BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Brexit aggiornamenti in tempo reale, previsioni, sondaggi aggiornati, exit poll. Risultati tempo reale referendum Gran Bretagna

Continuano i sondaggi che parlano di sorpassi e controsorpassi in relazione al referendum di giovedì sull'uscita dalla Gran Bretagna dall'Unione europea.




I sostenitori della Brexit ovvero i favorevoli all'uscita dalla Gran Bretagna dall'Unione europea, stanno perdendo terreno nella campagna referendaria come testimonia anche il più importante istituto di sondaggi britannico, l'Ipsos. In ogni caso, la City prosegue con una serie di appelli a restare in Europa per evitare ripercussioni sull'economia del mondo intero. Stando alla più recente rilevazione Bertelsmann, la quota di chi è adesso favorevole alla permanenza è pari al 54%. Da parte sua, Bruxelles cerca di gettare acqua sul fuoco delle previsioni più catastrofiche, con il presidente della commissione europea Jean Claude Juncker convinto che anche in caso di Brexit l'Unione non sarebbe in pericolo di vita.

Ma il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk non può non ammettere che è molto difficile essere ottimisti di fronte agli ultimi sondaggi. Certo è che il periodo elettorale in Gran Bretagna ha subito una terribile sterzata da quando un folle ha freddato con tre colpi di pistola la deputata anti-Brexit Jo Cox. Insieme ai sondaggi, proseguono gli autorevoli appelli a non lasciare l'Europa, primo fra tutti quello del Financial Times: uscire dall'Unione europea, scrive il giornale della City, sarebbe per la Gran Bretagna un atto gratuito di autolesionismo. Ma l'appello più forte arriva dalla Banca d'Inghilterra, convinta che la Brexit rappresenti la maggiore minaccia alla stabilità finanziaria britannica, ma potenzialmente anche a quella globale.

Ed è scesa in campo anche la cancelliera tedesca Angela Merkel, ricordando agli inglesi che in caso di Brexit perderebbero i benefici europei. A innervosire e preoccupare i filo Ue è stato il più importante istituto di sondaggi britannico che, nonostante vari sondaggi parlassero di sorpasso, continuava a indicare un vantaggio dei sostenitori della Ue. Poi l'annuncio di un ribaltamento delle posizioni con "Leave" a ben sei punti di vantaggio contro "Remain": 53% a 47%. Un dato che ha gelato Bruxelles, compensato solo dai bookmaker, la maggioranza dei quali, secondo un report diffuso continuano a scommettere sulla permanenza inglese nell'Unione europea.

J.K. Rowling, autrice della serie di romanzi su Harry Potter, si è schierata contro la Brexit. Proprio ieri la scrittrice ha pubblicato sul sito della campagna referendaria una lunga requisitoria contro il voto stesso e il dibattito che l'ha preceduto. J.K. Rowling ha scritto, tra l'altro, come siano "stati evocati mostri progettati deliberatamente per solleticare le nostre paure più profonde (...) Le storie raccontate sono le più brutte che ricordi".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il