BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quali novitÓ sindacati riunione, rabbia della gente e prossime novitÓ mini pensioni,quota 41,quota 100

Nuova riunione domani 28 giugno tra esecutivo e forze sociali: nuove richieste novitÓ pensioni e miglioramenti in attesa del Direttorio di venerdý prossimo




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:24): Questo nulla di fatto ancora una volta e alcune tematiche che sembrano molto distanti da qualsiasi tipo di convergenza come le novità per le pensioni per quota 41 e lavori usuranti e precoci, ma anche il semplice metodo delle mini pensioni così lontano da essere realmente fattibile e anche conveniente ha fatto scatenare reazioni di rabbia e delusione per chi attende la pensioe e con l'attuale norma si è visto privare magari anche solo di qualche mese la possibilità di andarci e di dover lavorare ancora per diversi anni in più. La delusione per queste mancate novità per le pensioni e le continue parole, come confermano le ultime notizie e ultimissime sono nei confronti sia della maggioranza ma anche dei sindacati che non si stanno dimostrando decisi così come pure l'opposizione interna.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:47): All'interno dei sindacati la situazione è piuttosto variegata anche dopo queta ultima riunione per le novità per le pensioni come confermano le ultime notizie e ultissime con alcuni che affermano che si continua a trattare che i temi sulle novità per le pensioni sono finalmente delineati e che ora si tratta di impegnarsi a trovare una convergenza, mentre altri sospendono il giudizio parlando di una fase dove si è fatto molto poco di concreto e altri ancora che sono negativi sottolineando che vi è un nuovo ascolto, ma sono molto dubbiosi che si vogliano risolvere i problemi con vere novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:36): Non c'è stata nessuna conferenza, ma solo un comunicato stampa ufficiale sulle novità per le pensioni del Ministero come confermano le ultime notizie e ultimissime di diverse agenzie come la Reuters. Si attende ancora quello dei sindacati. Nella riunione odierna si è parlato di:

- novità pensioni aumento valore con sblocco perequazioni
- novità pensioni con divisione pensioni e assistenza
- novità pensione con calo imposte in no tax area

Per le risorse sulle mini pensioni e cambiamenti, è stato detto che si vedrà all'interno delle disponibilità di bilancio più avanti a settembre. Nulla per quota 41, usuranti e precoci almeno ufficialmente.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:36): Non è detto che ci saranno delle novità per le pensioni ufficiali dopo la riunione odierna in quanto il definirla a porte chiuse come abbiamo detto potrebbe essere sia questa che le prossime. Quindi, nessuna conferenza stampa potrebbe esserci se le ultime notizie e ultimissime saranno confermate. Noi seguiremo ovviamente gli sviluppi e pubblicheremo eventualmente in assenza della o delle conferenze le novità per le pensioni ufficiose se ci fossero.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:22): Ancora dettagli sono arrivati per la riunione tra sindacati e Governo Renzi che vi sarà nel pomeriggio da una fonte molto importante come il Sole. Viene riportato che secondo indiscrezioni delle ultime notizie e ultimissime, la riunione avverrà a porte chiuse e tutte le prossime fino alla fine di agosto saranno come avevamo detto o tavoli tecnici o fatte senza riportare nulla pubblicamente come novità per le pensioni conseguite o in preparazione. Sembra sia stato richiesto dopo il referendum inglese. 
Sono indiscrezioni, ma da una fonte molto accreditata come, ripetiamo, il SOLE. Per quanto riguarda gli argomenti trattati sulle novità per le pensioni ci saranno oltre quelle detto:

- novità pensioni aumento con sblocco perequezioni
- novità pensioni con aumento per calo delle tasse ed aumento fascia dove non si pagano le tasse.

Questi argomenti come avevamo scritto anche sotto sembravano non dover essere trattati, ma invece ci saranno insieme agli altri detti (si spera)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Per quanto riguarda le mini pensioni, i sindacati hanno già detto che se questa sarà l'unica novità non potrà essere accettata e che dovrà, comunque, essere cambiata. In questo contesto rientra di far convergere l'idea dell'opposizione della maggioranza che la rivederebbe così:

- novità pensioni con uscita a 62 anni
- novità pensioni con penalità come quota 100 al massimo quindi dell'8%
- novità pensioni senza penalità per alcune fasce che vedremo dopo.

Non è chiaro al momento da tutte le ultime notizie e ultimissime se, comunque, vi potrebbe essere una convergenza in questo senso da parte di ambo le parti sia dei sindacati che dal Governo Renzi.


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Per quanto riguardo i temi che si devono affrontare nella riunione saranno maggiormente ristretti a pochi e più concreti per le novità per le pensioni anche se non dovrebbero mancare alcuni a carattere più generale come confermano le ultime notizie e ultimissime. Vediamo alcune:

- pensioni novità su funzionamento mini pensioni con maggiori dettagli e la ricerca di una semplificazione
- pensioni novità per quota 41 e chi ha fatto una occupazione pesante. Anche se le distanze qui rimangono distanti
- pensioni novità cumulo contributi e qui si potrebbe trovare più facilmente l'accordo

Per ognuno tranne che per il terzo le distanze sono piuttosto lontane e vedremo poi i punti di vista attuali per le novità per le pensioni e quali potrebbero essere i tentativi di convergenza

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:40): C'è sempre molta attesa per la riunione tra Governo e sindacati anche se le prime due hanno lasciato come confemano le ultime notizie e ultimissime numerose persone con l'amaro in bocca che si attendevano delle novità per le pensioni più concrete e, forse, più velocemente. Soprattutto nella seconda riunione è venuto fuori poco, mentre nella prima si sono stese lenzualate di argomenti sul verbale. Troppe novità per le pensioni e molte non fattibili. Si spera e si crede che questa sarà una riunione molto più ristretta sui temi e concreta. Si spera, sottolineando come ambo le parti dicono che il cammino sia ancora molto lungo.

Misure e aiuti sociali richiesti dall’opposizione interna; novità per le pensioni di quota 100, novità per le pensioni di quota 41, cancellazione delle ricongiunzioni onerose e modifiche del sistema basato sulla mini pensione, sia per quanto riguarda le penalità al 15% da abbassare al massimo fino all’8%, sia per quanto riguarda i tempi di anticipo di uscita da aumentare da tre a quattro anni richieste dal Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio; prossimo appuntamento del Direttorio del Pd rimandato a venerdì prossimo primo luglio, a causa dei risultati della Brexit: interessanti e decisamente importanti le ultime notizie che interesano impegni e possibili obiettivi dell’esecutivo che domani, martedì 28 giugno, torna ad incontrare le forze sociali. E nel corso della giornata seguiremo la riunione fornendo aggiornamenti in tempo reale dell’andamento della discussione che, certamente e come si sa, verterà su novità per le pensioni ma non solo sul meccanismo di uscita prima con la mini pensione, su cui ci si aspettano, però, sorprese.

Considerando, infatti, che nel corso della precedente riunione, di fronte a condizioni poste non proprio vantaggiose per i lavoratori, né dal punto di vista delle penalità imposte per l’uscita prima, né per quanto riguarda il piano 20ennale di restituzione dell’anticipo percepito, né per quanto riguarda la ristretta platea di beneficiare da coinvolgere a causa di una scarsa disponibilità di risorse economiche da impiegare, le forze sociali sono rimaste in un inaspettato silenzio, ci si attende che si siano prese il tempo necessario per vagliare quanto proposto dall’esecutivo e dare le adeguate risposte nel corso della riunione di domani.

Probabilmente anche le forze sociali presenteranno richieste di modifiche e cambiamenti del piano che l’esecutivo sta portando avanti ma è anche probabile che arrivino di nuovo sul tavolo le questioni dei lavoratori che hanno iniziato a lavorare sin da giovanissimi, di coloro che svolgono o hanno svolto un’attività particolarmente faticosa, e della cancellazione delle ricongiunzioni onerose, che secondo le forze sociali potrebbero essere riviste subito, perché non sarebbe un’operazione costosa per lo Stato, eppure si temporeggia.

Secondo le ultime notizie, tuttavia, i temi su cui dovrebbe vertere in particolare la riunione tra forze sociali ed esecutivo riguardano: cambiamenti della mini pensioni che così com’ è non risulterebbe poi così vantaggiosa; ricongiunzioni dei contributi gratuite; garanzia di definire, in prospettiva, pensioni adeguate in futuro ai giovani di oggi e massima tutela di quelle in essere; novità per le pensioni di quota 41 o quota 100. Ed è chiara la posizione delle forze sociali che, com’era già emerso tempo fa, sarebbero più propense a novità per le pensioni con un ritorno alle quote, che però non sembrerebbe nelle intenzioni dell’esecutivo a meno di inaspettate sorprese,  visto che l’esecutivo potrebbe prospettare soprattutto in vista della necessità di riconquistare elettori e fiducia con l’avvicinarsi del referendum costituzionale di ottobre, o di revisione del meccanismo di pensionamento legato alle aspettative dei vita, e almeno per quanto riguarda i giovanissimi lavoratori, vale a dire coloro che hanno iniziato a lavorare a 14, 15 anni e che dopo 40, 41 anni di versamento di contributi sono ancora costretti a lavorare, e per quanto riguarda chi è impiegato in una occupazione pesante, per cui risulta spesso impossibile raggiungere l’attuale soglia anagrafica di pensionamento.

Senza dimenticare poi, insieme alla possibilità di ricongiungere in maniera gratuita i periodi contributivi maturati in gestioni diverse, sostegno allo sviluppo della previdenza complementare; aumento delle pensioni più basse e proroga del contributivo femminile con possibilità di estensione di questo meccanismo per l’uscita prima anche al mondo maschile una volta verificata la disponibilità finanziaria. 

Chiarite le eventuali proposte di intervento sull’attuale legge pensioni, sia nel breve che nel lungo periodo, è possibile che dopo la riunione di domani 28 giugno, si possa dare il via a tavoli tecnici per la definizione di soluzioni per quanto possibile definitive e condivise proprio in base a numeri ben definiti.

Per quanto riguarda il Direttorio, o per meglio dire, la Direzione accanto a cambiamenti di programma e organizzativi (segretari, segreteria e non ) tutti importanti per le novità per le pensioni, vi dovrebbero essere delle richieste concrete per cambiare le mini pensioni così concepite con uscita a 3 anni prima del previsto, quindi a 62 anni e penalità alll'8% invece del 15% (penalità che dorvebbe seguire los chermo di quota 100, quindi massimo 8%).
Una risistemazione delle mini pensioni viene chiesta e sarà richiesta dai sindacati anche per chi ha iniziato a lavorare presto o ha fatto occupazione faticose anche se in primis si cercherà di portare avanti il discorso delle quote al di là dell'età. Se dovesse cadere questo discorso di quota 100 e quota 41, si potrebbe cerrcare una convergenza, secondo alcune ultime notizie, sulle mini pensioni senza penalità per queste persone con una strutura tutto a sè

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il