BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa terzo ciclo 2016 nuovo ancora a rischio questa volta per assunzioni a molti spostati di un anno concorso scuola

I ritardi nelle procedure del concorso scuola si riflettono sull'intera macchina amministrativa dello Stato, Tfa terzo ciclo incluso.




Nonostante le rassicurazioni del ministro dell'Istruzione, la situazione intorno al mondo della scuola è tutt'altro che tranquilla. La prova più evidente arriva dal caos che sta coinvolgendo il concorso per insegnanti. Si va dalle difficoltà a trovare commissari disposti a correggere gli scritti, con tanto di abbandoni da parte di chi aveva già iniziato questo percorso, ai ritardi nella procedura della correzione delle prove in vista degli orali, dall'annullamento di convocazione per gli orali alla mancata pubblicazione delle griglie fino ad arrivare all'ammissione con riserva di candidati non abilitati decisa dai giudici amministrativi.

C'è chi mette in dubbio il rispetto della tabella di marcia che prevede l'assunzione dei vincitori di concorso già a settembre: non ci sarebbero i tempi tecnici. Le conseguenze sono naturalmente avvertite dall'intera macchina amministrativa dello Stato, attivazione del Tfa terzo ciclo incluso. Ecco allora che si resta ancora in attesa della pubblicazione del bando con tutti i dettagli relativi alla partecipazione ovvero requisti per l'accesso e modalità di svolgimento. A ogni modo, i posti dovrebbero essere 16.436, di cui 11.328 comuni (3.270 per le scuole medie e 8.058 per gli istituti superiori) e 5.108 sul sostegno (392 per la scuola dell'infanzia, 1.749 per la scuola primaria, 1.932 per le scuole medie, 1.035 posti le superiori).

In ogni caso, cronoprogramma a parte, si va verso l'attivazione del Tfa 2016 per tutte le classi di concorso previste dal Ministero dell'Istruzione, tra cui quelle nuove, come A-23 per l'insegnamento di Lingua italiana per studenti di lingua straniera e A-53 Storia della musica; A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 Teoria, analisi e composizione; A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione, oltre a due nuove classi di concorso su materie tecnico-pratiche.

Per l'accesso occorre sostenere e superare un test preliminare che consiste nella risoluzione di una serie di domande a risposta chiusa con quattro opzioni di cui una sola corretta. Oltre ai quesiti disciplinari, le prove d'esame includono domande volte a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi. Le prove d'esame mirano a verificare le conoscenze disciplinari relative alle materie oggetto di insegnamento della specifica classe di abilitazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il