebbe l'opposizione interna che da sempre, almeno a parole, ritiene fondamentale le novità per le pensioni e con un segretario come Rossi, ad esempio, ptrebbe incidere maggiormente su questo tema. Senza farsi ovviamente false illusioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Verso la resa dei conti all'interno della maggioranza e le conseguenze sulle novità per le pensioni potrebbero essere più sorprendenti di quel che si possa immaginare. A essere decisiva sarà la contesa che come riportano le ultime e ultimissime notizie, inizierà già nella prossima direzione, anticipata dal premier, per poi raggiungere il suo culmine nel congresso, anch'esso forse prima del previsto.

Prima l'anticipo della direzione e poi forse anche quella del congresso per l'elezione del nuovo segretario del Partito democratico, con tutto il carico di prospettive sulle novità per le pensioni che inevitabilmente porterà con sé. Sono le conseguenze di questo turno di ballottaggio. Il premier e segretario Pd, che ieri ha passato la notte dello spoglio con i suoi a Largo del Nazareno, ha tirato un piccolo sospiro di sollievo nel vedere Giuseppe Sala - candidato da lui fortemente voluto nel segno del rinnovamento e della conquista di voti al centro - vincitore a Milano sul candidato del centrodestra unito, da Forza Italia, fino alla Lega, passando per Fratelli d'Italia e anche il Nuovo centro destra.

Tuttavia c'è un'opposizione interna che incalza ed è la stessa che da tempo insiste per l'introduzione di vere novità per le pensioni, da quota 100 come somma di anni di contribuzione ed età anagrafica da maturare, a quota 41 per chi ha iniziato a lavorare in giovane età, che vadano al di là delle mini pensioni con penalizzazioni prospettate da Palazzo Chigi. Il Partito democratico ha perso dove non era previsto, nella Torino governata dal sindaco uscente Piero Fassino dove a vincere è stata la giovane candidata grillina Chiara Appendino. Chiaro che al ballottaggio i voti della destra, così come auspicato dal leader della Lega Matteo Salvini, si sono riversati sulla candidata del Movimento 5 Stelle.

Ciò non toglie l'apertura di una prima vera crisi all'interno del Partito democratico con esiti tutti da definire. A ogni modo, non ci sarà nessun impatto immediato sull'esecutivo, come preannunciato dal presidente del Consiglio, ma certo non vengono sottovalutate le "indicazioni nazionali". A cominciare dall'evidente voto di protesta anti-governo e anti-establishment di Torino, e non solo. Un dato che fa riflettere il premier e segretario del Partito democratico in vista del referendum di ottobre sulle riforme, occasione in cui potrebbero coalizzarsi tutte le opposizioni contro il governo. Per cercare di trovare smalto, visibilità e consensi, il premier potrebbe così scommettere sulle pensioni, una carta sempre vincente se ben impiegata.

Il governo ha per ora dato il via libera all'accompagnamento dei lavoratori più anziani al pensionamento in maniera attiva attraverso il part time, la proroga per altri 12 mesi del contributivo donna per consentire il congedo con 35 anni di contributi versati e 57 anni e tre mesi di età, accettando il ricalcolo dell'assegno con il sistema contributivo, l'aumento delle soglie della no tax area, la settima salvaguardia degli esodati, ma è per ora ben poca cosa rispetto alle richieste di intervento. In ogni caso sarà decisivo capire se ci sarà un successore alla guida del partito. Se l'opposizione interna dovesse trovare spazio, allora potrebbe tornare d'attualità quel disegno di legge del presidente della commissione Lavoro a Montecitorio, costantemente bocciato per assenza di coperture economiche, con cui permettere il congedo a 62 anni di età con 35 anni di contributi versati con penalizzazione massima dell'8%.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il