BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie richieste novità ufficiali e direzione odierna prima volta maggioranza per novità quota 41, mini pensioni

C'è anche l'ala maggioritaria dela maggioranza intenzionata a recitare una parte da protagonista sul versante delle novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:03: È da sottolineare che nelle tue notizie e ultimissime il Premier non sembra menzionato a fare sconti su nulla come sistema di voto o segreteria e,dunque, si spera che qualche concessione su temi comunque fondamentali anche per il suo stesso consenso li conceda in cambio. Comunque, il confronto odierno risulterà ancore più interessante per le novità sulle pensioni dopo le aperture di una parte dei fedeli del premier è la solita pressione della opposizione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:48): Nella giornata odierna si capirà con il confronto tra maggioranza e opposizione cosa potrebbe accadere per le novità per le pensioni come abbiamo spiegato nelle ultime notizie e ultimissime sia che ci si confronti su temi che struttura. Si dovrebbe iniziare salvo imprevisti alle ore 15.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:07): Che cosa chiederebbe, dunque, per le novità per le pensioni questa parte della mggioranza? Prima di tutto si sottolinea dopo le riunioni avute che le novità per le pensioni e sono parole ufficiali riprese nelle ultime notizie e ultimissime sono tra le più importanti attese dai cittadini italiani e sono queste uno dei veri motivi che hanno fatto alle amministrative. Troppe parole, troppe promesse e nulla di vero e importante fatto. Alle persone, si sottolinea, non importa così tanto il metodo di elezioni o altri temi politicesi ma vogliono vedere risposte concrete ai propri bisogni. Necessità quelle delle novità per le pensioni che si ricollegano anche ai tnti non occupati che ci sono nelle medesime famiglie e che l'attuale sistema di pensioni blocca. Poi vedremo quale sistema viene preferito tra le novità delle pensioni mini, quota 100 e quota 41.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:37): Per la prima volta la maggioranza affronta in modo chiaro e netto almeno in una sua parte le novità per le pensioni andando oltre i singoli esponenti che, comunque, almeno alcuni avevano iniziato a prendere posizioni. Ma stavolta non si parla di sociale, ma di vere e propria novità per le pensioni indicate dai fedelissimi più importante, sempre a detta loro e confermato dalle ultime notizie e ultimissime, dei tant temi e argomenti che si vorrebebro are come prioritari ma che ai cittadini non interessano così tanto come le pensioni che tra chi è senza occupazione, chi ne riceve di misere e chi non lo riceve proprio è un argomento che si ripercuote su intere famiglie e quindi su circa 25 milioni di italiani se non di più.

Si accende il confronto sulle novità per le pensioni in vista del direttorio di lunedì della maggioranza. E stando alle ultime notizie, a chiedere un cambio di passo non è la solita opposizione interna, da sempre su posizioni critiche e radicali sulle politiche perseguite dall'esecutivo. Ma è anche una parte della stessa ala maggioritaria a sollevare perplessità. Le stesse mini pensioni con penalizzazioni e interessi da pagare a banche e assicurazioni sono considerate tecnicamente fattibili ma politicamente non appropriate. Meglio prendere un'altra strada per migliorare, è il suggerimento, e saranno più precisi sulla direzione da imboccare proprio in sede di riunione. Proprio in queste ore è in fase di preparazione un documento dettagliato su cui discutere.

A ben vedere che la situazione non sia del tutto sereno è noto da tempo, già dal giorno dopo il ballottaggio nelle città di Roma e Torino che ha visto i candidati del Partito democratico soccombere dinanzi a quelli del Movimento 5 Stelle. Il ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, aveva puntato l'indice contro Matteo Orfini, responsabile del partito nella Capitale, facendo leva sulle posizioni critiche dell'ex premier Romano Prodi. I ministri Andrea Orlando (Giustizia) e Maurizio Martina (Politiche Agricolo) non hanno nascosto la loro autonomia di pensiero, così come Dario Franceschini (Beni Culturali), che viene dato piuttosto vigile nel cercare strade alternative a quelle indicate dal premier stesso.

Lo stesso Martina, uno dei Ministri più apprezzati secondo le rilevazioni, ha parlato più volte dell'urgenza delle novità sulle pensioni nelle ultime notizie e ultimissime affermando che una delle strade è approfondire quota 100 e quota 41 sia dell'opposizione inetrna che dell'Istituto di Previdenza. 

Ed è proprio un altro Ministro, Orlando con Orfini che con la propria corrente fedelissima al premier che ha dato una svolta sulle novità per le pensioni parlando proprio di pensioni e non genericamente di sociale spiegando che in Direzione chiederanno questo e non la revisione della struttura, della segreteria o di come andare a votare. E' un passo molto importante, il primo mai fatto all'interno della maggioranza così chiaro e netto andando oltre comed etto all'opposizione interna. E la strategia è qulla di riprendere quota 100 e quota 41 o un sistema di mini pensioni completamente rivisto, ma comunque un metodo realmente praticabile e condivisibile.

Insomma si tratta di un scenario in evoluzione e tutto da definire. A sorprendere è la concretezza, in riferimento alle novità per le pensioni, con cui questa parte del Partito democratico sta mostrando le unghie. L'opposizione interna si era limitata a sostenere l'indispensabilità dell'introduzione di veri cambiamenti che andassero al di là di quanto immaginato da Palazzo Chigi, ovvero interventi su assistenza, politiche sul welfare, aiuti agli indigenti nell'alveo di un comportamento da forza politica di sinistra. Ma non ha mai elaborato una vera e propria piattaforma di proposte alternativa, sebbene Roberto Speranza abbia valutato positivamente l'avvio del confronto con le forze sociali.

Se quota 100 e quota 41 sono due ipotesi che potrebbero riprendere quota, ma comunque difficili, il gruppo delle novità per le pensioni a Montecitorio, esponente dell'opposizione interna al Partito democratico, ma sempre in una posizione di lealtà nei confronti dell'esecutivo, è pronto a rilanciare il suo progetto sulle novità per le pensioni che prevede la possibilità di andare in pensione tra i 62 e i 70 anni, con almeno 35 anni di contributi, con penalizzazione nell'età compresa tra i 62 e i 65 anni, e un incentivo tra i 67 e i 70 anni,

Più esattamente le lavoratrici e i lavoratori che hanno maturato un'anzianità contributiva di almeno 35 anni, potranno accedere al pensionamento flessibile al compimento del requisito minimo di 62 anni di età fino al requisito massimo di 70 anni di età, purché l'importo dell'assegno sia almeno pari a 1,5 volte l'importo dell'assegno sociale.

C'è da registrare, però, anche in questo ambito un passo indietro se non si riuscisse a trovare l'appoggio da dubito per quota 100 o quota 41, ovvero il Presidente del Comitato sarebbe disposto a rivedere le proprie novità per le pensioni avvicinandosi alle mini pensioni chiedendo, però, una serie di penalità simile a quota 100 (massimo 8%), alcune a zero per determinate categorier (quota 100) e un anno prima per lasciare l'occupazione, quindi 62 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il