BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie attese novitÓ Governo Renzi con Errani, Martina, Zingaretti, Rossi per novitÓ quota 100, quota 41

Il governo di prepara ad un piano di rinnovamento della maggioranza che avrebbe importante impatto anche su novitÓ per le pensioni: cosa si prevede




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:40): 
per rispondere alla domanda di cui sotto....non è semplice, comunque, capire cosa sta succedendo in una forza dove lo scontro appare molto forte e lo stesso Renzi, infatti, sembra cambiare idea, almeno secondo indiscrezioni, frequentemente. E tutto per le novità per le pensioni con ultime notizie e ultimissime così contrastanti appare ancora più difficile

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:07): Lo stesso Renzi vorrebbe almeno della ultime notizie fare un passo indietro rispetto a quanto sembrava dalle ultime notizie e ultimissime fare, ovvero non cambiare le poltrone con vari scambi, ma cercare di capire nella Direzione cosa si può fare per riavvicinarsi alla gente. Non lo ha detto, ma forse un cambio di priorità, tra cui le novità per le pensioni? 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:36): Nella stessa opposizione interna vi sono visioni diverse su cosa è meglio fare e a breve vi sarà l'inizio del confronto come confermano le ultime notizie e ultimissime su incontro odierno. Da una parte c'è chi vuole rivedere le strategie con le novità per le pensioni rilanciate, mentre dall'altra parte vi è chi chiede un Congresso non solo per rivedere le tematiche, ma anche votare nuovo segretario e non solo membri segreteria che, però, come abbiamo visto nelle ultime notizie e ultimissime iniziano a sfilarsi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:38): Aumenta sempre di più lo scontro all'interno della maggioranza. L'idea di una nuova segreteria viene bocciata da Zingaretti e anche dallo stesso Rossi il quale parla di un assemblea decisionale di 30 persone. E nello stesso la Madia chiede che Orfini lasci Roma. Con una divisione del genere non è certo semplice fare qualsiasi novità per le pensioni o di altro genere con una forza così spaccata come riportano le ultime notizie e ultimissime. E anche Renzi a questo punto abbozza un passo indietro. Ma la confusione sembra ancora maggiore.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:07): Non c'è nessuna certezza sul rilancio delle novità per le pensioni da parte del Governo Renzi, anzi è tutto ancora in divenire visto che nelle ultime notizie e ultimissime gli esponenti attuali rimangono ancorati solo alle mini pensioni, ma l'opposizione anche con i cosidetti "pezzi da 90" spinge per novità per le pensioni vere.
C'è da sottolineare che in sintesi:

- novità pensioni Rossi ha sempre appoggiato l'idea di quota 100 e quota 41 anche riviste dall'Istituto di previdenza e ha fatto diverse cose in Toscana la sua regione
- novità pensioni Errani è convinto che occorre rivedere tutti gli errori della norma
- novità pensioni Zingaretti anche lui in una posizione simile a quella di Errani e ha già fatto alcune cose nel Lazio come abbiamo visto sotto
- Novità pensioni Martina che in diverse occasioni, molto vicino al territorio, essendo Ministro dell'Agricoltura,. ha parlato di aperture verso quota 100 e quota 41 dell'opposizione interna aperto ad un confronto ampio

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:50): Sembra cambiare leggermante la strategia del Governo Renzi almeno a parole riprendendo la paroal rinnovamento. Ora bisogna capire cosa si intende per rinnovamento, perchè se è quello interno, non ci siamo proprio. Occorre che ci sia un rinnovamento delle cose cose da fare che gli italiani vogliano, tra cui le novità per le pensioni, ma anche le imposte, la spending review, lotta alla corruzione, semplificazioni. Se è questo, se è riprendere il programma originario addirittura della Leopolda dove si parlava e bene di novità per le pensioni allora è un punto iniziale anche se ci vogliono i fatti, la gente chiede i fatti ora, non fidandosi più o molto poco. E le prossime tre riunioni saranno importanti.

Un rinnovamento per rimettere in gioco il Pd perchè anche se il premier continua a ribadire che gli esiti delle comunali non rappresentano un voto di protesta e non hanno impatto sull'esecutivo, in realtà, come confermato anche dalle ultime notizie, non è proprio così.  E occorre recuperare consensi, fiducia ed elettori in vita del prossimo referendum costituzionale d’autunno che per il governo e per lo stesso premier dovrebbe essere la vera prova del nove, giacchè lo stesso presidente del Consiglio ha diverse volte ribadito che in caso d perdita al referendum lascerà la scena politica. Il punto di partenza del rinnovamento della maggioranza sembra sia una nuova squadra per il Pd che potrebbe 'contare' sul ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, che potrebbe diventare vicesegretario unico, sul governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti, sul governatore della Toscana Enrico Rossi e anche su Vasco Errani. Si tratta di un nuovo percorso d cui si parla in questi ultimi giorni, in vista del nuovo Direttorio del Pd anticipato a venerdì prossimo 24 giugno. E se tutto andasse in questo verso, sarebbero diverse le conseguenze anche sulle novità per le pensioni che si avrebbero, considerando che ognuno degli esponenti politici citati è da sempre favorevole a modifiche dell'attuale legge pensioni.

Questo piano di rinnovamento della propria squadra potrebbe essere visto come una svolta, la prima, per dare una risposta concreta all’opposizione interna e che potrebbe rivelarsi decisamente importante perché punterebbe su persone legate al territori che sono ben consapevoli delle necessità della gente e che hanno già iniziato a fare qualcosa di concreto, anche e soprattutto in merito a novità per le pensioni. E’, infatti,en noto che il ministro Martina sia d’accordo con novità per pensioni di quota 100 e novità pensioni di quota 41 che al momento non sembrano proprio nelle intenzioni dell’esecutivo che invece, continua a portare avanti il piano basato sulla mini pensioni che però ancora non convince e sta suscitando sempre più proteste.  

Dal canto suo, il governatore Zingaretti dopo aver già approvato il taglio della pensione d'oro ai consiglieri, cui lui stesso a rinunciato, si avvia a rivedere totalmente i calcoli dei trattamenti previdenziali dovuti agli stessi consiglieri. Ma si tratta solo delle sue ultime novità in tema pensionistico: prima ancora che fosse approvato a livello nazionale, infatti, Zingaretti ha dato il via alla staffetta nel Lazio per favorire l’ingresso di giovani fino a 29 anni assunti con contratto di apprendistato o a tempo indeterminato, attraverso il passaggio al part-time per coloro a cui manchino fino a tre anni al pensionamento con la riduzione dell’orario di lavoro non oltre il 50%.

Anche Rossi avrebbe importante impatto su novità per le pensioni: oltre a sostenere la necessità di introduzione di aiuti per coloro che si ritrovano a vivere in difficoltà, il governatore della Toscana ritiene sia importante concentrarsi su questioni centrali per i cittadini come occupazione, pensioni più basse e soluzioni ad hoc per determinate categorie di lavoratori, come chi è entrato giovanissimo nel mondo del lavoro e chi svolge occupazioni faticose, spingendo, pertanto novità di quota 100 o novità d quota 41. Anche Vasco Errani, che già era tra i candidati alla successione della Guidi per la guida del Ministro dello sviluppo economico, cercherebbe di potare avanti il dibattito previdenziale coinvolgendo tutti i livelli.

Particolarmente sostenuto dalla minoranza, certamente spingerebbe su novità per le pensioni di quota 100 e novità r le pensioni di quota 41. attraverso una serie di confronti che, in realtà, lui chiedeva anche prima che 'attuale legge venisse approvata, proprio per definire soluzioni comuni, seppur ai tempi avrebbero dovuto essere comunque rigide. Ma ora il percorso sarebbe diverso: bisognerebbe ricominciare a discutere di novità per le pensioni che sappiamo soddisfare le esigenze e le richieste di tutti, cosa che certamente non fa il pian basato sulla mini pensione, da molti considerata l’ennesima truffa dell’esecutivo, da altri un sistema che servirebbe, ancora un volta, ad arricchire gli istituti di credito e che non sarebbe, viste le condizioni poste tra platea di beneficiari interessati e penalizzazioni a carico del lavoratore che decide di andare in pensione prima, per nulla conveniente per lo stesso lavoratore dopo un’intera vista trascorsa nella sua attività professionale.  

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il