BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 procede Fondo Indigenza con interessanti temi

Sostegno unico contro l’indigenza, riordino prestazioni assistenziali e servizi sociali: novità del Fondo Indigenza e tempi di lavoro




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Ancora una interessante accelerazione nella scrittura delle norme relative al contrasto dell'indigenza e al riordino delle prestazioni nel quadro più ampio di un piano sulle novità per le pensioni. Stando alle ultime e ultimissime notizie cresce l'attenzione perché interviene e incide sulla vita di milioni di persone oppresse o comunque prossime a una condizione di indigenza.

Dopo l’incontro di ieri tra gruppo di quota 41 ed esecutivo per nuove indicazioni su novità per le pensioni che si intendono portare avanti con informazioni che hanno dimostrato una certa apertura da parte dell’esecutivo nella realizzazione di alcuni cambiamenti richiesti, da modifiche al piano basato sulla mini pensione, a novità per le pensioni di quota 41, anche se, come emerso, bisognerebbe attendere nuove stime di eventuali costi dalla Ragioneria di Stato, a cancellazione dei costi per la riunione di contributi versati in diverse gestioni contributive, si continua a lavorare anche sul Fondo Indigenza che definirà un generale riordino delle prestazioni sociali dando vita ad un ad un univo provvedimento di contrasto all'indigenza, misura che varrà a livello nazionale, sarà modulata in base al valore Isee e di cui si potrà beneficiare a condizione che si accetti di entrare a far parte di un progetto di inclusione sociale, al fine di trovare eventuali nuove opportunità lavorative.

Per l'erogazione di tale misura, che dovrebbe essere di 448 euro al mese, l'Istituto di Previdenza procederà a controlli delle condizioni reali di chi ne ha presentato domanda e nel caso di nuclei familiari più numerosi, dove vi siano disabili o donne in gravidanza, l'entità della prestazione potrebbe anche crescere. Si tratta di una novità che potrebbe essere vista anche come un primo passo verso la realizzazione di quell’assegno universale da tutti richiesto ma su cui lo stesso premier si era detto contrario proprio qualche giorno fa, ritenendo che non si tratti della misura ideale per sostenere chi ad una certa età si ritrova senza lavoro e senza reddito da pensione, piuttosto sarebbe meglio orientarsi verso nuove politiche attive per il lavoro. Ed effettivamente questa nuova misura unica di contrasto all’indigenza coniuga entrambe le cose: vale a dire aiuto sociale per chi è in difficoltà purchè provveda però alla ricerca di una nuova occupazione.

Non rientrano tra le novità del Fondo Indigenza integrazione al trattamento minimo e pensioni per vedove e superstiti, queste misure infatti non subiranno alcun cambiamento contrariamente ad altre prestazioni come assegno e pensione sociale, quattordicesima, asdi, assegni familiari che saranno tutte comprese nella precedente misura spiegata di sostegno unico contro l'indigenza. Questa nuova misura dovrebbe comprendere anche la Carta acquisti. Secondo le ultime notizie, si tratta di provvedimenti che non interesseranno coloro che attualmente percepiscono pensioni e assegni sociali, perché entreranno in vigore dalla metà del prossimo anno, per effetto della Delega, e non avranno effetto retroattivo. Il provvedimento prevede anche novità per quanto riguarda i servizi sociali per assicurare su tutto il territorio nazionale i livelli essenziali delle prestazioni. E dovrebbe essere costituito proprio a tal fine un organismo nazionale di coordinamento del sistema degli interventi e dei servizi sociali, presieduto dal Ministro dell’Occupazione che si occupi di garantire omogeneità territoriale nell'erogazione delle prestazioni di contrasto all’indigenza.

Sono dunque diversi gli emendamenti approvati per il nuovo Fondo e si attende il via all'esame del provvedimento a Montecitorio proprio questa settimana, fino a giovedì 14, ma per il via libera definitivo bisognerà aspettare ancora qualche settimana. Probabilmente, dunque, la partita si chiuderà prima della pausa estiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il