BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quali novità Ddl Concorrenza Governo Renzi e Fondo Indigenza per novità mini pensioni, quota 100, quota 41

La portata effettiva delle novità per le pensioni dipenderà dalle risorse che Palazzo Chigi potrà effettivamente mettere a disposizione.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:07) La concetrazione massima ovviamente è su quali novità per le pensioni possono esserci nelle nuove norme di cui tanto si parla nelle ultime notizie e ultimissime, ma in realtà alcune novità per le pensioni sono contenuti anche in due testi che dovrebbero arrivare alla Camera entro il mese. E' chiaro che ormai è praticamente impossibile, ma ce ne si sta occupando per cercare di velocizzarne l'apporodo. Cosa contengono per le novità per le pensioni? Iniziano dal Ddl Concorrenza che ne contine di meno:

- novità pensioni con sistemi per le aziende che vogliono assumere giovani per aumento produttività, ma questa sembra al momento accantonata anche se iter è lungo
- novità pensioni per Fondi per permettere a chi ne aderisce di uscire prima

Ma le novità per le pensioni più interessanti positive e negative arriveranno dal Fondo Indigenza.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Sono le ultime e ultimissime notizie a spostare l'attenzione dalle mini pensioni allo studio a Palazzo Chigi ai lavori parlamentari. Nel dettaglio, come abbiamo visto, i fari sono puntati sul ddl Concorrenza in cui sono contenute misure sulla previdenza complementare, e nella scrittura delle regole sul fondo per il contrasto all'indigenza. I tempi, però, sembrano come al solito molto stretti.

Ci sono altri due binari paralleli su cui stanno viaggiando le novità per le pensioni, al di là della proposta dell'esecutivo delle mini pensioni con penalizzazioni e interessi da pagare a banche e assicurazioni. In prima battuta c'è la scrittura delle norme per il contrasto all'indigenza. Alla base di questo rinnovato impegno ci sono i pochi interventi negli ultimi decenni nell'area delle politiche socioassistenziali in ambito pensionistico, sanitario e da nell'area delle politiche attive del lavoro e degli ammortizzatori sociali.

Nel dettaglio, l'Italia è uno dei pochi paesi europei a non essere dotato di una misura di contrasto della povertà, magari legato a un progetto complessivo sulle novità per le pensioni. Sono in vigore strumenti di protezione del reddito di specifiche fasce di cittadini in difficoltà, come l'assegno sociale per gli anziani, la pensione di inabilità per gli invalidi civili, così come alcuni sostegni di portata limitata per le famiglie, tra cui alcuni l'assegno per le famiglie con almeno tre figli minori, la social card per i bambini con meno di tre anni, il cosiddetto bonus bebè raddoppiato per le famiglie con redditi bassi, ma manca una misura organica che copra le necessità delle famiglie in condizioni economiche di bisogno.

In questo contesto si inserisce il dibattito sull'introduzione dell'assegno universale, da sempre fermo al palo anche per assenza di coperture economiche. Da qui la proposta del ministro dell'Economia di finanziarlo con fondi europei. Ecco poi che prosegue a rilento l'approvazione del ddl Concorrenza che contiene anche misure sulle novità per le pensioni. In ballo ci sono in particolare i fondi pensione per via della previsione del conferimento di una quota di Tfr per i contratti o per gli accordi collettivi. L'idea è di destinare anche una percentuale minima (e non tutto o niente) alla previdenza complementare. Il punto sono i tempi lunghi che rende incerta ogni prospettiva.

In ogni caso in vista della manovra di fine anno, non ci saranno solo le mini pensioni con penalizzazione alla voce previdenza. Almeno questo è quanto sembra emergere dalle ultime notizie. In pista ci sono anche la rivalutazione degli assegni e la definitiva chiarezza e separazione tra spesa per assistenza e spesa per previdenza. La portata effettiva delle novità dipenderà dalle risorse che Palazzo Chigi potrà effettivamente mettere a disposizione. In particolare, il tema della rivalutazione delle pensioni è in cima all'agenda delle forze sociali, in questi giorni in confronto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, anche in tempi di crescita quasi nulla dei prezzi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il