BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 10 resoconto, video Governo Renzi Sindacati, opposizione e nuovi incontri

Quali ulteriori novità pensioni aspettarsi giovedì oggi 23 giugno da riunione tra governo e forze sociali e nuove posizioni dell’opposizione interna




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:36): Nella riunione dell'opposizione interna della maggioranza si è sottolineato, invece, come si deve ritornare alle origini del programma ed essere più di sinistra. Lo ha fatto lo stesso Speranza parlando di novità per le pensioni chiaramente collegandole alle riunioni con le forze sociali che devono portare risultati e novità condivise positive. Come confermato dalle ultime notizie e ultimissime, la Direzione, invece, ci sarà venerdì prossimo

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:53): Una seduta interlocutoria per i sindacati, ma è inutile negare che le posizioni sono ancora molto lontane e che la trattativa stenti a decollare con il Governo Renzi fermo in pratica alle novità per le pensioni basate sulla mini pensioni senza nessun miglioramento da subito. Più che interlocutoria si può dire deludente. Le piattaforme sono molto lontani e distanti, così tutte le richieste. C'è stata l'apertura di un rinnovo dei contratti per i dipendenti pubblici, ma come si sottolinea all'internod elle varie sigle al momento mancano totalmente i soldi nel DEF.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:52): 
Finito l'incontro tra Governo Renzi e sindacati, nulla di nuovo. Ha parlato in conferenza stampa il Ministro dell'Occupazione e lui esclusivamente per il Governo Renzi. Ha solo spiegato che sono stati delimitati i temi delle novità per le pensioni che sono in fase di confronto. E poi si sono state scambiate dei pareri tra le due parti, ma nulla su queste è stato detto perchè informali.
Alle domande dei giornalisti ha parlato solo di possibilità, facendo una apertura sugli statali e sugli autonomi per la mini pensioni. Ad una domanda sui quota 41 e chi ha iniziato presto a lavorare o per occupazioni faticosa ha detto che è un punto della piattaforma sindacale e che verrà trattato ma non sa dire nulla, è uno dei tanti temi. 
E' stato dunque molto vago. E ha confermato il prossimo incontro per il 28 Giugno come avevamo detto. Sotto alla fine dell'articolo il video dove alla fine ha aprlato anche il consigliere economico delegato alle novità per le pensioni del Premier

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:38): Vi sono già delle ultime notizie e ultimissime confermate per quanto riguarda le novità per le pensioni da questo incontro. Non ci sarà nessuna decisione nell'incontro attuale, come era prevedibile, ma come spiega il SOLE sono state fissate già altre due riunioni il 28 Giugno per le novità per le pensioni, mentre il 30 per l'occupazione. Vi terremo aggiornati con le ultime notizie e ultimissime e novità sulle pensioni appena arriveranno

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:02):  E' iniziato l'incontro con i sindacati per le novità per le pensioni. Lo si fa un clima davvero accesso dove il Governo Renzi è andato sotto ad un emendamento ad una norma che decide le pene per il possesso di armi nucleri, poi, comunque passata. Un segnale come riferiscono le ultime notizie e ultimissime dei verdiani e del centro allo stesso Governo Renzi. Non ci devi sottovalutare nelle decisioni e parlare male di noi o fare come se non esistessimo è questo il messaggio. E una parte della coalizione, si dice, anche di Ncd vorrebbe far cadere il Governo un punto che molti sostenitori delle novità per le pensioni considerano fondamentali perchè possano avvenire finalmente

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:13): Si arriva alla riunione dell'opposizione interna con una maggioranza che è sempre più in subbuglio anche internamente con addirittura alcuni fedelissimi coma la Madia che chiedono le dimissioni di Orfini (altro fedelissimo). E la Madia sottolinea le parole di Prodi di ieri dove si parlava delle necessità di una maggiore attenzione verso le fasce medie e più basse, dove la gente si ritrova a dover dare i soldi ai figli senza occupazione o i 50-60enni sono senza occupazione e senza pensione. E dunque le novità per le pensioni e per una vita dignitosa che chiedono i cittadini italiani vengono ribaditi anche da Prodi dopo che la minoranza con Chiamparino, Fassino, Cacciari ne evavamo parlato in questi giorni. Ma non finisce qui....

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:01): Riunione importante quella tra sindacati e Governo Renzi odierna per le novità per le pensioni che inizierà nel pomeriggio alle ore 15. Sempre nel pomeriggio vi sarà la riunione della minoranza altrettanto significativa. Noi le seguiremo con tutte le ultime notizie e ultimissime e vi indicheremo le novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:47): Tutto pronto per l'incontro tra forze sociali ed esecutivo sulle novità per le pensioni e stando alle ultime e ultimissime notizie, al centro del confronto non ci saranno solo le mini pensioni. Le forze sociali partono da un assunto: sulle pensioni italiane grava una tassazione doppia rispetto alla media europea ed è necessaria una diversa politica fiscale che sostenga i redditi dei pensionati

Si preannunciano ulteriori novità per le pensioni dalla nuova riunione che si terrà domani, giovedì 23 giugno, alle 15, tra governo e forze sociali e cui forniremo un resoconto. Secondo le ultimissime notizie, non dovrebbe essere discussa alcuna novità per le pensioni di quota 100 nè alcuna novità per le pensioni di quota 41, come trapelato nei giorni scorsi, ma piuttosto modifiche eventuali del sistema basato sulla mini pensione, contro cui, però, diversi esponenti politici continuano a dirsi non d'accordo e fortemente criticato dagli stessi lavoratori e pensionandi. Molti cittadini continuano infatti a ritenerla l'ennesima 'furbata' del governo che non risulta affatto conveniente per chi desidera lasciare prima la propria occupazione. Ci si aspetta che, dopo lo strano silenzio dell’ultima riunione, le forze sociali abbiano valutato le ultime condizioni presentate, e pongano nuove condizioni che possano rendere più vantaggioso il sistema.

Durante l’ultima riunione tra governo e forze sociali, è stato detto che il piano basato sulla mini pensione per i nati tra il 1952 e il 1953, vale a dire a coloro cui mancano al massimo tre anni al raggiungimento dei requisiti pensionistici di 66 anni e sette mesi, dovrebbe interessare sempre gli over 63, per cui gli anni degli interessati saliranno al 1954 prima e al 1955, dovrebbe prevedere l’erogazione di un anticipo sulla pensione finale che sarà dato dagli istituti di credito passando per l’Istituto di Previdenza, con penalità fino al 15% sulla pensione finale per la restituzione dell’anticipo ricevuto. Queste penalizzazioni potrebbero però ridursi con eventuali detrazioni fiscali, che però interesserebbero solo coloro che percepiscono redditi pensionistici più bassi, ma che sono ancora da definire.

La restituzione di quanto percepito dovrebbe avvenire attraverso un piano di ammortamento 20ennale con relativi interessi che, come detto, dovrebbero essere a carico dello Stato e quindi non dei lavoratori interessati. Ma questa questione pone un primo dubbio e preoccupa gli istituti di credito,perché se i tassi fossero troppo bassi, per loro non sarebbe conveniente, mentre se fossero alti allo Stato probabilmente non basterebbe la cifra stanziata attualmente di 500 milioni di euro che potrebbero salire al massimo a 700, 800 milioni. Altro nodo da sciogliere è quello dell’assicurazione, che dovrebbe rappresentare l’unica garanzia per l’erogazione del prestito, per cui la garanzia non sarà più rappresentata né dal Tfr né da altri beni posseduti dal lavoratore interessato all’uscita prima, ma il punto è che non si sa chi coprirà tale assicurazione e se toccasse ancora allo Stato farlo si porrebbe ancora il problema di una scarsa disponibilità di soldi.

Insieme alla riunione tra governo e forze sociali, l’attenzione domani sarà puntata anche sulla nuova riunione del Comitato ristretto per le pensioni e c’è da aspettarsi che l’opposizione interna, soprattutto alla luce degli ultimi risultati elettorali, faccia le sue richieste precise e puntuali al governo. Richieste che innanzitutto riguardano, come sappiamo, il desiderio di anticipare il Congresso del Pd e scegliere un nuovo segretario, considerando che alcuni esponenti dell’opposizione hanno chiesto proprio le dimissioni del premier da segretario del partito. Ma si attendono anche richieste di introduzione di novità pensioni ulteriori nella nuova Manovra nonché di misure a sostegno delle fasce più deboli della popolazione. Sia nel caso delle richieste delle forze sociali, sia nel caso delle richieste da parte dell’opposizione interna, è possibile che il governo più disposto a fare passi per andare incontro a queste novità, seppur piccoli, principalmente in vista del prossimo referendum d’autunno. E’ noto ormai che l’obiettivo del premier è vincerlo ma per farlo servono nuovi appoggi, vista la crisi che la maggioranza sta evidentemente attraverso, e andare incontro alle richieste di forze sociali ma soprattutto dell’opposizione interna, con cui da tempo vi sono tensioni, potrebbe permettere di ipotecare nuovi voti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il