BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su nini pensioni, quota 41, quota 100 da Lenza, Matterella, Fassino

Ultime posizioni e affermazioni Lenza, Fassino, Mattarella su novità per le pensioni e conseguenze andamento politico: cosa dovrebbe cambiare




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:36): Interessante è la posizione di alcuni studiosi ed esperti economici  internazionali di cui fa parte anche il Lenza che spiegano in una uni studi nelle ultime notizie e ultimissime come ci deve essere assolutamente meno austerità e un attenzione massima al sociale per il rilancio economico che passa dal l'occupazione ma anche a nuove forme per le novità per le pensioni soprattutto dove sono già molto rigide come da noi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:33): Nonostante qualche strano colpetto che potrebe arrivare per cercare di arrivare al voto prima possibile, Matterella sembra escludere questa possibilità e anche in caso di sconfitta del referendum cercherebbe di tenere la maggioranza attuale con un cambio di premier per arriovare alla fine del quinquennio e poi al voto con l'attuale capo della maggioranza che rimarebbe a capo della sua forza per poi ritornare in campo al voto. Questo è lo scenario raccontato nelle ultime notizie e ultimissime, dove le novità per le pensioni per chi spera di poterle ottenere con nuove elezioni non sono così alla portata di mano come sembrerebbero (anche se probailmente più facili in modo radicale e profondo che in altri modi). ma sono Fassino e Lenza che possono dare qualche speranza in più come vedremo per le novità per le pensioni seppur per motivi differenti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Si lavora sul doppio versante europeo e italiano per cercare di introdurre nel sistema previdenziale italiano novità per le pensioni che siamo il più credibile possibile. Ma come ricordato dalle ultime e ultimissime notizie, sotto il primo punto di vista c'è da fare con i conti con le rigidità delle istituzioni comunitarie; sotto il secondo con le turbolenze all'interno della maggioranza.

Il dibattito pensionistico continua a coinvolgere non solo esponenti del mondo politico italiano ma anche esperti e ricercatori che stanno riflettendo sul clima economico attuale, non solo dell’Italia, ma anche europeo.

Stando alle ultime notizie, infatti, Michele Lenza, ricercatore della Bce, ha sottolineato che l'economia sta crescendo troppo lentamente e questo dimostra che sono necessarie le riforme strutturali che la rilancino. Per Lanza, l'economia europea ha subito una forte frenata che non  solo ne attesta la riduzione ma un possibile crollo a picco ed è necessario rilanciarla con politiche dirette a rilanciare la domanda aggregata. La richiesta dei ricercatori è che l’Europa allenti le maglie delle sue politiche d’austerità dando ai Paesi maggiori margini di intervento. E meno rigidità significherebbe meno vincoli anche per le novità per le pensioni e conseguente aumento di redditività e produttività spinta dal rilancio occupazionale. E’ noto, infatti, come spiegato più volte, che approvando nel nostro Paese novità per le pensioni come quota 100, quota 41, o mini pensione, ma diversamente da quella che sta portando avanti attualmente l’esecutivo, consentendo ai lavoratori più anziani di andare in pensione prima lascerebbe posti di lavoro libero per le assunzioni dei più giovani, spingendo contemporaneamente nuova produttività ed economia in generale.

All’indomani della sconfitta alle ultime comunali, che hanno decretato Chiara Appendino del M5S nuovo sindaco di Torino, Piero Fassino punta alla vicesegreteria del partito. E il leader della maggioranza potrebbe appoggiare la sua intenzione, soprattutto per l’esperienza che ha maturato nel corso della sua vita. C’è anche già chi appoggia Fassino in maniera forte, a partire dal presidente del Comitato ristretto per le pensioni, per arrivare a gran parte dell’opposizione interna, al ministro della Cultura, a quello dell’Agricoltura. La posizione di Fassino, sostenuto soprattutto dal ministro dell’Agricoltura, potrebbe avere particolare impatto sulle novità per le pensioni, rilanciate dallo stesso ministro dell’Agricoltura da sempre favorevole a sistemi di uscita prima, e misure sociali.

Fassino è, infatti, tra coloro che sono particolarmente impegnati, al momento a parole, per la realizzazione di misure sociali e per combattere l’indigenza, a partire da sostegni per chi si ritrova a vivere in grosse difficoltà, per arrivare ad una migliore gestione della questione immigrazione che, a suo dire, rischia di travolgere l’Italia se non si troveranno situazioni ottimali per tutti, migranti e italiani. Le nuove aspirazioni di Fassino potrebbero essere condizionate dall'andamento politico degli ultimi tempi e dall'esito delle votazioni di domani sul ddl sulla riforma di bilancio degli enti locali, per cui serve la maggioranza assoluta.

Nell'ultimo incontro con il presidente della Repubblica, il segretario della maggioranza attuale lo ha rassicurato spiegando che tutto dovrebbe avvenire senza sorprese ma che se queste ci fosse allora bisognerebbe anticipare le elezioni, stesso discorso varrebbe in caso di sconfitta al referendum costituzionale di ottobre, ma il presidente Mattarella difficilmente permetterebbe di andare alle elezioni prima, optand, invece, per la costituzione di un governo istituzionale che porti il Paese fino alle prossime elezioni ordinarie che la massimo potrebbero essere anticipate al 2017 piuttosto che al 2018. Se al prossimo referendum Renzi vincesse, allora nulla cambierebbe rispetto alle strade di lavoro oggi intraprese, compresa quella delle novità per le pensioni per cui non si farebbe nulla comunque entro l’anno, ad eccezione della mini pensione su cui si sta lavorando.

Se, perè, perdesse e l’ipotesi fosse quella di andare subito alle urne allora le novità per le pensioni, e non solo mini pensione, ma anche novità per le pensioni di quota 100, quota 41, rendere gratis la riunione dei contributi previdenziali versati nelle diverse gestioni, insieme a tasse e occupazione diventerebbero il vero campo di battaglia, soprattutto per contrastare la crescere ascesa del Movimento 5 Stelle che delle novità per le pensioni ne farebbe il suo cavallo di battaglia. Matteralla stesso, del resto, tempo fa, si era dimostrato aperto a novità per le pensioni, soprattutto perchè collegate all'occupazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il