BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie affermazioni e novitÓ quota 100, quota 41, mini pensioni Barbagallo, Poletti, Furlan, Damiano

A confronto con le forze sociali anche al di lÓ dell'ipotesi delle mini pensioni con penalizzazioni prospettate dall'esecutivo.




Proseguono le ampie e ripetute riflessioni a Palazzo Chigi sulle novità per le pensioni e continua il faccia a faccia con le forze sociali che va anche al di là dell'ipotesi delle mini pensioni con penalizzazioni messi in cantiere al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. I punti dell'attuale sistema da modificare, secondo le forze sociali, sono dodici, a partire dai lavori faticosi, i lavoratori che hanno iniziato in giovane età, le ricongiunzioni onerose e le carriere discontinue dei giovani. Di positivo c'è al momento si discute di tutto, anche se al momento senza cifre. E questo rappresenta il principale limite nella prospettiva della manovra di fine anno.

Nella Uil si respira evidentemente aria positiva se il numero uno Carmelo Barbagallo fa presente come non sia stato rotto il tavolo, "e questa è già una notizia". Parla di dialogo positivo il segretario Cisl, Annamaria Furlan. Dopo i prossimi due appuntamenti, il 28 sulle pensioni in essere, e il 30 sul lavoro, partiranno i tavoli tecnici. Secondo Susanna Camusso, segretario generale Cgil, l'aspetto positivo "è che non ci hanno detto: di questo argomento è vietato parlare". Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fatto invece luce su nuovi dettagli relativi alle mini pensioni con penalizzazioni.

Per ridurre la rata di ammortamento - l'importo va restituito in 20 anni e di fatto rappresenta una penalizzazione sull'assegno pensionistico - l'esecutivo sta studiando un meccanismo di detrazioni fiscali che, nei casi di chi accede alle mini pensioni - perché ha perso il lavoro, potrebbe compensare la stessa rata: "Stiamo lavorando su interventi fiscali che riducano il peso della rata, affinché i costi siano i più bassi possibili". Il presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati, Cesare Damiano, invita il Partito democratico a riappropriarsi di un'identità di sinistra con interventi più incisivi sul sociale, tra cui sulle novità per le pensioni e sul mercato dell'occupazione con cui sono strettamente legate.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il