BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie Mini pensioni, quota 100, quota 41 come minacciato a Governo Renzi nessun tiro mancino al momento

Scongiurato abbandono del governo da parte della coalizione e probabilmente rimandata anche possibilità di nuove discussioni novità pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): La maggioranza serra i ranghi e Ncd decide di lasciare i malumori interni alla resa dei conti serale con il leader Angelino Alfano. Dopo giorni di tensione, le ultime e ultimissime notizie riferiscono come il premier abbia potuto tirare un sospiro di sollievo: al Senato sul disegno di legge sugli enti locali ha trovato la maggioranza. Sarà così anche sulle novità per le pensioni?

La maggioranza supera, come almeno sembra dalle ultime notizie, le crisi e dopo il via libera al ddl bilancio di Regioni ed Enti Locali, sembra rientrata anche la 'minaccia' di abbandono dell'esecutivo da parte di Ncd di Angelino Alfano. Si pensa ora al prossimo referendum costituzionale di ottobre e allora si vedrà cosa potrebbe cambiare. C'è ancora, dunque, una maggioranza che sostiene l'esecutivo, il che fa chiaramente presupporre che lo scenario di elezioni anticipate non si prospetterà. Tutto al momento sembra dunque sospeso e probabilmente immobile resterà anche lo scenario per la realizzazione di eventuali novità per le pensioni se tutto rimarrà così. Era chiaro da tempo, infatti, che pur difficili da sostenere in questo particolare momento, le elezioni prima erano auspicate da tutti i cittadini perché sarebbero stata l’occasione giusta per portare il governo a rilanciare su novità per le pensioni che, come sappiamo benissimo, rappresentano un tema decisamente caro ai cittadini.

Solo, infatti, anticipando le elezioni si potrebbero aprire nuove possibilità di poter riportare le novità per le pensioni al centro del dibattito politico, considerando che a sfidare il Pd del premier ci sarebbe quel M5S che da sempre mira alla realizzazione di novità per le pensioni, soprattutto di quota 100 e quota 41, accompagnate dall’introduzione dell’assegno universale, e necessariamente per riconquistare consensi e voti degli elettori il premier dovrà per forza puntare sulle pensioni, così come su temi di imposte e occupazione, cose che i cittadini attendono da tempo.

Non essendoci più, però, alcun tiro mancino pronto ad essere sferrato all’esecutivo da parte della coalizione, non dovrebbero più esserci al momento prospettive di elezioni anticipate e a parte il sistema di mini pensione, di cui si sta ancora discutendo per la definizione di eventuali modifiche da apportare, si potrebbe non discutere di alcuna altra novità per le pensioni almeno entro la fine di quest’anno, rimandando tutto alle prossime elezioni che, comunque, in caso di sconfitta del premier al referendum d’autunno si potrebbero anticipare al 2017 piuttosto che tenersi nel 2018 come fissato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il