BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 resoconto Matteo Risponde mercoledì ieri cosa ha detto

Nessun riferimento a novità pensioni di uscita prima, ancora non favorevole all’assegno universale e posizioni su pensioni d’oro agli alti esponenti istituzionali: ultime novità da premier Renzi




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:36): In modo inaspettato, non previsto fino al'ultimo, Renzi ha di nuovo parlato direttamente sui social network. E non sono mancati accenni importanti sulle novità per le pensioni anche s enon si è parlato di mini pensioni e quota 41 ma come riportano le ultime notizie di:

- novità pensioni con taglio pensioni più alte ad esponenti delle varie forze parlamentari e regionali
- novità pensioni legate a decisione Consulta e tribunali che talvolta costringono a determinate scelte
- novità pensioni con la bocciatura dell'assegno universale così come concepito dagli M5S e il rilancio su tale contesto con metodi alternativi però a dire il vero non specificati.

Un nuovo appuntamento social con #Matteorisponde si è tenuto nella serata di ieri, mercoledì 29 giugno, giovedì  in un momento decisamente concitato per il nostro Paese e l’Europa intera, sia da un punto di vista politico interno e generale, sia da un punto di vista sociale ed economico. Attenzione puntata su taglio delle pensioni piùelevate degli alti esponenti istituzionali: il premier a chi gli chiede di cancellare subito i vitalizi, risponde che innanzitutto bisogna ridurre il numero dei politici, cosa che lo stesso premier sottolinea sarà possibile se passerà il referendum costituzionale di ottobre (per cui ha chiaramente detto che nulla cambierà sull’Italicum come al momento previsto), il che significherebbe già riduzione di indennità da corrispondere e maggiori risorse da accumulare.

In riferimento poi alle pensioni più alte in particolare, Renzi ha sottolineato che la nuova generazione non le percepisce già più, e che lui stesso non percepisce vitalizio. Per quanto riguarda il passato, bisogna fare i conti con i diritti acquisiti e i giudizi di illegittimità della Corte Costituzionale. Altro argomento toccato quello sulle misure contro l'indigenza e l'assegno universale per gli over 50 rimasti senza lavoro: il premier continua a ritenere che l'introduzione dell'assegno universale per chi è rimasto senza lavoro in età avanzata non sia la soluzione e continua a rilanciare su misure volte a creare nuova occupazione, pur consapevole del fatto che non è certo facile.

Nessun riferimento, invece, durante l’appuntamento domande e risposte con i cittadini alle novità per le pensioni di uscita, né in riferimento al sistema sulla mini pensione che lo stesso esecutivo sta portando avanti ma che non convince i più, anche se durante un passaggio Renzi sottolinea di non aver aiutato le banche, forse anche in riferimento a quanti sostengono da tempo che questo piano di novità pensioni sia più a favore degli istituti di credito che dei lavoratori che necessitano di anticipare l’uscita dal lavoro, né comunque vi sono stati riferimenti alcuni a novità pensioni di quota 100 o novità pensioni di quota 41.

Eppure sarebbe stata l’occasione di fare alcune precisazioni, soprattutto dopo le ultime notizie all’indomani della riunione di qualche giorno fa con le forze sociali. Novità pensioni di quota 100 e novità pensioni di quota 41, che sono particolarmente richieste da opposizione interna e Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio, sarebbero la soluzione ideale per gran parte dei lavoratori che aspettano di andare in pensione ormai da tanto, bloccati a lavoro dall’allungamento dell’età pensionabile stabilito dall’attuale legge pensioni. Eppure si continua a tacere in merito, o meglio, l’esecutivo sembra aver dimostrato di non poter considerare al momento queste novità per modificare la legge pensioni in vigore perché troppo costose, ma probabilmente ancora una volta il nulla di fatto concreto sulle pensioni dipende dalla volontà dell’esecutivo ancora non troppo forte da intervenire sulle norme attuali che nonostante la rigidità assicurano sostenibilità finanziaria.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il