BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa terzo ciclo 2016: novità della settimana

Oltre ai quesiti disciplinari, le prove d'esame del Tfa includeranno domande per la verifica delle competenze linguistiche e la comprensione dei testi.




Stando alle notizie trapelate in settimana sembra che proprio questo il mese della pubblicazione del bando con tutte le indicazioni ufficiali relative al Tfa 2016. Anche per via del concorso per docenti e dei suoi intrecci con il Tfa ovvero con i non abilitati che hanno chiesto e ottenuto la partecipazione con riserva, il Ministero dell'Istruzione ha preso tempo, ma i giochi sembra ormai pronti. Per l'accesso occorre sostenere e superare un test preliminare che consiste nella risoluzione di una serie di domande a risposta chiusa con quattro opzioni di cui una sola corretta. Oltre ai quesiti disciplinari, le prove d'esame includono domande volte a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi.

Norme alla mano, le prove d'esame mirano a verificare le conoscenze disciplinari relative alle materie oggetto di insegnamento della specifica classe di abilitazione. All'interno del Tirocinio formativo attivo 2016, la prova scritta, predisposta delle università, è strutturata in domande a risposta aperta relative alle discipline oggetto di insegnamento delle relative classi di concorso. Nel caso di classi di concorso per l'insegnamento delle lingue classiche sono previste prove di traduzione. Nel caso di classi di concorso per l'insegnamento dell'italiano è prevista una prova di analisi dei testi.

Anche la prova orale è predisposta dalle singole università in autonomia decisionale ed è organizzata tenendo conto delle specificità delle varie classi di laurea. Nel caso di classi di abilitazione per l'insegnamento delle lingue moderne è previsto che la prova si svolga in lingua straniera. Nel caso di classi di abilitazione affidate al settore dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica può essere sostituita da una prova pratica. A ogni modo, i posti disponibili saranno 16.436, di cui 11.328 comuni ovvero 8.058 per le superiori e 3.270 per le medie, e 5.108 sul sostegno ovvero 392 per la scuola dell'infanzia, 1.749 per la primaria, 1.932 per le medie, 1.035 per le superiori.

Al Tfa 2016 potrebbero in ogni caso essere chiamati a partecipare dal Ministero dell'Istruzione coloro in possesso di una laurea del vecchio ordinamento e degli eventuali esami richiesti per poter avere accesso all'insegnamento, di una laurea del nuovo ordinamento specialistica o magistrale e degli eventuali crediti formativi per poter avere accesso all'insegnamento, del diploma Isef, già valido per l'accesso all'insegnamento di educazione fisica, per i Tfa di Scienze Motorie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il