BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 41 Direzione Pd, Vertice Ue, riunioni forza sociali, referendum prospettive

Cosa aspettarsi da Direzione Pd, Vertice Ue, riunioni forza sociali e in vista del referendum, possibili effetti su novità pensioni e prospettive




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:12): Vi sono numerose attese significative per le novità per le pensioni come confermano le ultime notizie e ultimissime alcune già avvenute, altre che proseguiranno e altre ancora che dovranno proprio avvenire da zero. In sintesi, si può dire che:

- novità pensioni che si sono riscontrate da Vertice Ue, per la maggior parte negative, anche se c'è qualche nuovo spiraglio seppur minimo.
- novità pensioni da Direzione Pd
- novità pensioni da referendum sia con vittoria sia senza e con diveri piani alternativi che vedremo
- novità pensioni da terza riunione delle forze socialie (nulle o quasi) e dalle prossime che non saranno, però, più ufficializzate finmo ad un risultato ufficiale positivo o negativo che sia.


Dopo le ultime riunioni tra esecutivo e forze sociali, principalmente incentrate sul nuovo sistema di mini pensione proposto dall’esecutivo per i nati tra il 1951 e il 1953, che prevederebbe penalizzazioni al 15%, che si ridurrebbero nei casi di coloro che percepiscono redditi pensionistici minori grazie all’applicazione di detrazioni fiscali, erogazione dell’anticipo sulla pensione finale da parte dell’Istituto di Previdenza ma tramite gli istituti di credito e piano di restituzione 20ennale di quanto percepito in anticipo, si terranno nei prossimi giorni ulteriori riunioni che, stando alle ultime notizie, si svolgeranno a porte chiuse per cui sarà difficile sapere qualcosa nell’immediato e bisognerà attendere eventuali dichiarazioni ufficiali. L’unica certezza che al momento abbiamo è che le discussioni si concentreranno non soltanto sulle modifiche richieste dalle stesse forze sociali all’esecutivo in merito alla mini pensione, e che riguardano una riduzione delle penalità previste e un aumento degli anni per andare in pensione prima, ma anche su novità per il lavoro.

Probabilmente ancora nulla si dirà sulle richieste di novità pensioni di quota 100 e novità pensioni di quota 41. E probabilmente l’esecutivo manterrà al momento le sue chiusure su queste ulteriori novità per le pensioni, con la solita motivazione di una scarsa disponibilità di risorse economiche. Questa chiusura potrebbe essere confermata dopo il tentativo fallito da parte del premier di ottenere via libera a nuovi fondi da parte della Comunità, che sperava invece di convincere nel corso dell’ultimo vertice Ue e soprattutto dopo gli esiti del voto inglese che avevano fatto pensare che la Comunità stessa potesse aprire  nuovi ‘ammorbidimenti’ delle sue politichesi austerità. Ma la Germania sembra aver bloccato ogni possibilità in tal senso e a questo punto non resta che attendere il prossimo mese di settembre, quando saranno avviate le vere e proprie discussioni sulle misure da inserire nella nova Manovra che per ottobre dovrà essere presentata a Bruxelles.

Solo dopo l’estate si cercheranno nuove soluzioni per riuscire a recuperare ulteriori soldi ed eventualmente rilanciare sulle novità per le pensioni, che continuano ad essere piuttosto urgenti anche in vista di un rilancio occupazionale e della necessità di recuperare nuovi consensi in vista del prossimo referendum costituzionale che è stato fissato per il mese di ottobre. Intanto, importanti indicazioni in tal senso potrebbero venire fuori dalla nuova riunione della Direzione del Pd che è stata convocata per lunedì 4 luglio. Al centro della riunione dovrebbero esserci i temi di novità pensioni e misure sociali oltre che, chiaramente, una nuova organizzazione della segreteria.

In tanti, soprattutto dell’opposizione interna hanno infatti chiesto che il premier lasci la sua carica di segretario del partito in modo da indicare una nuova figura che si occupi esclusivamente della gestione del partito, soprattutto all’indomani dei fallimenti delle ultime comunali e vista la situazione interna della stessa maggioranza ormai da tempo in perenne conflitto con l’opposizione interna. Sono stati diversi gli attacchi che in questi ultimi giorni sono arrivati da parte di alcuni esponenti dell’opposizione nei confronti del premier, dall’ex premier D’Alema all’ex segretario Bersani, e le richieste per tornare a lavorare in maniera compatta e serenamente riguardano appunto la decisione del premier di lasciare la carica di segretario ma anche la necessità di maggiore concentrazione nella definizione di misure sociali, compresa l’introduzione dell’assegno universale, volte innanzitutto ad eliminare quelle diseguaglianze createsi anche a causa dell’attuale legge pensioni che costringendo i lavoratori già impiegati a rimanere più a lungo a lavoro hanno letteralmente bloccato l’ingresso nel mondo del lavoro per i più giovani.

Si tratterebbe di provvedimenti che porterebbero l’esecutivo a riconquistare la fiducia degli italiani anche in vista del referendum d’autunno, il cui esito potrebbe aprire diversi scenari. Se, però, fino a qualche tempo fa per riconquistare consensi dei cittadini e appoggi delle diverse forze politiche, il premier puntava sul piano di riduzione delle imposte e novità per le pensioni, alla luce delle ultime notizie è possibile, invece, che ora scatti una sorta di piano B che mettendo da parte taglio dei tributi e modifiche pensionistiche, riguardi invece quelle modifiche all’Italicum,tanto richieste sia dall’opposizione che dalla coalizione,che farebbero piacere a questi ultimi due schieramenti ed eviterebbero che il M5S possa continuare la sua scalata verso il successo. Parecchie, dunque, e diverse le prospettive che potrebbero delinearsi nei prossimi giorni tanto sull’andamento del mondo politico tanto sulla definizione di provvedimenti per i cittadini E cresce l’attesa per capire quali saranno le realtà che verranno messe in atto.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il