BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quali novitÓ attese per Direzione rimandata per novitÓ mini pensioni, quota 41, quota 100

Fissata la nuova data della direzione del Partito democratico. L'opposizione interna continua a chiedere novitÓ per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:33): Cesce l'attesa per la Direzione dove si confronteranno maggioranza e opposizione del Partito Democratico e dove si discuerà di organizzazione e struttura che potrebbero portare delle novità per le pensioni, ma anche se si parlerà di temi (eventuali) sicuramente sulle novità per le pensioni in quanto come confermano le ultime notizie e ultimissime non vi è solo l'opposizione e chi di esse ne fa parte che si occupa delle pensioni "tradizionalmente" ma anche la restante parte e finalmente una parte della maggioranza (ultime notizie davvero che vedremo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:12): Nella piattaforma programmatica dell'opposizione interna del Partito democratico, le novità per le pensioni sono centrali e anche le ultime e ultimissime notizie riferiscono che accanto alle mini pensioni governative continuano a essere invocati quota 100, come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, per chi svolge attività faticose o quota 41, quale solo anni di contribuzione, per chi ha iniziato a lavorare da giovane.

Appuntamento a lunedì per la direzione del Partito democratico, rimandata per via delle tensioni europee che hanno portato alla Brexit. E si tratta di una riunione da seguire perché l'opposizione interna è pronta a una vera e propria resa dei conti in vista del congresso. L'obiettivo è la conquista della segreteria per dettare una lista di priorità che metta la previdenza ai primi posti. Più nello specifico chiedono la riapertura del fascicolo delle novità per le pensioni e il superamento e il miglioramento della soluzione delle mini pensioni con penalizzazioni, in un'ottica di rilancio del lavoro giovanile. Quanto fatto finora viene ritenuto insufficiente.

Il presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati, ad esempio, invita il Partito democratico a riappropriarsi di un'identità di sinistra con interventi più incisivi sul sociale, sul mercato dell'occupazione e sulle pensioni, anche riprendendo ipotesi finora messe in un angolo, come quota 100 (somma di età anagrafica e anni di contribuzione) per chi svolge attività faticose o quota 41 (solo anni di contribuzione) per chi ha iniziato a lavorare da giovane, finora messe da parte per ragioni economiche. In pista ci sono anche le rivalutazioni, rispetto a cui Palazzo Chigi è disponibile ad affrontare in tempi rapidi la revisione del dispositivo-Letta.

In che modo? Con cinque fasce e la copertura solo fino al 50% delle pensioni tra 5 e 6 volte il minimo, che cesserà di funzionare alla fine del 2017. Con conseguente ritorno, in assenza di nuovi interventi, alla perequazione su tre fasce prevista dalla legge 338 del 2000. Tra le ipotesi di lavoro c'è anche l'ampliamento della no tax area per i pensionati. Attualmente l'esenzione fiscale riguarda i percettori di redditi fino a 8.000 euro che abbiano un'età dai 75 anni in poi. Almeno in prospettiva si ragiona anche sull'estensione delle detrazioni e il bonus da 80 euro. L'opposizione interna al Partito democratico valuta positivamente l'avvio del dialogo con le forze sociali.

Palazzo Chigi è convinto dell'opportunità di introdurre le mini pensioni con penalizzazioni anche per i lavoratori pubblici e per quelli autonomi, oltre che per quelli privati rispetto a cui manca la configurazione definitiva. Sono infatti ancora tante le incognite legate a questo provvedimento, dalla ristretta platea dei beneficiari alle stesse penalità applicate ai lavoratori che decidono di uscire prima, dal pagamento degli interessi a banche e assicurazioni che metteranno a disposizione l'importo necessario per permettere il congedo un po' prima rispetto a quanto previsto dall'attuale contestata legge previdenziale.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il