BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Banche a rischio e più sicure e solide 2016. A rischio tra le banche non c'è solo MPS. Aggiornata lista 2016

Al centro del confronto con Bruxelles c'è il meccanismo già adottato per autorizzare gli aiuti pubblici alle banche greche.




Ci sono sempre le banche, quelle più a rischio e quelle più solide anche al di à della questione del Monte dei Paschi di Siena, al centro dell'attenzione, con sviluppi tutti da definire. Il soccorso agli istituti di credito in difficoltà per un elevato ammontare di crediti in sofferenza può prendere forme diverse, in particolare può prevalere la soluzione della bad bank, in cui lo Stato acquista i crediti incagliati a un prezzo superiore a quello di mercato, oppure la soluzione di una ricapitalizzazione degli istituti di credito in difficoltà. Le due opzioni non sono neutre per lo Stato e per i contribuenti perché la prima favorisce i vecchi azionisti e la seconda permette di distribuire meglio i sacrifici.

Da parte sua, Palazzo Chigi respinge le ipotesi avanzate dal Financial Times di un intervento unilaterale dell'esecutivo per la ricapitalizzazione delle banche che dovessero trovarsi in difficoltà. Le ipotesi allo studio sono in prima battuta garanzie pubbliche sulle nuove emissioni di debito con scadenza fino a 5 anni, a fronte della presentazione di un piano di ristrutturazione. Quindi potrebbero essere attivate garanzie anche sui collaterali da offrire alle aste della Banca centrale europea, e non si esclude un intervento diretto nel capitale delle banche. Infine il rafforzamento del fondo Atlante per lanciarlo all'acquisto delle sofferenze.

Da Bruxelles confermano che i colloqui con Roma sono ancora in corso e che ci sono possibili soluzioni "in linea con le regole europee per affrontare carenze di capitale". Al centro del confronto c'è il meccanismo già adottato per autorizzare gli aiuti pubblici alle banche greche. Invece ella cancellazione, ai portatori di obbligazioni subordinate è stata proposta la trasformazione dei titoli in azioni. L'offerta lanciata dalla Commissione europea per rafforzare Monte dei Paschi di Siena ricalca dunque quanto fatto l'anno scorso per le banche greche.

L'obiettivo è trovare una clausola delle norme che permetta alle autorità di versare capitale nella banca senza far scattare le norme europee che impongono di colpire i depositanti e certi obbligazionisti in caso di aiuto di Stato. L'articolo 32 della direttiva sulle banche in vigore da gennaio permette una ricapitalizzazione pubblica preliminare senza staccare la spina a una società quando un istituto di credito fallisce uno stress test - una prova da sforzo in un ipotetico scenario di crisi - dell'Eba, Autorità bancaria europea. Secondo un recente studio dell'Università Bocconi di Milano, le banche più sicure sono adesso Widiba, Banca Farmafactoring, Fineco, Mediolanum, Unipol Banca, Fideuram, Banca Ifis, Banca Generali, Banca Sistema, Chebanca!, Youbanking, Webank, Iwbank, Websella, Ing Bank, Hello Bank, Ibl.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il